La disprassia verbale evolutiva
8 gennaio 2016
Sadomasochismo e BDSM: la sottomissione che determina il piacere
15 gennaio 2016
Tutte le categorie

Diagnosi di DSA: attenzione alle forzature

Tempo di lettura: 2 minuti

dsa-disturbo-apprendimentoQuando si parla di disturbi specifici dell’apprendimento si fa riferimento a quattro ordini di difficoltà: la Dislessia, che è un disturbo della lettura, la Disortografia che riguarda la scrittura (la codifica fonografica e la competenza ortografica), la Disgrafia, inerente l’abilità grafo-motoria, e la Discalculia, che coinvolge le abilità di numero e calcolo. Mentre le prime tre possono essere riscontrate a partire dalla fine della seconda della classe primaria, la discalculia può essere diagnosticata alla fine della terza. I segnali di un’eventuale difficoltà, però, possono essere individuate anche prima, ma solo nei momenti sopracitati possono essere diagnosticati come tali.

E’ importante, dunque, laddove ci fossero dei segnali, intervenire precocemente per potenziare le aree dove sono presenti maggiori complessità.

Quando parlare di DSA

Perché si possa parlare di disturbi specifici dell’apprendimento è importante tenere presenti alcuni fattori che escludono la diagnosi:

  1. In primo luogo, bisogna escludere la presenza di un ritardo mentale: il bambino, dunque, deve avere un quoziente intellettivo nella norma.
  2. Bisogna escludere la presenza di patologie neuropsicologiche e accertarsi che non vi siano deficit sensoriali. Può sembrare scontato, ma accertarsi che il bambino ci veda bene o ci senta in maniera corretta è molto importante e, troppo spesso, sottovalutato.
  3. Fondamentale, infine, è considerare i fattori ambientali: è importante considerare se le difficoltà emotive sono reattive al disturbo d’apprendimento, oppure se ansia, preoccupazioni legati ad altri fattori critici (come, ad esempio, un trasloco o una separazione) possono intervenire e sviluppare i medesimi sintomi.

È su quest’ultimo aspetto che, purtroppo, si tende a non soffermarsi abbastanza: siamo sicuri, infatti, che il sintomo (cioè la difficoltà di scrittura, lettura,….) rappresenti la malattia? La domanda che sorge spontanea, dunque, è se di fronte a queste difficoltà occorre necessariamente una diagnosi di disturbo specifico di apprendimento. Il bambino, occorre ricordare, non è il sintomo: spesso i bambini vengono scotomizzati e le problematiche più ampie o di altra natura vengono relegate in questo specifico settore.

Lettura di approfondimento:  Disturbo oppositivo provocatorio: suggerimenti per gli insegnanti

Con ciò, non si vuol dire che i disturbi specifici d’apprendimento non esistano, anzi. Questa provocazione nasce proprio per tutelare chi è caratterizzato da un disturbo di questo tipo. È molto importante stare attenti ad escludere diversi fattori, che potrebbero creare dei circoli viziosi da cui  risulterebbe, con il tempo, difficile districarsi.

L’aumento esponenziale del numero di diagnosi relative ai Disturbi Specifici dell’Apprendimento dovrebbe farci soffermare a riflettere proprio su questo: la scuola è, spesso, il primo luogo extra familiare in cui i bambini si muovono, e in cui trascorrono la maggior parte della loro giornata. Proprio per questo che essa rappresenta un terreno fertile dove mostrare eventuali difficoltà o momenti di blocco.

Per tale motivo è molto importante, quando si esegue una valutazione degli apprendimenti, accompagnarla ad una valutazione psicologica del bambino, che tenga in considerazione la sua storia e la sua personalità, con un approccio globale che eviti di scotomizzare il piccolo, alla ricerca forzata di una diagnosi.

Commenta su Facebook
Diagnosi di DSA: attenzione alle forzature
Valuta questo articolo
Dr.ssa Annabell Sarpato

Dr.ssa Annabell Sarpato

Psicologa e conduttrice di gruppi
Esperta in Processi di Apprendimento
Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.
Dr.ssa Annabell Sarpato

Latest posts by Dr.ssa Annabell Sarpato (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

Lettura di approfondimento:  Sindrome di Alienazione Genitoriale PAS

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Dr.ssa Annabell Sarpato
Dr.ssa Annabell Sarpato
Psicologa e conduttrice di gruppi Esperta in Processi di Apprendimento Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.