Come smascherare i bugiardi?
25 marzo 2013
Il social design: uno sguardo alla Progettazione Sociale
29 marzo 2013
Tutte le ctegorie

Dieta paradossale: rinunciare al piacere per piacere

dieta paradossale
Tempo di lettura: 4 minuti

testimonianze-dietaLa rinuncia al piacere

Verso una dieta paradossale

Chiunque ha tentato, o anche riuscito, a dimagrire, conosce il carattere paradossale della dieta; ogni dieta, sia che sia stata prescritta da un medico o che derivi dal comune buonsenso, è efficace a livello di dimagrimento, ma spesso i risultati tanto desiderati e sofferti, non si mantengono nel tempo. Si può affermare infatti, che il problema dell’intraprendere una dieta, non è tanto la mancanza di risultati o di efficacia, quanto il mantenerequesti risultati nel tempo.

Perché anche se armati delle nostre migliori intenzioni, di forza di volontà e di una dieta “a prova di metro” non riusciamo a mantenere quel peso tanto agognato, con conseguenze negative anche sulla nostra autostima?

La caratteristiche principali delle diete sono il controllo, la limitazione e il sacrificio e proprio per questo alla lunga, si rivelano fallimentari poiché non rispettano quello che il cibo rappresenta da sempre per l’uomo e cioè una fonte di piacere. Anche i programmi dietetici che partono da una selezione di cibi scelta sulla base dei gusti del soggetto mal si adattano al fatto che il piacere si evolve e che non si presta a delle pianificazioni.

Cos’è che determina questo fallimento della dieta sul lungo termine? Cosa ci impedisce di rimanere in forma, facendoci perdere il controllo sulla nostra dieta?

Cosa fa fallire la nostra dieta

  • Il primo modo per fallire nel nostro progetto alimentare è quello di vietarci i cibi più calorici, che in virtù proprio del loro divieto, divengono sempre più desiderati e che ad un certo punto ci appariranno quasi come irrinunciabili.
  • Il secondo modo è invece insito proprio nell’apparente successo della dieta intrapresa. La perdita di peso iniziale, seguita dall’inevitabile perdita di controllo sullo stimolo della fame crea l’illusione che prima o poi si riuscirà a mantenere il peso desiderato.
  • Anche l’evitamento dei cibi che più ci piacciano e delle situazioni in cui il cibo è coinvolto fanno parte dei modi per fallire nel nostro intento, poiché il continuo sacrificio ci porta ad essere persone spente, che cercano di tenere a bada ogni tentazione e nel tentativo di essere magri, guadagnando piacevolezza, risultano invece aridi e privi di fascino.
  • Quando il ripetuto tentativo di dimagrire e sentirsi in forma fallisce, una delle reazioni più comune è quella di rinunciare e abbandonarsi ai piaceri della tavola senza alcun freno, per paura di fallire miseramente ancora una volta.
  • Il quinto modo per fallire nei nostri intenti, è quello di considerare il regime alimentare come un mero conto matematico delle calorie assunte e di quelle consumate, costringendoci a sforzi fisici innaturali per riparare all’eccesso di calorie assunte, che possono coinvolgerci in una spirale del tipo: aumento dell’appetito dovuto all’aumentare dell’esercizio fisico, cosi che, se aumenta quello che mangiamo aumenta a sua volta anche l’esercizio fisico, instaurando così un vero e proprio circolo vizioso.
  • La forma più perversa di controllo del regime alimentare è sicuramente l’induzione del vomito dopo aver mangiato, che se reiterata più volte si può trasformare presto in compulsione e assumere la pericolosa connotazione di pratica piacevole, evolvendosi nel vomiting, uno dei disordini alimentari più frequenti negli ultimi anni.
  • L’ultimo modo per fallire nella dieta è sicuramente quello di affidarsi a soluzioni che non richiedano sforzi, come prodotti farmaceutici o cosmetici pubblicizzati che promettono di dimagrire senza sforzi e producendo il cosiddetto effetto delega che va ad incidere pesantemente sulla nostra autoefficacia, facendoci credere incapaci e senza risorse, quando invece, per risolvere il problema della linea è indispensabile che il soggetto abbia fiducia nelle proprie risorse e che si assuma la responsabilità di realizzare e mantenere ciò che non può delegare.
Lettura di approfondimento:  Come sviluppare un pensiero negativo (Psicologia Paradossale)

La dieta paradossale

dieta paradossaleDi fronte a questo scenario a dir poco sconfortante, ci viene in aiuto la cosiddetta dieta paradossale. L’ideale sarebbe quello di mangiare tutto quello che più ci piace, senza ingrassare, e applicando i principi della dieta paradossale, finalmente si può.

Partendo dal presupposto che la caratteristica che accomuna tutte le modalità fallimentari di condurre una dieta prima esposte è che il tentativo di controllo, dapprima efficace, conduce alla fine alla perdita di controllo, la soluzione ideale sarebbe appunto quella di coniugare il piacere e il controllo cioè dimagrire mangiando i nostri cibi preferiti.

Chi si astiene porta sempre in sé il desiderio da ciò da cui si astiene, chi invece si concede ciò che desidera, dopo un po’ non lo desidererà poi più così tanto. Applicando questo principio alla dieta, ne deriva che se ci concediamo quello che più ci piace, dopo un po’ questo cesserà di piacerci e potremo rinunciarvi senza fatica e frustrazione.

La prima indicazione della dieta paradossale è quindi: “Mangia solo e soltanto quello che ti piace di più. Solo e soltanto nei tre pasti: colazione, pranzo e cena.”

Questa prescrizione genera nelle persone che si trovano ad applicarla reazioni particolari, come ad esempio, che tutto ciò che era desiderato morbosamente, se concesso, perde gran parte della sua bramosità; se desiderassimo mangiare cioccolata e ce la concedessimo a pranzo, colazione e a cena, l’effetto sarà che già la prima sera il desiderio sarà un po’ meno intenso.

Grazie a questa concreta esperienza di scoperta, rinunciare ai cibi non sarà più un sacrificio, ma un naturale processo di ricerca di ciò che ci piace di più. Se procedo con questa indicazione, in pochi giorni ci saremo liberati da quei divieti frustranti che ci imponevamo, e avremo liberato i nostri gusti dagli effetti della restrizione forzata. La dieta paradossale a lungo andare, si trasforma nella messa in atto delle nostre più naturali disposizioni nei confronti del cibo, facendo in modo che ciò che ci piace coincida con ciò che ci fa bene. Se ci concediamo di mangiare ciò che ci piace di più, ma lo facciamo solo in spazi e momenti prefissati significherà restringere spazi e tempi senza diminuire la qualità e la quantità del cibo, ma ridurre ricercando la degustazione del piacere alimentare, quindi indirettamente diminuire la quantità di cibo giornaliera scoprendo anche che ogni cosa piacevole, diventa spiacevole quando supera un certo dosaggio.

Lettura di approfondimento:  Come perdere la fiducia degli (negli) altri e non sentirsi accettati (Psicologia Paradossale)

Per concludere, la dieta paradossale ci libera dagli effetti paradossali del tentativo di controllo forzato nel nostro rapporto con il cibo e il nostro corpo, riconducendoci alla naturale autoregolazione tra piacere e necessità.

Approfondimenti

  • Nardone, G. (2010) La dieta paradossale, Ponte alle Grazie

Dieta paradossale: rinunciare al piacere per piacere
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *