Per difendersi dal breadcrumbing, bisogna riconoscerlo - Psicologo Milano
feticismo sessuale
Feticismo sessuale e feticci: come integrarli nel rapporto sessuale
11 Aprile 2020
fame incontrollata: come difendersi
Fame incontrollata: come gestire l’irresistibile desiderio di cibo
18 Aprile 2020
Tutte le categorie

Riconoscere e difendersi dal breadcrumbing

difendersi dal breadcrumbing

difendersi dal breadcrumbingDifendersi dal breadcrumbing è possibile, ma solo dopo averlo riconosciuto!

Così come l’abbiamo descritto, nel precedente articolo sul breadcrumbing, risulterebbe semplice riconoscere un breadcrumber e capire di esserne vittima.

Ma è davvero così facile riconoscere e difendersi dal breadcrumbing? Sicuramente è molto difficile! Questo può essere dimostrato dal fatto che sono sempre di più le persone che ne sono vittime, senza saperlo, probabilmente perché è un fenomeno nuovo e poco conosciuto.

Inoltre, nella società odierna, in cui tutto è dettato da Internet e da un continuo scambio di persone che si mandano messaggi, non è facile capire l’instaurarsi di una dinamica del genere e quali possono essere i comportamenti ambigui che si nascondono dietro l’ altra persona.

Infatti Whatsapp, Messenger e la maggior parte dei social media in generale, sono dotati di un’interfaccia che ci regala un’apparente continuità ad ogni conversazione. Questa così si trasforma in uno scambio costante di text messages che possono o meno contenere segnali di interesse.

Anche se passano giorni o mesi, lo storico della conversazione è lì, nel bene e nel male. Quindi non “salta all’occhio”, la comparsa/scomparsa del breadcrumber.

Inoltre, spesso, non è facile riconoscere di esserne vittima, perché il breadcrumber è davvero bravo ad utilizzare tale tecnica sulle reti sociali: riesce, in modo ottimale, a spargere briciole d amore per manipolare l’altro.

In aggiunta, spesso, ciò che è imprevedibile suscita maggiore interesse in noi: ciò che non è scontato, diviene interessante.

Per questo la vittima spesso può diventare complice di tale meccanismo e avere difficoltà nel riconoscere un breadcrumber.

Effetti del breadcrumbing sulla vittima

“Queste relazioni possono diventare deleterie per chi ne è vittima. Poiché è molto probabile che si crei una dipendenza affettiva, ma anche sessuale. I messaggi sono esche che alimentano i desideri, anche quando non ci sono basi concrete, perché è tutto ben giocato sul piano dell’ambivalenza “mi vuole/non mi vuole”. A ogni delusione segue una briciola, per cui si ritorna a credere che tutto possa succedere. Allora si rinnova l’attaccamento a quell’idea di conquista”. (Nicoletta Suppa)

La vittima, oltre ad essere manipolata, viene totalmente illusa e disillusa in un circolo vizioso che, spesso, non ha fine.

La violenza psicologica che si nasconde dietro un comportamento di breadcrumbing finisce per generare ansia e frustrazione, e spesso sensi di colpa.

Proprio così, ogni aspettativa finisce per trasformarsi in una illusione, che sembra andare contro la vittima. Tutto ciò è frustrante, soprattutto se dura per molto tempo.

Se non interrotto tutto questo può avere degli effetti molto negativi sulla persona. Questa rischia infatti un vero e proprio ingabbiamento e di risultare totalmente alla mercé del suo aguzzino, senza che se ne renda conto e per una “briciola di pane”.

La vittima, in tutto questo, perde l’opportunità di stringere rapporti seri con potenziali partner perché legata al suo “spargitore di briciole”, in eterna attesa che faccia un passo concreto.

Proprio in ciò è visibile la dipendenza emotiva ed affettiva della vittima: continua a restare “aggrappato/a” al breadcrumber e a sperare che faccia gesti concreti o che prenda una decisione, senza rendersi conto di ciò che la circonda.

Come afferma Gayle Brewer, docente di Psicologia dell’Università del Lancashire: “è complicato uscirne, ma anche solo dare un nome a questo fenomeno, etichettarlo, aumenta la probabilità di riconoscerlo e fermarlo il prima possibile.”

Consigli per difendersi dal breadcrumbing

Una volta compreso a cosa ci si riferisce quando si parla di “relazione breadcrumbing” e dopo aver compreso le cause, ma soprattutto le conseguenze di questo tipo di relazione, potreste aver maturato la consapevolezza di essere o esserne state vittime, probabilmente senza che ne siate stati consapevoli.

Ma a questo punto, come poter rimediare per il futuro? Come uscire da questa dinamica deleteria?

Vediamo qualche consiglio utile per difendersi dal breadcrumbing.

Dedicati a te stesso

Potrà sembrare un consiglio banale, ma sicuramente non lo è, soprattutto quando bisogna metterlo in pratica.

Sempre più siamo attirati da ciò che è imprevedibile o da ciò che dobbiamo inseguire: questa eterna corsa ci rende sempre più curiosi e ci attrae verso ciò che ci sembra irraggiungibile ed incomprensibile.

Ma quanto dovrà durare tutto questo prima che possiate capire che ciò non vi porterà a nulla?

Il breadcrumber non ha alcuna intenzione di costruire qualcosa di concreto. Quindi se ciò che cercate è qualcosa che vada oltre il semplice incontro occasionale, lasciate perdere e dedicate più tempo a voi stessi.

Analizza la situazione in modo obiettivo

Non è semplice analizzare la situazione e riconoscere un breadcrumber, quando si è coinvolti in una “relazione” o quando si è attrattati da qualcuno, ma spesso bisogna essere razionali.

Secondo te è normale avere notizie del tuo “partner” solo in modo sporadico o sentirlo ogni due-tre settimane? Questo ti fa sentire in relazione? E’ indice di un rapporto solido o sano?

Sicuramente no: quando si è in una relazione, sentirsi diviene fondamentale.

Sicuramente non in modo ossessivo, ma comunque la comunicazione è necessaria per costruire qualcosa di condiviso e per essere felici nella relazione.

Se ciò manca, probabilmente non hai e non avrai mai una relazione!

Metti dei limiti

Se stai vivendo una conoscenza con un breadcrumber, ti renderai presto conto che tenderà a essere sempre sfuggente, a sentirsi importante solo lui/lei, e probabilmente eviterà qualsiasi tipo di conversazione che riguardi il vostro rapporto o i vostri sentimenti.

Se tutto ciò non parte da lui, inizia ad approfondire questi aspetti e comunica subito ciò che non ti fa stare bene o ciò che vorrai da questo rapporto: se l’altra persona non reagisce, probabilmente ti sta solo manipolando.

Non pretendere altro dal breadcrumber

Spesso, se siamo interessati a qualcuno, cerchiamo di dargli sempre un’altra possibilità, restando in attesa che qualcosa accada.

Ma è davvero giusto tutto questo? Sicuramente no, soprattutto per te stesso/a e se sei alla ricerca di una relazione sana.

Se una persona vuole difendersi dal breadcrumbing, è inutile aspettare che l’altro faccia determinate azioni o prenda determinate decisioni, perché probabilmente non lo farà.

Pretendi più da te stesso/a invece. Chiedi aiuto ad uno psicologo se serve e impara a lasciar andare. Questo devi e puoi farlo.

Riferimenti

Dott. Davide Algeri

Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi sul mio account personale di Instagram, sulla Pagina Ufficiale Facebook di Psicologia Pratica o nel Gruppo di Psicologia Pratica. © Copyright www.davidealgeri.com. Tutti i diritti riservati. E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e/o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da Davide Algeri e con citazione esplicita della fonte (www.davidealgeri.com). E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Contatta lo psicologo a Milano

Acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.
 
 


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.