Come proteggere bambini e adolescenti dagli abusi sessuali
31 dicembre 2015
Diagnosi di DSA: attenzione alle forzature
12 gennaio 2016
Tutte le categorie

La disprassia verbale evolutiva

Tempo di lettura: 3 minuti

disprassia verbale evolutivaCosa è la disprassia?

La Disprassia Verbale Evolutiva (DVE) è un disturbo centrale caratterizzato da difficoltà significative nella capacità di programmare i movimenti necessari per la produzione di singoli suoni e sillabe, e della loro produzione e organizzazione in sequenza.

La parola prassia riconduce infatti al concetto di azione, movimento, e in generale a quelle sequenze motorie volontarie che in bambini/e con questa condizione appaiono gravemente compromessi e di difficile esecuzione (dis-prassia).

La parola verbale rimanda invece al fatto che questo disturbo non compromette in assoluto tutti i tipi di movimento volontario, caso nel quale si parlerebbe di Disprassia generalizzata, ma solo quei movimenti a carico della bocca, della lingua e della faccia che sono alla base della produzione linguistica.

Come riconoscere la disprassia?

La Disprassia Evolutiva Verbale è una condizione molto sottovalutata e ancora poco studiata, tanto che fino al 2007 sono state proposte nella letteratura scientifica circa 50 diverse definizioni. Questa difficoltà dal punto di vista della ricerca si è ampiamente riversata nella pratica clinica, rendendo molto difficile il riconoscimento, l’inquadramento diagnostico e soprattutto la distinzione fra questa e altre condizioni o disturbi del linguaggio.

Questa condizione, inoltre, può presentarsi in associazione ad altre condizioni (Autismo) o disordini neuroevolutivi (epilessia, sindromi cromosomiche) che ne rendono il riconoscimento tardivo.

Attualmente gli esperti sono concordi nel considerare però almeno 3 sintomi principali che caratterizzano la Disprassia Verbale Evolutiva, e che ne permettono il riconoscimento a prescindere dall’intensità e da altre manifestazioni associate:

  1. Incoerenza fonologica: ovvero la produzione di movimenti e suoni diversi per uno stesso fonema, senza però che ci sia una consapevolezza o volontà; dunque il/la bambino/a ha difficoltà a produrre un suono e ne realizza uno diverso, ma non perché è più semplice produrlo o perché somiglia al suono target, bensì perché c’è una più o meno profonda difficoltà nel controllare e nell’automatizzare i movimenti necessari;
  2. Difficoltà nella produzione in sequenza e nel passaggio fra diversi segmenti o sillabe: nel momento in cui certi movimenti vengono appresi e automatizzati, risulta per questi bambini spesso difficile inserirli all’interno di sequenze di suoni più lunghe, così come inibirli correttamente; in questo caso è possibile che il/la bambino/a tenda a riprodurre uno stesso gesto articolatorio in modo preferenziale;
  3. Alterazione nell’eloquio: la difficoltà marcata nel controllo dei gesti articolatori compromette ovviamente anche l’eloquio e provoca: alterazioni del ritmo, rapporto anomalo fra sillabe forti e deboli, riduzione della velocità e della fluenza dell’enunciato.
Lettura di approfondimento:  Quando risulta difficile la comprensione di un testo scritto

Cosa osservare nelle prime fasi di sviluppo?

E’ evidente che a seconda della gravità della condizone è possibile assistere ad una maggiore o minore compromissione della produzione verbale, tuttavia diversi indicatori precoci possono indirizzare gli educatori ad un’attivazione precoce:

  • Lallazione anomala
  • Bagaglio di vocali e consonanti scarso e atipico
  • Sviluppo lessicale eccessivamente lento e/o povero
  • Grande differenza fra la capacità di comprendere (molto maggiore) e quella di esprimersi (molto più scarsa)
  • Capacità intatta di attuare alcuni movimenti involontariamente, ma difficoltà o impossibilità di controllare volontariamente gli stessi movimenti
  • Produzione di alcuni movimenti oro-articolatori a vuoto, come se il/la bambino/a fosse alla ricerca del movimento giusto (groping)

Come affrontare la disprassia?

Come in tutti i casi in cui si sospetta la presenza di difficoltà più o meno intense è opportuno rivolgersi a specialisti specificamente formati allo scopo di effettuare una valutazione completa del profilo di funzionamento del/la bambino/a; questo ha lo scopo di conoscere le caratteristiche del/la bambino/a e di indirizzare un eventuale intervento di potenziamento proprio nelle aree di maggiore fragilità, soprattutto attraverso:

  • Stimolazioni generali (conoscenza e riconoscimento delle varie parti del viso e della bocca)
  • Stimolazioni di distretti specifici (lingua, labbra, guance)
  • Stimolazioni di movimenti specifici (soffio, ecc)
  • Potenziamento di gesti articolatori specifici (piani articolatori verticali, orizzontali, ecc)

Approfondimenti

La disprassia verbale evolutiva
4.8 (95%) 4 votes
Dr.ssa Sara Ruggeri

Dr.ssa Sara Ruggeri

Psicologa
Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento
Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.
Dr.ssa Sara Ruggeri

Latest posts by Dr.ssa Sara Ruggeri (see all)


_____________________________________________________
Lettura di approfondimento:  Studiare in modo efficace: come organizzare spazio, tempo e informazioni

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

50% 0% 50% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Sara Ruggeri
Dr.ssa Sara Ruggeri
Psicologa Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.