Food craving: quell'incontrollabile desiderio di cibo | Psicologo Milano
relazione-breadcrumbing
Relazione breadcrumbing: “briciole di pane” per creare speranza
30 Marzo 2020
violenza assistita
Violenza assistita: quali effetti sui figli
3 Aprile 2020
Tutte le categorie

Food craving: quando si ha il desidero incontrollabile di cibo

food craving

food cravingAvete mai sentito parlare di food craving? 

Probabilmente, anche se non vi dice nulla, può essere che ne avete fatto esperienza, diretta o indiretta.

Avrete sicuramente sentito parlare di “voglie di cibo”. Spesso sono associate al periodo della gravidanza.

Ognuno di noi ne fa esperienza, chi più e chi meno.

In questo articolo parleremo di food craving, di come agisce sulla nostra persona, di cosa causa e del perché il desiderio di cibo spesso diviene così potente e irrefrenabile per la persona.

Food craving: cos’è?

Come abbiamo accennato, il food craving risulta essere, ad oggi, diffuso e ampiamente conosciuto, anche se molti suoi aspetti risultano ancora ignoti e, in un certo senso, misteriosi.

Il termine di food craving deriva dall’inglese e indica un intenso e irrefrenabile desiderio per un cibo specifico: un desiderio questo che risulta incontrollabile e indipendente dalla fame.

Questo desiderio può durare pochi minuti o intere giornate e riguarda soprattutto il cosiddetto “cibo spazzatura”, ricco di zucchero, sale e grassi. (Leggi perché è impossibile resistere al cibo spazzatura)

Oggi il food craving è in continua espansione ed è considerato come un allarmante disturbo alimentare.

Chi soffre di food craving e tende a mantenere uno stile di vita sano e il giusto peso corporeo, va incontro però ad una contraddizione evidente: da una parte vige la voglia di mantenere una giusta alimentazione, dall’altra la persona si trova a sperimentare questi impulsi irrefrenabili e incontrollabili che sono un vero e proprio ostacolo alla dieta.

Inoltre la persona con questo disturbo, spesso mangia altro in attesa di soddisfare la voglia. Spesso, inoltre, continua a mangiare fin quando non ottiene l’alimento desiderato.

Solo in Italia, il food craving è un fattore che concorre al sovrappeso nel 20% dei bambini tra gli 8 e i 9 anni.

Ovviamente ciò diviene un disturbo e un vero e proprio “problema” quando si trasforma in abitudine. (Leggi come uscire dalle dipendenza dalle abitudini)

Desiderio incontrollabile di cibo e fame: quali differenze

Quello che ci potremmo chiedere è: “ma il food craving è simile al senso di fame?”

Apparentemente sembrano esserci degli aspetti in comune, come il desiderio, appunto, di mangiare e cercare di soddisfare il proprio desiderio. Questo molte volte porta a considerare gli episodi di food craving come dei semplici “attacchi di fame”.

E’ necessario però differenziarle.

La fame è, sicuramente, uno dei nostri bisogni primari e permette al nostro corpo di acquisire i nutrienti necessari per svolgere le attività quotidiane.

La sensazione di fame è innescata e regolata da meccanismi del cervello, estremamente complessi, che coinvolgono ormoni e nervi. Tra questi, ad esempio l’insulina, che è coinvolta nel processo di regolazione dell’assunzione di cibo. E’ invece compito di alcuni recettori “riuscire” a comunicare al cervello quando l’intestino è vuoto.

La fame è quindi direttamente legata ad un bisogno essenzialmente fisiologico.

Con food craving si intende invece il semplice desiderio di mangiare determinate tipologie di cibo che, nella maggior parte dei casi, sono poco sane, piene di calorie e povere di nutrienti essenziali.

Non sarebbe fantastico avere una voglia irrefrenabile di broccoli, invece che di muffin al cioccolato?

Questo, sicuramente, ci farebbe sentire meno in colpa e ci farebbe apprezzare queste voglie di cibo che, invece, spesso ci mettono in crisi. Molti, infatti, si chiedono: “devo per forza soddisfare tale desiderio e tale voglia”?

La differenza è dunque evidente: mentre la fame ha un ruolo adattivo per noi e per il nostro benessere, il food craving, semplicemente, permette il soddisfacimento di un desiderio che, però, non è collegato ad un bisogno fisico.

Quando abbiamo voglia di cioccolato, non ne abbiamo voglia per fame, in moltissimi casi.

Cosa causa il food craving?

cibo spazzatura o dieta?Quello che, probabilmente, vi starete chiedendo a questo punto: “se il food craving è semplicemente un desiderio e non dipende dalla fame fisica, da cosa dipende”?

Cosa causa queste voglie di cibo irrefrenabili?

Da diversi studi è emerso come le voglie di cibo nascano in alcune regioni del cervello responsabili della memoria, del piacere e della ricompensa.

Inoltre, da questi studi sono emersi diversi fattori che possono, in un certo senso, innescare queste voglie di cibo.

Vediamoli insieme.

Le emozioni

È stato osservato che le emozioni che proviamo, inevitabilmente, influenzano i nostri pensieri e il nostro corpo.

Provare rabbia, gioia, dolore, felicità, tristezza, influenza il modo in cui percepiamo il mondo o comunque il nostro ambiente, oltre che noi stessi. E’ emerso come per il food craving, decisive siano le emozioni negative quali tristezza, noia e stress.

Questo perché quando proviamo emozioni negative, tendiamo ad utilizzare il cibo come uno strumento consolatorio.

Ma c’è di più, non scegliamo cibi qualunque. Piuttosto tendiamo a scegliere snack ricchi di carboidrati. Questi infatti aumentano i livelli di serotonina, l’ormone della felicità.

L’ambiente circostante

L’ambiente che ci circonda ha, a sua volta, un impatto decisivo sulla nostra mente e sul nostro corpo.

Ti è mai capitato di sentire nell’aria un profumo di pizza oppure di croissant appena sfornati?

Probabilmente sì: come avete reagito a questo odore? Magari hai comprato quel croissant o quella pizza.

E se non l’hai fatto, probabilmente ci hai pensato almeno fino a quando non eri abbastanza lontano/a da quel profumo.

Insomma, soltanto vedendo o sentendo quel profumo, il tuo cervello si è convinto come l’unica cosa da fare fosse mangiare una pizza o un croissant.

La qualità del sonno

Lo so, potrà sembrare strano, ma uno dei fattori che incide su queste voglie di cibo improvvise è proprio il sonno e a tal proposito sembra esserci una valida dimostrazione scientifica.

Il responsabile sembrerebbe essere l’ormone leptina, il quale si occupa di regolare la sensazione di sazietà.

Questo ormone è generalmente prodotto durante tutta la giornata, ma, soprattutto, durante la notte.

Se dormiamo poco, la quantità di leptina rilasciata diminuisce e, di conseguenza, si riduce anche la sensazione di sazietà.

La voglia di cibi poco sani con tali presupposti non può che aumentare.

Le abitudini alimentari

Un altro fattore importante è l’abitudine alimentari.

Ad esempio, bere il caffè sempre dopo pranzo oppure berlo durante l’ora della merenda pomeridiana, accompagnandolo ad un dolcetto.

Cosa succede, però, se questa abitudine viene, interrotta improvvisamente, perché ci si trova in una situazione in cui non è possibile bere un caffè con il dolcetto?

Molto probabilmente nella mente si innescherà una voglia irrefrenabile e un intenso desiderio di caffè con dolcetto e, quindi, di conseguenza si cercherà in tutti i modi di soddisfarla.

Le restrizioni alimentari

Una teoria che cerca di spiegare il food craving è quella secondo cui tali episodi sono innescati da costanti e persistenti restrizioni alimentari che, quindi, determinano una dieta poco equilibrata.

Molte volte, infatti, capita che chi segue una dieta alimentare, elimini completamente alcuni prodotti dalla propria alimentazione magari per paura che ostacolino la perdita di peso.

Questo, per esempio, è molto comune nelle diete “fai da te”.

Tutto ciò, però, non fa che aumentare gli episodi di food craving. Questo perché il corpo risente della mancanza persistente di alcuni nutrienti e, quindi, determina nel soggetto voglie di cibo difficilmente controllabili.

Riferimenti

  • Albers, S., Bonora, E. (2016.) 50 modi per vincere la fame nervosa.
  • Faer, L.M., Hendriks, A., Abed, R.T., Figueredo, A.J., The evolutionary psychology of eating disorders: female competition for mates or for status? Psychol Psychother, 2005; 78: 397-417.
  • Herman C. P., Mack D., Restrained and unrestrained eating”. Journal of Personality, 1975; 43:647-660.
  • Hill, A. J., Weaver, C. L., & Blundell, J. E., (1991). Food craving, dietary restraint and mood. Appetite,17(3), 187- 197.
  • Hill, J., Symposium on ‘Molecular mechanisms and psychology of food intake’ The psychology of food craving. Proc Nutr Soc, 2007; 66: 277-285.
  • Riebl, K., Estabrooks, P.A., Dunsmore, J.C., Savla, J., Frisard, M.I., Dietrich, A.M., Peng, Y., Zhang, X., Davy, B.M. A systematic literature review and meta-analysis: The Theory of Planned Behavior’s application to understand and predict nutrition-related behaviors in youth. Eat Behav , 2015; 18: 160-178.
  • Linden, D.J., La bussola del piacere. Codice Ed. 2012.
  • Macedo, Diez- Garcia. Sweet craving and ghrelin and leptin levels in women during stress. Appetite 2014 Sep;80:264-70. doi: 10.1016/j.appet.2014.05.031. Epub 2014 May 28.
  • Polivy, J., Coleman, J., & Herman, C. P. (2005). The effect of deprivation on food cravings and eating behavior in restrained and unrestrained eaters. International Journal of Eating Disorders, 38(4), 301-309.
  • Proc Natl Acad Sci U S A. 2013 Apr 2; 110(14): 5695–5700. Published online 2013 Mar 11. doi: 10.1073/pnas.1216951110. PMCID: PMC3619301. PMID: 23479616 Physiology.
  • Rachel R. Markwald et al. “Impact of insufficient sleep on total daily energy expenditure, food intake, and
    weight gain”.
  • Riebl, S.K., Estabrooks, P. A., Dunsmore, J. C., Savla, J., Frisard, M.I., Dietrich, A.M., Peng, Y., Zhang, X., Davy, B.M., A systematic literature review and meta-analysis: The Theory of Planned Behavior’s application to understand and predict nutrition-related behaviors in youth. Eat Behav , 2015; 18: 160-178
  • Schaumberg K. et al. “Dietary restraint: what’s the harm? A review of the relationship between dietary restraint, weight trajectory and the development of eating pathology”. Clin Obes. 2016; 6(2):89-100.
  • Soetens, B., Braet, C., (2006). The weight of a thought: Food related thought suppression in obese and normal-weight youngsters. Appetite , 46(3), 309-317.
  • White, M. A., Whisenhunt, B. L., Williamson, D. A., Greenway, F. L., & Netemeyer, R. G. (2002). Development and validation of the Food-Craving Inventory. Obesity Research, 10(2), 107-114.
Dott. Davide Algeri

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi sul mio account personale di Instagram, sulla Pagina Ufficiale Facebook di Psicologia Pratica o nel Gruppo di Psicologia Pratica. © Copyright www.davidealgeri.com. Tutti i diritti riservati. E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e/o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da Davide Algeri e con citazione esplicita della fonte (www.davidealgeri.com). E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


VIDEOCORSO

COME SUPERARE UN TRADIMENTO

I miei strumenti e le strategie efficaci per affrontare l'infedeltà. Tutto in un video corso.

superare un tradimento

Hai scoperto da poco di essere stato tradito/a dal tuo partner? Ti è caduto il mondo addosso e tutti i progetti che avevate costruito insieme si sono frantumati? Senti che non potrai più recuperare la fiducia che avevi riposto in lui/lei e non sai se vorrai continuare la relazione? Avverti emozioni contrastanti che ti spingono ad avvicinarti e ad allontanarti? Oppure stai pensando di uscire dalla relazione, ma hai troppa paura di cosa accadrà dopo?

Scopri in che modo questo video corso può esserti di aiuto a superare questo momento difficile.

SCOPRI DI PIU'


Contatta lo psicologo a Milano

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.