Lo psicologo nel carcere
9 settembre 2016
Fumo in adolescenza
20 settembre 2016
Tutte le categorie

La tecnica Kintsugi: dall’errore all’opportunità nella stanza della terapia

tecnica kintsugi
Tempo di lettura: 2 minuti

tecnica kintsugiLa tecnica Kintsugi

Quando un vaso scivola tra le mani e cade irrimediabilmente al suolo, lo guardiamo atterriti esclamando: Ho rotto un altro vaso, che faccio lo butto? Ma sì tanto non sarà mai più come prima, non posso farci niente con un vaso rotto! Inevitabilmente l’ossessione del perfetto ci porta a buttare via il tutto, perché qualcosa non è andato come speravamo, diventa difficile accettare quel perfetto non è, accettare le nostre cicatrici e il passato che siamo (leggi come combattere il perfezionismo). Ed ecco che le ferite ci sembrano irreparabili, che i cocci ormai sparsi sembrano impossibili da recuperare e riassemblarli troppo complicato.

Siamo ancora molto lontani dai Giapponesi che di fronte ad un vaso rotto sussurrano:“un vaso rotto è più bello di prima perché porta con sé il suo vissuto!”.

Kintsugi: dall’errore all’opportunità

Eh si, esiste in Giappone il Kintsugi, un’arte che fa dell’errore un’opportunità, di ciò che è irreparabile bellezza ed unicità, che fa colare nelle ferite ancora aperte, nelle crepe ormai profonde, quella sostanza preziosa e luccicante chiamata oro. Ed ecco che quel difetto di cui ci si vergogna viene esaltato, valorizzato e mostrato in tutta la sua bellezza. Questi sono occhi vedono nel profondo, sono occhi diversi spesso dai nostri, che ci portano a guardare l’imperfetto con severità, ilarità o accusa, che ci portano lontano dall’accettazione.

Il Kintsugi è l’arte di trasformare il difetto in bellezza, è fare delle crepe ciò che rende il nostro vaso un pezzo unico, non ci sarà mai un altro oggetto che si è crepato nello stesso modo di un altro.

Lettura di approfondimento:  L’importanza delle storie familiari

Le rughe sul nostro volto sono la vita che abbiamo vissuto, gli inciampi dai quali ci siamo rialzati. Cadere è parte del viaggio e sono queste cadute ciò che chiedono di essere ri-conosciute e valorizzate e che ci consentono di amarci veramente.

Permettiti di non buttare via tutto, di essere paziente e riattaccare i pezzi, di vedere che ora ciò che ricordavi in un modo è mutato, ha cambiato forma e sostanza.

Ecco che l’irreparabile è riparabile, che la compensazione è ricchezza e bellezza, che l’unicità è un valore.

Il Kinsugi ci insegna ad essere più disinvolti rispetto alle cadute, ad accettare che possiamo cadere, romperci in mille pezzi, ma che possiamo tornare ad essere più belli e forti di prima se riusciamo a posare l’oro sulle nostre ferite e farne tesoro di unicità.

Il Kinsugi è forse molto diverso da ciò che avviene nella stanza di terapia? Tu cosa ne pensi?

La tecnica Kintsugi: dall’errore all’opportunità nella stanza della terapia
Valuta questo articolo
Dr.ssa Monica Salvadore

Dr.ssa Monica Salvadore

Psicologa del lavoro e Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale
Specialista in Risorse umane
Collabora con enti di formazione e società di consulenza aziendale, occupandosi di formazione, orientamento professionale e outplacement.
Dr.ssa Monica Salvadore

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.

Lettura di approfondimento:  Genogramma: come interpretarlo e possibili utilizzi in psicoterapia

Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

100% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Monica Salvadore
Dr.ssa Monica Salvadore
Psicologa del lavoro e Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale Specialista in Risorse umane Collabora con enti di formazione e società di consulenza aziendale, occupandosi di formazione, orientamento professionale e outplacement.