La famiglia del paziente schizofrenico
6 Marzo 2017
E’ proibito non sorridere ai problemi. I benefici della risata
29 Aprile 2017
Tutte le categorie

Lo psicologo in ambito penale

Psicologo ambito penale

Psicologo in ambito penaleLo psicologo in ambito penale

Lo psicologo può essere nominato dal giudice, in qualità di esperto, anche nell’ambito penale. In questo caso il professionista dovrà svolgere una perizia e come tale viene definito in gergo tecnico perito.

Può succedere che il magistrato, definito peritus peritorum, nomini un esperto psicologo in ambito penale in una particolare disciplina qualora si trovi ad esprimere un giudizio in un particolare ambito di cui non ha le competenze necessarie. Il perito nominato dovrà rispondere ad una serie di quesiti posti dal giudice diventandone il suo ausiliario.

Data la delicatezza del compito che il perito in ambito penale si trova a svolgere è necessario che abbia (oltre ad un’adeguata preparazione nell’ambito specifico) caratteristiche di imparzialità e integrità morale. Deve agire in scienza e coscienza conoscendo e dichiarando i propri limiti in certi ambiti e richiedendo, se ne è il caso, l’aiuto di altri esperti. In tutto questo il rispetto del Codice Deontologico professionale è di enorme aiuto poiché funge da guida per le norme di comportamento.

Entrando più nel dettaglio, uno psicologo in ambito penale può essere chiamato a rispondere a diversi quesiti valutativi tanto per gli imputati quanto per i testimoni o per le vittime di reato.

I compiti dello psicologo in ambito penale

Fra i compiti principali troviamo:

  • Valutazione della capacità di intendere e volere al momento del reato: questa valutazione è determinante per l’imputabilità o meno del reo dal momento che la giurisprudenza afferma, nell’art 85 del c.p. , che nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato, se al momento in cui lo ha commesso, non era imputabile. E’ imputabile chi ha capacità di intendere e di volere. Pertanto quello che viene richiesto al perito è di valutare la capacità di intendere e di volere del soggetto nel momento in cui è avvenuto il fatto doloso. Possiamo definire la capacità di intendere come quella competenza che si ha e che permette di capire il disvalore sociale di un’azione nonché di anticiparne le conseguenze connesse a tale gesto. La capacità di volere invece, come ci indica la parola stessa, fa riferimento alla volontà di mettere in atto una determinata azione presupponendo delle capacità autoregolative e inibitorie. La valutazione quindi dirà se la persona era o meno in grado di intendere e di volere o se lo era parzialmente. Nel caso in cui era pienamente capace di intendere e di volere il soggetto verrà condannato, altrimenti no.
  • Valutazione della pericolosità sociale: in questo caso il perito dovrà esprimere un parere prognostico sulla pericolosità del soggetto dal momento che si ritiene che possa compiere nuovi atti criminosi. Questa valutazione può essere richiesta dal giudice sia per chi è stato giudicato capace di intendere e di volere sia per chi non lo è stato.
  • Valutazione della capacità di stare a processo: questa consiste nella capacità dell’imputato di partecipare in maniera idonea e consapevole a tutte le fasi del giudizio. Inoltre deve essere in grado di esprimersi assumendone un ruolo attivo ed esercitando così il proprio diritto all’autodifesa.
  • Perizia sui testimoni: questa valutazione serve a stabilire se i testimoni convocati sono in grado di rendere testimonianza. E’ bene sottolineare che compito del perito non è quello di verificare la veridicità o meno di quanto raccolto nella testimonianza, bensì quello di stabilire se i processi mnestici sono integri ed adeguati. Pertanto potrà esserci un testimone che è stato giudicato idoneo a rendere testimonianza (dal momento che non sono state rilevate delle compromissioni a carico della memoria e degli organi percettivi), ma che dichiarerà il falso.
  • Perizie svolte in fase esecutiva e cautelare: questa valutazione fornisce un’indicazione al giudice su quale sia la migliore misura cautelare nei confronti del detenuto ovvero, per esempio, il carcere piuttosto che un trattamento in un ospedale psichiatrico.
  • Circonvenzione d’incapace: in questo caso la perizia viene richiesta sulla vittima allo scopo di accertare un qualche svantaggio (fisico, psichico o semplicemente la minore età) tali da diminuirne la comprensione dell’evento in questione nel momento in cui si è verificato. Questa risulta essere una forma di tutela nei confronti della vittima dal momento che, qualora se ne dovesse verificare lo svantaggio, ciò costituirebbe un’aggravante per il reo.

Come abbiamo avuto modo di vedere le richieste che possono sopraggiungere ad un perito sono molteplici e molto delicate oltre a spaziare dall’autore di reato alla vittima. Ancora una volta vediamo come il legislatore non lascia nulla di intentato e come sia garante tanto di chi commette il reato che di chi lo subisce. Spesso però i mass-media ci mostrano una realtà semplificata, con titoli di giornali creati ad hoc per far scandalo, atteggiamento che crea malcontento nei non addetti ai lavori svilendo il sistema giudiziario.

Scritto dalla Dott.ssa Mara Giani e dalla Dott.ssa Chiara Cicchese

Approfondimenti

La perizia psicologica in ambito civile e penale. Storia, sviluppi e pratiche, di L. Abazia

Dott. Davide Algeri
Latest posts by Dott. Davide Algeri (see all)

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi sul mio account personale di Instagram, sulla Pagina Ufficiale Facebook di Psicologia Pratica o nel Gruppo di Psicologia Pratica. © Copyright www.davidealgeri.com. Tutti i diritti riservati. E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e/o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da Davide Algeri e con citazione esplicita della fonte (www.davidealgeri.com). E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Contatta lo psicologo a Milano

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


VIDEOCORSO

COME SUPERARE UN TRADIMENTO

I miei strumenti e le strategie efficaci per affrontare l'infedeltà. Tutto in un video corso.

superare un tradimento

Hai scoperto da poco di essere stato tradito/a dal tuo partner? Ti è caduto il mondo addosso e tutti i progetti che avevate costruito insieme si sono frantumati? Senti che non potrai più recuperare la fiducia che avevi riposto in lui/lei e non sai se vorrai continuare la relazione? Avverti emozioni contrastanti che ti spingono ad avvicinarti e ad allontanarti? Oppure stai pensando di uscire dalla relazione, ma hai troppa paura di cosa accadrà dopo?

Scopri in che modo questo video corso può esserti di aiuto a superare questo momento difficile.

SCOPRI DI PIU'
Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.