manie di persecuzione
Manie di persecuzione: come superarle
6 marzo 2018
vuoto interiore
Vuoto interiore e senso di solitudine: quali cause e come intervenire
21 marzo 2018
Tutte le categorie

La comprensione del pronome clitico oggetto nei bambini in età scolare

pronome clitico nei bambini

Terapista del linguaggio con ragazza con disturbi del linguaggio

Tempo di lettura: 3 minuti
pronome clitico nei bambini

Terapista del linguaggio con ragazza con disturbi del linguaggio

In italiano c’è una classe di pronomi chiamati clitici, che sono dei morfemi monosillabici (particelle pronominali, particelle avverbiali, pronomi personali) che non possono essere usati in isolamento e non possono essere separati dal verbo (es. mi ti ci si vi). Nell’esempio: “Giulia legge un libro e Luca lo guarda”, lo è legato anaforicamente al suo antecedente (Luca) e viene chiamato pronome clitico oggetto.

Quando manca il pronome clitico

In Italiano i pronomi compaiono relativamente presto: a due anni e mezzo i bambini cominciano a produrli ed a comprenderli, sebbene si possono evidenziare delle difficoltà negli anni successivi. Quando queste difficoltà persistono, come l’omissione del pronome clitico oggetto, possono essere considerate un marcatore clinico del Disturbo Specifico del Linguaggio (DSL) nei bambini parlanti lingua italiana. (Leggi l’articolo sul Disturbo Specifico del Linguaggio)

Come comprende il pronome clitico il bambino con sviluppo tipico in età scolare?

Tramite una ricerca condotta con gli studenti di classe quarta della scuola primaria di Cologno Monzese (MI) è stata indagata la capacità del bambino di comprendere il pronome clitico, mettendo in luce le strategie che lui utilizza nello stabilire il corretto antecedente del pronome (l’elemento della frase a cui si riferisce il pronome) tramite due compiti tra loro incrociati.

I bambini che hanno preso parte a questo studio hanno un età media di 9 anni e 6 mesi, senza Disturbi dell’Apprendimento (DSA) o Bisogni Educativi Speciali (BES) e ad ognuno di loro -tramite l’utilizzo di un computer portatile e delle cuffie- sono state fatte ascoltare delle frasi come: “in questa storia una strega ride vicino ad un mago, io lo guardo e poi vado via”.

Lettura di approfondimento:  Scuola e ragazzi adottati

La struttura della frase varia in base alla posizione dell’antecedente del pronome clitico e del competitore. Con antecedente si intende l’elemento della frase a cui si riferisce il pronome (mago), mentre il competitore è l’altro elemento della frase a cui si potrebbe riferire il clitico (strega), che va quindi a competere con l’antecedente.

Il bambino, inconsapevolmente, durante l’ascolto utilizza delle strategie nello stabilire l’antecedente corretto in base a diversi fattori come: l’ordine di menzione dei possibili antecedenti nella frase, il genere ed il numero o restrizioni di ordine sintattico. 50 ms prima dell’ascolto del pronome clitico sullo schermo del computer appare un’immagine di un qualsiasi oggetto ed il bambino deve scegliere il genere del nome dell’oggetto rappresentato tramite due pulsanti sulla tastiera, ed in questo caso verranno presi in considerazione accuratezza e tempi di reazione del bambino nell’effettuare tale scelta. Alla fine dell’ascolto della storia, il bambino deve rispondere a voce ad una domanda di comprensione inerente alla storia sentita poco prima, ad esempio: “Chi ho guardato?”, valutando poi l’accuratezza del bambino in tale risposta.

Risultati della ricerca

Ci si aspettava che il bambino sarebbe stato facilitato nella scelta del genere dell’immagine quando il genere della figura e del pronome ascoltato erano uguali (clitico: lo; immagine: tavolo) rispondendo quindi più velocemente, ma invece i risultati hanno evidenziato che non è così. I risultati mettono in luce invece che il bambino utilizza strategie sintattiche, perché risponde più velocemente e più correttamente in entrambi i compiti quando l’antecedente del pronome clitico è il soggetto della frase, che è solitamente il primo elemento nominato. Il bambino utilizza quindi l’ordine di menzione degli elementi dell’enunciato per stabilire il corretto antecedente del pronome.

Lettura di approfondimento:  Sviluppare il talento nei bambini

In linea generale però, l’accuratezza delle risposte del bambino è stata del 52%, e questo evidenzia che a 9 anni i bambini hanno ancora delle difficoltà nella comprensione del pronome clitico e nella definizione del suo corretto antecedente.

Mara Giani e Sara Longo

Approfondimenti

La comprensione del pronome clitico oggetto nei bambini in età scolare
5 (100%) 1 vote

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Mara Giani

Dr.ssa Mara Giani

Psicologa, Psicoterapeuta, Mediatrice Familiare
Esperta in EMDR
Offre interventi di psicoterapia ad individui, coppie e famiglie. E' consulente tecnico d’ufficio e consulente tecnico di parte per il Tribunale di Milano.
Dr.ssa Mara Giani

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Mara Giani
Dr.ssa Mara Giani
Psicologa, Psicoterapeuta, Mediatrice Familiare Esperta in EMDR Offre interventi di psicoterapia ad individui, coppie e famiglie. E' consulente tecnico d’ufficio e consulente tecnico di parte per il Tribunale di Milano.