Le emozioni in gioco
18 aprile 2014
Menzogna: i gesti che ci tradiscono
30 aprile 2014
Tutte le ctegorie

Il mio bambino è timido: cosa fare per aiutarlo a socializzare?

Tempo di lettura: 2 minuti

psicologo-milano-bambino-timidoQuando il bambino è timido

Spesso, genitori ed educatori cominciamo a preoccuparsi quando notano nel carattere di un bambino una certa timidezza nel socializzare con gli adulti e/o i compagni e nel lasciarsi coinvolgere nelle attività di gioco.

L’introversione viene quasi sempre associata a un tratto di personalità poco adattivo: infatti, si tende a considerare utili all’adattamento altre caratteristiche, come l’apertura, la socievolezza, l’estroversione, la fiducia.

In realtà il continuum introversione-estroversione non indica il passaggio da una disposizione caratteriale negativa verso una positiva, perché non bisogna associare le due polarità a un maggiore o minore adattamento, ma semplicemente sono due modi diversi di essere, che in ogni caso non sono quasi mai assoluti, e che dipendono in gran parte dal temperamento, cioè dal substrato biologico della personalità. Secondo questo filone, che studia gli aspetti strutturali della personalità, essa si basa su una struttura latente di tratti e disposizioni di base che sono di natura innata.

In realtà le spiegazioni biologiche delle caratteristiche di personalità non sono completamente esaustive, perchè accomunano l’individuo ad un ente sempre uguale nel tempo, mentre la persona, pur avendo delle caratteristiche stabili, è continuamente aperta alla possibilità di cambiamento nella continua interazione di persona e ambiente, in relazione alle esperienze di vita e ai contesti di sviluppo. 

Tuttavia, molto spesso l’introversione viene colta dai compagni di gioco ed il bambino rischia di essere isolato o oggetto di derisione.

Comportamenti che aiutano

In presenza di un bambino timido e più ritirato è inutile essere intrusivi e cercare di renderlo come tutti gli altri bambini, rischiando di sottolineare ancora di più queste caratteristiche. Spetta a chi interagisce con lui, mitigare certe caratteristiche del bambino, nel rispetto del suo carattere, cercando di cogliere il suo interesse e di coinvolgerlo nelle attività di gioco senza forzare i suoi tempi e i suoi modi. Ad esempio, di fronte alle novità, si può aiutarlo preparandolo prima, descrivendogli con entusiasmo chi e cosa dovrà “affrontare” e cercando di suscitare in lui interesse e curiosità. Può anche essere d’aiuto far in modo che siano gli altri bambini ad avvicinarsi a lui, evitare di farlo sentire “non all’altezza” e, perciò, bisognoso dell’aiuto di un adulto.

Molto importante è anche la relazione con la scuola perché sia più facile trovare la modalità più adeguata per far emergere la personalitàdel bambino anche in classe, cercando di aiutarlo a interagire e a superare eventuali disagi, silenzi o imbarazzi.

È utile anche dare il buon esempio e mostrare i vantaggi della socializzazione, magari invitando a casa un paio di mamme con i loro bambini, preparando una merenda in compagnia o organizzando un gioco di squadra. A casa sua, infatti, il bambino timido è più sicuro di sé e, quindi, anche più a suo agio.  

Inoltre, assecondando le sue preferenze e le sue inclinazioni, si potrebbe anche suggerire di iniziare un’attività nuova, ad esempio:

  • laboratori artistici e di drammatizzazione: l’arte e la rappresentazione teatrale possono facilitare  la comunicazione e l’esternazione di sentimenti ed emozioni che, a volte, la timidezza può bloccare;
  • pet therapy: gli animali sono degli ottimi terapeuti, perché aiutano a socializzare e infondono sicurezza;
  • sport di squadra: una situazione ludica può offrire al bambino la possibilità di imparare ad apprezzare la piacevolezza di far parte di un gruppo, imparare a fidarsi dei compagni, a confrontarsi con gli altri ed esprimersi attraverso il corpo.

Approfondimenti

Lettura di approfondimento:  Maltrattamento infantile: conseguenze sulla personalità
Il mio bambino è timido: cosa fare per aiutarlo a socializzare?
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *