Complesso di inferiorità
Complesso di inferiorità: quando si manifesta e come superarlo
25 Gennaio 2019
Complesso di inferiorità maschile e femminile
Come superare il complesso di inferiorità maschile e femminile
13 Febbraio 2019
Tutte le categorie

Senso di inferiorità: come riconoscere chi ne soffre

sentirsi inferiori
Tempo di lettura: 3 minuti

Senso di inferioritàCome facilmente immaginabile da quanto sin ora affermato, il senso di inferiorità e la bassa autostima sembrano essere le caratteristiche primarie delle “auto descrizioni” delle persone con complessi di inferiorità.

Persone che non sono difficili da riconoscere, dal momento che quasi sempre presentano queste tre caratteristiche:

  • pensieri ininterrottamente negativi;
  • emozioni continuamente negative;
  • scarsa considerazione di sé.

Ma se si tratta solo di un brutto periodo passeggero? Si starà chiedendo qualcuno.

Per esser sicuri che si tratti solo di questo, è necessario che queste caratteristiche non siano persistenti nel tempo e non coinvolgano tutti gli aspetti della propria vita.

Il circolo vizioso del complesso di inferiorità

Cosa succede in tal caso? Si diventa vittime di un circolo vizioso dove la persona affetta, oltre a sentirsi inferiore, non osa e dubita di sè. Commette errori, fallisce nelle proprie ambizioni e tutto ciò non può che influire negativamente sulla struttura della sua psiche. 

Comportamenti tipici del disturbo di inferiorità

Una domanda sembra sorgere spontanea a questo punto: come si comportano esattamente le persone che soffrono del complesso di inferiorità?

Vediamo alcuni dei campanelli d’allarme presenti in tali soggetti:

  1. Provano costantemente invidia nei confronti degli altri. Tutte le altre persone sembrano essere sempre più preparate, più intelligenti e più meritevoli di avere successo. In altre parole, gli altri sono sempre i migliori. Alla base di tutta questa invidia non c’è altro che una forte sopravvalutazione degli altri e una forte sottovalutazione di se stessi. Invidiare quello che fanno gli altri o hanno gli altri sembra essere utile all’invidioso, al fine di non pensare alle proprie mancanze.
  2. Non sono in grado di perdonarsi o perdonare gli altri, poiché sono persone che giudicano di continuo tutto e tutti e lo fanno aspramente.
  3. Tendono al perfezionismo, esagerando. Quasi sino all’esasperazione. Chi si sente inferiore infatti cerca di far bene tutto ciò che sta facendo, per non lasciarsi così attanagliare dai sensi di colpa e dai rimorsi del non essere abbastanza bravo e capace (Leggi come uscire dal senso di inadeguatezza).
  4. Hanno una forte mancanza di fiducia verso se stessi e cercano sempre l’approvazione degli altri.
Lettura di approfondimento:  L’Araba Fenice: esempio di rinnovamento

Ma da dove nasce questo sentimento di inferiorità?

Cause del complesso di inferiorità

La bella notizia è che pare non essere genetico, ma al contrario si apprende, poiché nessuno nasce percependosi migliore o peggiore degli altri.

Dove si apprende? Il più delle volte in famiglia. Possiamo infatti tutti concordare su come, gran parte della percezione che abbiamo di noi stessi, sembri derivare proprio da quello che ci hanno detto le persone importanti della nostra infanzia e adolescenza.

Ma proviamo a capirne di più, con una breve riflessione, sotto-forma di quesito. Da piccolo mi hanno sempre detto che sono un’incapace e che non concluderò mai nulla nella vita? Bene, difficilmente potrò avere una buona opinione di me stesso in futuro.

Errata percezione del complesso d’inferiorità

La maggior parte delle persone che soffrono del complesso di inferiorità invece pensano che questo sia dovuto ad un loro difetto fisico o ad una loro reale mancanza cognitiva.

Ma in realtà il complesso d’inferiorità risulta essere solo il prodotto di un errato schema mentale che la persona si è creata proprio durante l’infanzia o l’adolescenza.

Avete presente quei “miti familiari” che spaventano tutti durante le riunioni di famiglia? Quelli del tipo: “Solo se ti laurei con il massimo dei voti e troverai un buon lavoro, sarai realizzato”. O ancora: “Solo se metterai su famiglia presto, sarai una persona felice”. Chi non ha mai desiderato scappare a gambe levate davanti a questi incipit di conversazioni?

Avreste fatto davvero bene, sappiatelo.

Profezia che si auto-avvera

Le persone che soffrono di questo complesso, molto spesso, sono portate da questi “miti di superiorità” a convincersi che veramente hanno qualcosa in meno, si sentono nel loro profondo inferiori e si comportano di conseguenza.

Lettura di approfondimento:  Psicologia della bellezza: vantaggi e svantaggi di esser belli

Una profezia che si auto-avvera? Esatto, il complesso di inferiorità sembra esserne il classico esempio. Come quando si pensa di non riuscire a fare una cosa e puntualmente diventa quasi impossibile riuscire a farla davvero.

Cosa può comportare tutto questo?

Conseguenze del complesso di inferiorità

Chi è afflitto da un complesso di inferiorità può arrivare a soffrire molto e a nutrirsi costantemente del confronto con gli altri, finendo sempre per sentirsi inadeguato o svantaggiato.

Sino ad arrivare, in molti casi, addirittura alla depressione e al totale isolamento.

Ma cosa succede se si sceglie di nascondere il proprio senso di inferiorità dietro ad una maschera di superiorità?

Il pericolo della sovra-compensazione

In tal caso siamo in presenza del “fenomeno della sovra-compensazione”, uno dei rischi più temibili del complesso di inferiorità.

Di cosa stiamo parlando? Della creazione di una falsa immagine di sicurezza e di una falsa fiducia in se stessi.

In altre parole, le persone afflitte dal complesso d’inferiorità cercano di compensare il “difetto” ponendosi un obiettivo quasi impossibile da raggiungere, che finisce per ossessionarle e causare ancora più problemi. Il tutto solo per dimostrare di poter essere uguali o addirittura migliori degli altri.

In realtà questo non succede quasi mai, poiché le sfide diventano infinite e non sempre si riesce a vincerle.

Nel prossimo articolo vedremo come buttarsi in imprese rischiose o eccessivamente ambiziose possano essere solo il preludio di clamorosi fallimenti, spingendo inevitabilmente chi ha tentato di sovra-compensarsi nel baratro della depressione.

Riferimenti

Il complesso di inferiorità, di Enrico Mattei

Commenta su Facebook
Senso di inferiorità: come riconoscere chi ne soffre
Valuta questo articolo
Lettura di approfondimento:  Instaurare buone relazioni con l'Intelligenza Interpersonale

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach at Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 100%

Contatta lo psicologo

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

SOFFRI DI ATTACCHI DI PANICO? SCOPRI COME SUPERARLI CON DON'T PANIC

Don't Panic: Come Uscire dalla Prigione di Paura è l'ebook che ho con la Dott.ssa Annarita Scarola per aiutarti a superare gli attacchi di panico.

Scarica il nostro ebook gratuito per scoprire tutti i rimedi contro gli attacchi di panico per uscirne finalmente una volta per tutte.

You have Successfully Subscribed!