Mobbing
Mobbing in azienda: come riconoscerlo e come intervenire
5 agosto 2010
rabbia al lavoro
Sfogare la rabbia al lavoro fa bene?
5 agosto 2010
Tutte le categorie

Bulimia nervosa, come trattare l’incontenibile fiume in piena

Bulimia nervosa
Tempo di lettura: 2 minuti

Bulimia nervosaBulimia nervosa e fragilità emotiva

La bulimia nervosa rientra nella categoria dei distubi del comportamento alimentare. E’ caratterizzata dalla presenza di  episodi di perdita del controllo nel mangiare, ripetuti nel tempo. Le bulimiche, come le anoressiche, presentano una grande fragilità emotiva ma, a differenza di queste, sono usualmente meno complicate e hanno una grande difficoltà nel dominare le proprie reazioni.

Molte più donne che uomini hanno problemi di bulimia nervosa, e ancor più comunemente essa capita  tra le adolescenti. La persona interessata è di solito consapevole che il suo modo di mangiare è anormale e può provare paura o senso di colpa. Anche se il problema è di solito riservato, indizi di questa malattia comprendono l’iperattività, particolari abitudini alimentari o frequenti perdite di peso.

E’ possibile fare una differenziazione fra Boteriane e Yo-Yo. Le prime tendono ad utilizzare il cibo e il grasso come protezione relazionale, difendendosi in questo modo dalla paura di perdere il controllo delle proprie reazioni. Le seconde, invece, alternano periodi di perdita del controllo a periodi di dita, e non presentano problemi di tipo relazionale.

La diagnosi di bulimia nervosa

Tra i criteri diagnostici per la Bulimia secondo il DSM-IV-TR:

  1. Ricorrenti abbuffate. Una abbuffata è caratterizzata da entrambe le caratteristiche seguenti:
    • Mangiare in un definito periodo di tempo (ad es. un periodo di due ore), una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso periodo di tempo ed in circostanze simili).
    • Sensazione di perdere il controllo durante l’episodio (ad es. sensazione di non riuscire a smettere di mangiare o a controllare cosa e quanto si sta mangiando).
  2. Ricorrenti e inappropriate condotte compensatorie per prevenire l’aumento di peso, come vomito autoindotto, abuso di lassativi, diuretici, enteroclismi o altri farmaci, digiuno o esercizio fisico eccessivo.
  3. Le abbuffate e le condotte compensatorie si verificano entrambe in media almeno due volte alla settimana, per tre mesi.
  4. Livelli di autostima indebitamente influenzati dalla forma e dal peso corporeo.
  5. L’alterazione non si manifesta esclusivamente nel corso di episodi di Anoressia Nervosa. Esistono inoltre due sottotipi:
    • Tipo purgativo: durante l’episodio attuale di Bulimia Nervosa il soggetto ha presentato regolarmente vomito auto-indotto o uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi.
    • Tipo non-purgativo: durante l’episodio attuale il soggetto ha utilizzato regolarmente altri comportamenti compensatori inappropriati. Tra questi il digiuno o l’esercizio fisico eccessivo, ma non si dedica regolarmente al vomito autoindotto o all’uso inappropriato di lassativi, diuretici o enteroclismi.
Lettura di approfondimento:  Anoressia maschile: visnoressia

Un trattamento che si è dimostrato efficace è quello breve strategico che consiste principalmente, nell’eliminazione della sintomatologia acuta e nella ristrutturazione del problema. L’obiettivo primario diventa quello di imparare a concedersi piccoli piaceri anche nei rapporti interpersonali, senza il timore di perdere il controllo.

Approfondimenti

Bulimia nervosa, come trattare l’incontenibile fiume in piena
Valuta questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach presso Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

Articoli recenti di Dott. Davide Algeri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.