sentirsi inferiori
Senso di inferiorità: come riconoscere chi ne soffre
30 Gennaio 2019
senso di gratitudine
Senso di gratitudine: imparare a perdonarsi e perdonare, liberarsi dalle relazioni tossiche
19 Febbraio 2019
Tutte le categorie

Come superare il complesso di inferiorità maschile e femminile

Complesso di inferiorità maschile e femminile

Complesso di inferiorità maschile e femminileComplesso di inferiorità come superarlo

Come possiamo aiutare chi soffre del complesso d’inferiorità? O ancora, cosa può fare una persona che si rende conto di avere questo tipo di problema?

Cominciamo con il definire l’obiettivo di qualsiasi potenziale trattamento per “guarire” dal complesso di inferiorità maschile e femminile: coltivare la propria autostima.

Sembra non esistere una ricetta ideale per realizzare questo obiettivo. Ma in compenso tutti noi possediamo gli ingredienti giusti per provare a delineare la nostra ricetta.

Cosa non funziona con il senso di inferiorità?

Ripetersi all’infinito davanti allo specchio frasi auto-motivanti, del tipo “avrò successo”, “sono migliore di tutti” o “mi piaccio così come sono”. Questo perché è scientificamente provato che le persone con bassa autostima si sentono addirittura peggio quando ripetono a se stesse frasi auto-motivanti. Non è così semplice ingannare se stessi!

Superare il complesso di inferiorità richiede uno sforzo più profondo infatti, a livello psicologico. Non bisogna, tuttavia, disperare: con un pizzico di determinazione e un po’ di impegno è possibile vincere il complesso ed imparare a volersi bene.

Cosa fare con il senso di inferiorità?

Il primo passo per disinnescare il proprio complesso di inferiorità è prendersi la responsabilità di accettarsi per come si è. Il monaco buddista Thich Nhat Hanh diceva sempre: “Essere belli significa essere se stessi. Non c’è bisogno di essere accettati dagli altri. È necessario accettare se stessi”.

Poiché se non amiamo abbastanza noi stessi prima di chiunque altro, difficilmente saremo in grado di dare amore e di riceverlo dagli altri. E’ inoltre importante dare meno importanza alla visione che gli altri hanno di noi. Lavorando ad esempio sulla nostra autostima, ritagliando un pò di tempo per noi stessi, facendo le cose che amiamo fare e circondandoci di persone che apportano benessere alla nostra vita. Ridimensionate lo sguardo esterno sulla vostra vita dunque.

Lettura di approfondimento:  Destreggiarsi tra rimorso e rimpianto

Chi l’ha detto che solo gli altri hanno ragione? Chiedetevelo spesso. Ai giudizi negativi bisogna attribuire il peso che meritano, senza farsi condizionare a prescindere. Noi non siamo né superiori e né inferiori a nessun altro.

Siamo semplicemente noi stessi. Vi sembra poco? Uscire dalla gabbia della propria insicurezza è possibile soprattutto se saremo capaci di svincolarci da quella posizione di inettitudine e incapacità in cui noi stessi abbiamo deciso di metterci.

E’ importante, infatti, cercare di togliersi di dosso tutte quelle etichette negative che noi stessi ci siamo attribuiti, evitando di auto condannarci. Ad esempio, iniziando a pensare sotto una luce positiva anche quelle situazioni negative.

Provate a non considerare più le vostre mancanze come “difetti”, ma come “aree di miglioramento”. Ognuno di noi ha le proprie caratteristiche, che lo rendono unico e irripetibile. Ognuno di noi ha un’incredibile potenziale nascosto, che va soltanto tirato fuori. Dunque, una cosa interessante da poter fare è cambiare prospettiva. Invece che confrontarvi continuamente con gli altri, seguendo la strada più breve verso l’infelicità, perché non provate a dedicarvi alla scoperta dei vostri talenti o delle vostre doti?

Facile a dirsi, starete pensando. Di seguito tre rimedi per superare il senso di inferiorità.

Tre consigli pratici per superare il complesso di inferiorità

Ecco alcuni suggerimenti pratici (scopri altri cinque suggerimenti per combattere il complesso di inferiorità) per poter riuscire a concretizzare questa positività nella vostra vita:

  1. non limitate le vostre interazioni sociali. I complessi di inferiorità possono rendere timidi, asociali e timorosi all’idea di esporsi agli altri. Sbagliatissimo. Dovete quasi costringervi, se necessario, ad interagire con il mondo. Aprirvi al mondo, cercare di partecipare il più possibile alla vita di società e confidare le proprie paure a chi vi sta mentalmente ed affettivamente vicino può solo che aiutarvi.
  2. fate volontariato. Questo può offrirvi un notevole senso di soddisfazione e di orgoglio. Aiutare gli altri aiuterà anche voi a superare la sensazione di inferiorità e a smettere di sentirvi non all’altezza.
  3. date libero sfogo alla vostra creatività. Che sia iscriversi ad un corso di pittura o prendere lezioni di danza, fatelo. O anche solo cambiare look. Sembrano attività banali, ma possono davvero servirvi a sbloccarvi e ad aumentare la vostra sicurezza.
Lettura di approfondimento:  Sono solo parole, ma...

Perché, come sosteneva anche Earl Nightingale, noi diventiamo solo ciò che pensiamo.

Commenta su Facebook
Valuta questo articolo

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach a Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Contatta lo psicologo

Acconsento al trattamento dei miei dati ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.