Capricci come gestirli
Capricci: come gestirli in modo efficace
5 agosto 2010
Mobbing
Mobbing in azienda: come riconoscerlo e come intervenire
5 agosto 2010
Tutte le categorie

Vomiting: il disturbo alimentare del mangiare per vomitare

vomiting disturbo alimentare

vomiting disturbo alimentareIl Vomiting è un disturbo del comportamento alimentare, poco conosciuto, che è stato definito per la prima volta in terapia breve strategica e che consiste principalmente nell’utilizzo di condotte di eliminazione (vomito), che autoindotti ripetutamente, da tentata soluzione per risolvere un problema (di anoressia o bulimia), si trasformano nel problema stesso. (Leggi l’intervista completa che ho rilasciato sul Vomiting: il disturbo alimentare basato sul piacere di vomitare)

Nello specifico, il vomito, inizialmente, rappresenta un mezzo, che la persona può utilizzare per far fronte ad una paura di ingrassare.

La persona quindi, si abbuffa, spesso per compensare carenze affettive, poi si spaventa di aver esagerato, viene assalita dalla paura di prender peso e vomita.

La condotta di eliminazione, se reiterata nel tempo, potrebbe portare la “vomitatrice” a sperimentare la falsa illusione che, quando vuole, può riempire i vuoti affettivi e svuotarsi al tempo stesso di ciò che ha materialmente ingerito.

Il circolo vizioso del vomiting

Il circolo vizioso mangiare-vomitare, inizia così a trasformarsi gradualmente in qualcosa di piacevole, generando un disturbo a sé stante e contribuendo a ristrutturare la percezione del vomito, da mezzo accessorio iniziale (nella bulimia o nell’anoressia) a mezzo che genera piacere (nel vomiting).

Si passa così dal “mangiare per piacere” al “mangiare per vomitare”, dove l’obiettivo della vomitatrice, non è più quello di utilizzare il vomito per la paura di ingrassare, dopo un raptus di fame, ma di mangiare per raggiungere quel “piacere”.

Il momento dell’espulsione, diventa a questo punto, l’incontro che si ripete con il proprio “amante segreto”, che contribuisce a rafforzare l’entità del disturbo stesso e a creare, al tempo stesso, una sorta di dipendenza nei confronti del “piacere perverso”.

Dai risultati ottenuti in una moltitudine di casi, l’intervento breve strategico, in questo senso è risultato essere il tipo di trattamento più efficace. L’intervento non si focalizza sul cibo, ma piuttosto sulla condotta di eliminazione che genera piacere, cercando di creare un piacere più grande (ubi maior minor cessat) e successivamente di inserire e portare alla scoperta di nuovi piaceri.

Approfondimenti

Vomiting: il disturbo alimentare del mangiare per vomitare
Valuta questo articolo

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach presso Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

Articoli recenti di Dott. Davide Algeri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.