Cookie Policy
22 aprile 2015
Feticismo sessuale: cosa è e rimedi per intervenire
29 aprile 2015
Tutte le ctegorie

Scuola e ragazzi adottati

Tempo di lettura: 2 minuti

bambini adottatiLa recente normativa sui Bisogni Educativi Speciali (DM del 27/12/2012, CM del 6/03/13, NM del 27/06/13, e Chiarimenti del 22/11/13) ha permesso di comprendere all’interno della categoria di studenti tutelati anche coloro che, nonostante condizioni di fragilità, difficoltà e disagio, non venivano riconosciuti perché non in possesso di una diagnosi.

All’interno di questo grande gruppo prendono posto anche bambini e ragazzi adottati e che manifestano difficoltà o fatica nel loro percorso di adattamento ad un nuovo contesto.

L’inserimento dei bambini adottati

L’inserimento di un bambino o ragazzo nel nuovo contesto non comprende solo la famiglia adottiva, ma anche la scuola. Soprattutto per bambini e ragazzi originari di Paesi stranieri questo percorso rappresenta una vera sfida: una nuova lingua, ma anche nuove abitudini e, a volte, un sistema di regole, gerarchie sociali e relazioni del tutto nuovo.

La letteratura afferma che questa condizione rappresenta un fattore di vulnerabilità che si manifesta con una maggiore percentuale di problematiche: sia nelle aree dell’apprendimento strumentale (lettura, scrittura, calcolo e funzioni cognitive annesse come memoria, attenzione, funzioni esecutive), sia in quelle comportamentali.

Adolescenti adotatti

Negli ultimi anni diverse ricerche si sono occupate di approfondire come questa condizione possa rappresentare un fattore di rischio estremamente significativo soprattutto per la popolazione di studenti adolescenti, caratterizzati da una maggiore emotività, conflittualità, e dalla ricerca della propria identità, tutti aspetti che portano gli impegni didattici in secondo piano.

Una recente ricerca italiana sui ragazzi adolescenti adottati ha dimostrato la presenza di difficoltà in modo significativamente maggiore e più intenso rispetto a quelle dei coetanei non adottati:

  • difficoltà di comprensione del testo
  • difficoltà attentive e di autoregolazione
  • difficoltà nella lettura
  • difficoltà nella scrittura
Lettura di approfondimento:  Disortografia: facciamo chiarezza sui Disturbi dell'apprendimento

Tali difficoltà sembrano non avere un percorso stabile durante il percorso formativo:

  • le prestazioni nelle aree della scrittura e del calcolo tendono a peggiorare con il passare del tempo
  • le difficoltà in lettura e attentive tendono invece a migliorare

Sembra inoltre che la presenza di una situazione di istituzionalizzazione precedente l’adozione rapprenti un ulteriore fattore di rischio, a causa della ridotta stimolazione ricevuta.

Adolescenti adottati: un futuro di fallimento?

Le ricerche in questo campo hanno dunque permesso di individuare i due piani di fragilità tipici di bambini e ragazzi adottati:

  1. difficoltà linguistiche e culturali legate al nuovo contesto
  2. difficoltà dovute alla traiettoria non lineare della storia di vita, caratterizzata da spezzature e conseguente squilibrio nella costruzione dell’identità e delle relazioni sociali

Questo permette di individuare quelle variabili che possano permettere di prevenire o limitare il più possibile il disagio, così da favorire traiettorie formative positive.

La consapevolezza della condizione di fragilità permette di creare in anticipo percorsi personalizzati sia nella didattica che nella promozione di relazioni sociali con i pari e con gli adulti di riferimento all’interno della scuola.

Approfondimenti

  • Chistolini, M. (2006): Scuola e adozione. Milano: Franco Angeli
Scuola e ragazzi adottati
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Sara Ruggeri

Dr.ssa Sara Ruggeri

Psicologa
Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento
Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.
Dr.ssa Sara Ruggeri

Articoli recenti di Dr.ssa Sara Ruggeri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *