pronome clitico nei bambini
La comprensione del pronome clitico oggetto nei bambini in età scolare
15 marzo 2018
insonnia risvegli notturni
Insonnia dalla A alla Z(zzz)
4 aprile 2018
Tutte le categorie

Vuoto interiore e senso di solitudine: quali cause e come intervenire

vuoto interiore

Uomo solo in riva al mare

Tempo di lettura: 4 minuti
vuoto interiore e solitudine

Uomo solo in riva al mare

In questo articolo descriveremo la sensazione di vuoto interiore, cui è spesso associata la paura della solitudine e le cause da cui questo spesso si origina. Per concludere spiegheremo come colmare in modo sano il senso di vuoto.

Le false credenze sul senso di vuoto

Nella nostra società spesso le dipendenze rappresentano un modo per colmare il senso di vuoto interiore e la paura di rimanere soli. Succede con il gioco d’azzardo, l’alcool, i videogames, lo shopping, la chirurgia estetica, le droghe e anche con le relazioni. Tutte pseudo-soluzioni che danno l’impressione di poter star bene da soli. (Approfondisci il tema delle dipendenze)

La sensazione di sentirsi vuoti (“Mi sento vuoto dentro”, “Ho il vuoto dentro”, “La mia vita è vuota”) e la paura della solitudine, spesso spingono a iniziare dei rapporti solo per il “bisogno di riempire” e non sentire la sofferenza interiore o per non sentirsi soli.

Molte persone si sentono vuote all’interno e credono che ciò dipenda da diversi motivi:

  • Il compagno che non da abbastanza amore e attenzione
  • Quando ti manca una persona
  • L’assenza di un partner
  • Una vita vuota e noiosa
  • La frustrazione nel lavoro
  • La mancanza di successo
  • La mancanza di soldi
  • La mancanza di amici
  • La mancanza di amore, attenzione e approvazione da amici e parenti
  • La mancanza di sesso

Eppure non è la mancanza di nessuno di questi a causare il vuoto interiore.

Le cause del vuoto interiore

Le dipendenze possono funzionare nel breve, distraendo la persona dalla sofferenza interiore, ma nel lungo tempo la sensazione di essere vuoti dentro torna generando un forte senso di solitudine e la tentata soluzione rischia di trasformarsi in un problema più serio.

Questo dipende dal fatto che tutti questi comportamenti affrontano solo il sintomo del vuoto interiore e non la causa.

Ciò accade perché le persone faticano a fare i conti con il proprio senso di tristezza e solitudine, pensando che questo possa sparire nel tempo o al contrario che il malessere interiore sia insuperabile e destinato a durare in eterno. In realtà, per combattere la solitudine, bisogna passare in mezzo alla tristezza e al senso di vuoto. Questo è l’unico modo che si ha per rafforzarsi rispetto alla paura di stare soli e per costruire la percezione di “bastare a sé stessi”, ovvero la sicurezza di poter contare sulle proprie forze e risorse.

Lettura di approfondimento:  Perché una coppia va in crisi?

Il blocco delle emozioni

Il senso di vuoto interiore può nascondere da un lato un’incapacità di entrare in comunicazione con i propri sentimenti ed emozioni (approfondisci la lettura dell’articolo sull’anestesia emotiva) e dall’altro una mancanza d’amore, venuta meno nell’infanzia, che ha generato un vuoto emotivo e un forte senso di solitudine.

Spesso dei traumi vissuti nell’infanzia portano la persona a inibire le emozioni. Questo le porta a cercare dei rapporti dove l’attivazione emotiva risulta forte. Quindi innamoramenti o situazioni in cui il partner non è raggiungibile mai completamente, generando forti sentimenti di gelosia per la paura di sperimentare la noia o la sensazione di vuoto interiore.

La carenza affettiva che genera il vuoto emotivo

Alla base del senso di vuoto vi è anche una carenza affettiva, spesso legata all’assenza della madre che non ha trasmesso le emozioni in modo funzionale, né ha saputo contenere le angosce del bambino, generando in lui un disagio interiore. Questo porta poi l’adulto a riempire il vuoto interiore con relazioni, dove non importa tanto la persona in particolare, ma che sia una persona (qualsiasi) a farlo. Di contro, quando la relazione non funziona, per incomprensioni, gelosie o liti continue, diventa difficile staccarsi, proprio per evitare di sentirsi vuoti dentro.

Solo una cosa infatti è in grado di riempire il vuoto interiore: l’Amore che può venire da un partner, ma anche da noi stessi.

Anestetizzarsi con la presenza di altro o di altri, genera continue illusioni-delusioni che nel tempo possono portare a sentirsi inutili e inadeguati, non degni di amore, non importanti, egoisti, sbagliati, fino a stati depressivi e alla paura di vivere.

Lettura di approfondimento:  I bisogni di intimità e autonomia della coppia

Il senso di vuoto in psicopatologia

L’anestesia emotiva e il senso di vuoto si presentano in modo costante in diversi profili psicopatologici:

  • Nel Narcisismo spesso la persona proprio per il senso di vuote che porta dentro, tende a riepirlo cercando relazioni che possano dare forti emozioni e di conseguenza riempire il vaso così da non percepire il disagio interiore.
  • Nel Depresso spesso è dato dalla mancanza di un obiettivo, o dal venir meno di un piacere, o ancora da un’esistenza insoddisfacente che porta a ricercare forme malsane di riempimento del senso di vuoto, verso le quali riversare la propria sofferenza interiore o attraverso le quali distrarsi.
  • In chi soffre di Disturbi Alimentari caratterizzati anche questi da una forte soffrenza e vuoto affettivo interno che spesso riempiono in modo compulsivo con il cibo, come difesa dalle emozioni ingestibili.

Come colmare in modo sano il senso di vuoto

Come combattere la solitudine

meditazione per il senso di vuoto interiore

Donna che pratica la meditazione

Imparare a guardarsi dentro e a riempire il vuoto emotivo amando se stessi, coltivano i propri interessi e spazi personali può aiutare a sentir meno la mancanza di una persona e la solitudine interiore.

Anche tirare fuori le emozioni angoscianti che proviamo può rappresentare un buon modo per non sentirsi soli in coppia. In tal senso può essere utile farlo a voce con chi ci sta vicino. Oppure anche scrivere un diario può aiutare a comprendere meglio la tua sensazione di vuoto interiore, annotando quando si presenta, gli orari del giorno, con quali persone, l’emozione associata e l’intensità, i pensieri che partono in automatico.

La meditazione può essere utile per guardarsi dentro ed esaminare il vuoto interiore, rallentare i pensieri e stare sulle sensazioni che ci fanno star male, fino ad abituarci gradualmente e ad accettarle. E’ utile anche per collegare la mente al corpo e analizzare la sensazione nel particolare.

Lettura di approfondimento:  E vissero felici e contenti: i segreti dell'amore duraturo

Una volta accettato il senso di solitudine e riempito il vuoto con i nostri interessi, impareremo a stare con qualcuno non più per bisogno o per paura di restare soli, ma per scelta.

Approfondimenti

Vuoto interiore e senso di solitudine: quali cause e come intervenire
5 (100%) 2 votes

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach at Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

21.95% 4.88% 58.54% 9.76% 4.88%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.