La forza calma dell’umiltà
21 marzo 2013
dieta paradossale
Dieta paradossale: rinunciare al piacere per piacere
26 marzo 2013
Tutte le ctegorie

Come smascherare i bugiardi?

Tempo di lettura: 3 minuti

smascherare-un-bugiardoBugiardo bugiardo

Il profilo del “buon” mentitore e l’ingannevolezza del linguaggio del corpo

Esiste veramente un modo per scoprire chi mente? Si. Ma smascherare un bugiardo o un impostore non è una cosa per niente facile. E’ difficile trovare indizi, perché i bugiardi di professione o i criminali sono dei “buoni” mentitori. I ricercatori Aldert Vrij, Par Anders Granhag e Stephen Porter (2010) hanno descritto il profilo psicologico del bravo mentitore in sei punti:

  1. hanno un modo di comportarsi che ispira fiducia;
  2. non hanno difficoltà a dire bugie (perché hanno immaginazione, presenza di spirito…);
  3. non hanno paura o sensi di colpa o eccitazione quando mentono;
  4. sono bravi attori;
  5. hanno del fascino;
  6. sono dei buoni “psicologi”, cioè avvertono cosa il loro interlocutore vorrebbe sentirsi dire.

E’ facile cercare indizi di menzogna, come per esempio il linguaggio del corpo, che però non hanno nessun rapporto con false dichiarazioni, anche se tutti noi siamo propensi a concentrarci sul fatto che quella persona “non ci guarda negli occhi”. Purtroppo questo tipo di indizio ha le sue radici in un pregiudizio di natura etica sulla falsità, quindi a livello culturale, soprattutto in Occidente, esso spinge le persone a cercarne conferma in ciò che vivono tutti i giorni.

Anche i rilevatori neurologici di menzogne come la TAC o la Macchina della Verità (usata nei tribunali) si dimostrano inefficaci (George Monteleone, 2009).

Allora quale strumento ci rimane?

Le strategie attive. Come descritto dai tre psicologi Aldert Vrij, Par Anders Granhag e Stephen Porter, l’approccio “attivo” consiste nell’interrogare il soggetto in modo da farlo cadere in errore. Tale approccio si basa sull’ipotesi che mentire richiede un carico cognitivo più pesante del dire la verità, perché bisogna portare avanti una realtà parallela e far credere agli altri che esista davvero, in maniera convincente e allo stesso tempo naturale. Quindi chi mente fa più fatica a resistere a determinati “trabocchetti” psicologici e di logica, costruiti tramite un certo uso delle parole e della costruzione della frase. Lo scopo è aumentare il carico cognitivo del sospettato. Nel prossimo articolo elencherò tutti i tipi di strategie attive! E nel frattempo…….buona pratica!

Lettura di approfondimento:  Sindrome di Pinocchio: come fare quando un bambini dice le bugie

Le strategie attive e il mentalismo

Ci sono diversi esempi di strategie attive:

  1. Gli interrogatori: specialmente le accuse, pongono il sospettato in una posizione difensiva e le descrizioni, che lo costringono a fornire dettagli precisi e quindi facilmente contraddittori.
  2. Porre al sospettato domande inattese, per svelare la disinvoltura troppo artificiosa di chi si è preparato a mentire. Come? Ripetendo le stesse domande sotto altre forme o chiedendogli di rispondere in forme diverse.
  3. Uso strategico della prova: tramite la presentazione (anche ingannevole o fittizia) di prove, fare in modo che le sue dichiarazioni siano contraddittorie rispetto ad esse (o ad altre evidenze inoppugnabili), in modo che chi mente sveli da solo la falsità raccontata, trovandosi di fronte all’impossibilità di giustificarsi.
  4. Aumentare il carico cognitivo del sospettato chiedendogli di raccontare la sua versione dei fatti in determinate condizioni difficili: raccontare i fatti all’inverso (dalla fine all’inizio), guardare fisso negli occhi chi lo interroga etc.

bugiardoCome dimostrato dai tre studiosi, queste strategie attive hanno successo e hanno secondo loro un grande merito: mettere in evidenza con esiti positivi le differenze a livello di processi mentali, comunicazione e logica, tra chi mente e chi dice la verità.

Un noto personaggio dei telefilm che fa uso di tutte queste strategie è Patrick Jane, il protagonista di “The Mentalist”: un ex mentalista e sensitivo che collabora col CBI e smaschera gli assassini al primo colpo, basandosi su un’attenta osservazione e facendo uso di strategie attive. Il mentalismo è una forma di illusionismo nella quale i suoi praticanti attraverso determinate tecniche danno l’illusione di potere leggere nella mente altrui e sembrano così dimostrare abilità mentali ed intuitive altamente sviluppate, come telepatia, controllo mentale e memoria prodigiosa. Questa pratica si basa in gran parte sull’abilità di manipolare subliminalmente il soggetto tramite suggestione psicologica.

Lettura di approfondimento:  Come scoprire facilmente un bugiardo

Se guardate Patrick Jane in azione e fate tesoro dei suoi trucchi volta per volta, comprenderete perfettamente che cosa sia l’approccio attivo e acquisirete man mano la sorprendente abilità di mentalista!

Come smascherare i bugiardi?
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *