parlare di lutto ai bambini
Parlare di lutto ai bambini: come fare?
18 luglio 2014
La testimonianza del bambino: distorsione della memoria, falso ricordo e suggestione
24 luglio 2014
Tutte le ctegorie

Disturbi d’ansia ed EMDR

Tempo di lettura: 2 minuti

ansia e emdrAnsia ed emdr

L’ansia è un’emozione universale e fa parte della risposta dell’organismo allo stress. La risposta ansiosa agli eventi non ha sempre caratteristiche negative. Anzi spesso è adattiva, prepara a un pericolo potenziale, contribuisce ad affrontare situazioni difficili con crescita personale.

Quando l’ansia viene considerata patologica?

Quando l’ansia disturba o compromette il funzionamento psichico globale andando a limitare la capacità di adattamento dell’individuo.

L’ansia che supera un certo livello soglia impedisce di svolgere le normali attività della vita quotidiana è spesso dotata di una propria autonomia, ovvero si può presentare senza alcuna correlazione con apparenti cause esterne scatenanti, ha un’intensità in grado di provocare un grado di sofferenza non sopportabile, inoltre ha una durata cronica che compromette negativamente la qualità di vita della persona.

La persona può sperimentare una risposta ansiosa ed esagerata rispetto agli stimoli che l’hanno generata, o avere una risposta ansiosa in assenza di uno stimolo scatenante.

La sua durata persistente può portare a comportamenti di difesa che possono limitare l’esistenza disturbando il funzionamento psichico globale e determinando una limitazione della capacità di adattamento dell’individuo.

Quali sono i disturbi d’ansia?

I disturbi d’ansia sono gli attacchi di panico (con e senza agorafobia), le fobie (di parlare in pubblico, di arrossire o di vomitare in pubblico, degli insetti…), le ossessioni e le compulsioni (rituali…), l’ansia generalizzata, il disturbo post-traumatico da stress.

Le componenti dell’ansia:

  • Componente cognitiva: aspettative di un pericolo diffuso e una sensazione di pericolo imminente. I sintomi ansiosi rappresentano una fonte di minaccia: condizionano il comportamento  e sono interpretati come i segnali dell’esistenza di un grave disturbo fisico o psicologico, aumentando il senso di vulnerabilità della persona e rinforzando l’iniziale reazione ansiosa inducendo una serie di risposte sfavorevoli.
  • Componente fisiologica: il corpo predispone l’organismo ad affrontare una minaccia, pertanto la pressione del sangue e la frequenza cardiaca aumentano, la sudorazione aumenta, il flusso sanguigno verso i più importanti gruppi muscolari aumenta e le funzioni del sistema immunitario e di quello digestivo diminuiscono. A livello fisico si può notare sudore, tremore, pallore della pelle.
  • Componente emotiva: paura, apprensione preoccupazioni spesso accompagnati da dolore al petto, respiro corto, nausea, tremore interno.
  • Componente comportamentale: si possono presentare sia comportamenti volontari sia involontari, diretti alla fuga o ad evitare la fonte d’ansia. I comportamenti come l’ansia anticipatoria e l’evitamento sono spesso non adattivi, in quanto limitano gli spostamenti e il coinvolgimento in situazioni di vita che la persona può vivere come ansiogene.
Lettura di approfondimento:  Mindfulness: cosa è in pratica

EMDR: una terapia breve per l’ansia

L’approccio EMDR offre occasione non solo per rielaborare i traumi del passato, ma anche per potenziare le capacità personali e le risorse individuali, per affrontare le sfide della vita quotidiana con serenità e sicurezza, senza sentirsi in balia dei sintomi d’ansia.

Il lavoro psicoterapeutico prevede la rielaborazione di tutte quelle esperienze angoscianti legate alla storia della persona e che possono essere causa della sintomatologia ansiosa.

La letteratura sull’ansia riconosce come fattori di rischio lo stress, i lutti, il maltrattamento famigliare, l’abuso infantile e altri eventi di vita negativi.

Attraverso l’EMDR si lavora sul ricordo di alcune esperienze che possono aver contribuito all’insorgere del disturbo d’ansia, ma anche sul ricordo delle prime volte in cui si è provata l’ansia e le volte peggiori, così da neutralizzare queste reazioni e permettere alla persona di affrontare le situazioni in modo funzionale.

Disturbi d’ansia ed EMDR
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Laura Tavani

Dr.ssa Laura Tavani

Psicologa, Psicoterapeuta
Esperta in EMDR e Mindfulness
Svolge la libera professione occupandosi di terapia individuale, di coppia e famigliare, consulenza genitoriale e terapia breve per traumi.
Dr.ssa Laura Tavani

_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *