Non sopporto più il mio psicologo: non mi dà mai consigli!
7 agosto 2015
L’uso della maschera nella pratica psicoterapeutica
28 agosto 2015
Tutte le categorie

Anginofobia: come sconfiggere la paura di soffocare

Tempo di lettura: 3 minuti

anginofobia paura di soffocareMi capita più spesso di ricevere richieste di trattamento psicoterapeutico sull’anginofobia, ovvero sulla paura di soffocare. Si vai dai casi in cui la persona presenta difficoltà ad ingoiare cibi solidi (carne, pasta, pizza, etc.), fino alla paura di bere liquidi (es. succhi di frutta, acqua).

Alla base di questa fobia si nasconde spesso, una situazione di forte stress, in parte collegata alle relazioni affettive, al lavoro e alla vita in generale, che spinge la persona a controllare tutto, compreso il comportamento alimentare.

Ciò che si crea, quindi, è una situazione in cui ciò che prima avveniva in modo spontaneo (mangiare) diventa qualcosa di volontario, spogliando della sua spontaneità un gesto del tutto naturale.

Un’altra causa dell’anginofobia, anche se non strettamente necessaria per la formazione del problema, è da individuare all’interno di situazioni ben precise: essere stato vittima in prima persona o avere assistito ad un familiare, amico che ha rischiato o è morto per soffocamento. In questo caso la causa è spesso connessa ad un trauma in quanto genera una frattura temporale tra un prima e un dopo.

Le tentate soluzioni nella paura di soffocare

Di fondo c’è un controllo che genera la perdita del controllo, dove la persona mette in atto dei comportamenti che finiscono per peggiorare, piuttosto che per risolvere il problema.

Tra questi:

  1. evita le situazioni sociali che la espongono al giudizio, quindi ad esempio cene con amici o in luoghi pubblici.
  2. si impone di mangiare, ritenendo un’assurdità, l’incapacità di non riuscirci e più si crea imposizioni, più si carica di ansia con l’effetto che aumenta il rischio di soffocamento. Ciò determina spesso un peggioramento dell’ansia e di conseguenza un aggravamento del problema. Una vera e propria situazione paralizzante, in cui in molti casi si rischia che l’unica soluzione è quella di rimanere digiuni o di ricorrere a “beveroni”, ovvero frullati dove mettere tutto dentro, pur di alimentarsi.
  3. mette in atto delle precauzioni o azioni con lo scopo di distrarsi dal pensiero del controllo, esempio movimenti ritualizzati, modificando quindi il problema iniziale in un altro problema.

Come si crea il cortocircuito

La dinamica nella quale finisce dentro la persona che soffre di anginofobia, può essere descritta come una vera e propria regressione all’età dello svezzamento, pur mantenendo l’esperienza passata. Più nello specifico la persona si sforza di mangiare come ha sempre fatto, ma non ci riesce ed è proprio questo sforzo (oppure l’evitamento completo) che ingigantisce ulteriormente il problema. Come se volesse correre, senza esser in grado di camminare.

Come iniziare ad intervenire

L’approccio da adottare per la gestione e la risoluzione della paura di soffocare è quello di provare a “ripristinare” la situazione iniziale, ovvero comportarsi “come se” si dovesse tornare alla fase di svezzamento e procedere per piccoli passi. Quindi si inizia assaggiando il cibo e a gustarne il sapore, partendo da piccole porzioni e via via aumentandone la quantità.

L’idea di fondo è quella di procedere un piccolo passo alla volta, fino a recuperare nuovamente la capacità andata persa, cercando sempre di porsi in una condizione in cui ci si sente a proprio agio, toccando quindi il proprio limite, per superarlo.

Nelle situazioni più complesse è consigliabile chiedere l’aiuto di uno psicoterapeuta, che possa fornire un supporto nello sblocco del problema e nella gestione dello stress e delle relazioni disfunzionali che sono alla base di questa fobia.

Anginofobia: come sconfiggere la paura di soffocare
4.1 (82.5%) 24 votes

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach presso Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

Articoli recenti di Dott. Davide Algeri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

30% 10% 20% 20% 20%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.