tecnica kintsugi
La tecnica Kintsugi: dall’errore all’opportunità nella stanza della terapia
13 settembre 2016
Seduttore e antiseduttore: in quale archetipo ti riconosci?
4 ottobre 2016
Tutte le categorie

Fumo in adolescenza

Tempo di lettura: 2 minuti

fumo-in-adolescenzaParliamo di fumo in adolescenza

L’adolescenza si inserisce nel faticoso passaggio dall’infanzia all’età adulta. Il bambino, infatti, abbandona il suo ruolo di infante per costruire la propria identità. Come ben si sa, si tratta di un percorso non sempre semplice, né per i ragazzi, né per i loro genitori.

Le motivazioni del fumo in adolescenza

Tra le varie complessità che ci si trova ad affrontare, una tra quelle che desta maggiori preoccupazioni tra gli adulti è sicuramente quella del fumo. Le ricerche mostrano che l’avvicinamento al fumo avviene sempre prima: alcuni dati evidenziano come le prime sigarette vengono fumate già a partire dagli 11-12 anni. Si tratta, infatti, di un modo spesso utilizzato per anticipare l’età adulta, verso la quale i ragazzi si stanno affacciando. In quest’età il rito della sigaretta assume anche una valenza sociale molto forte, una sorta di rito di iniziazione per entrare in relazione con i pari e consolidare il gruppo. Come dimostrato anche a livello culturale, inoltre, la sigaretta rimanda al fascino del seduttore (e della seduttrice) bello e dannato, a cui nulla spaventa.

Reazioni dei genitori verso il fumo in adolescenza

Solitamente, di fronte alle prime sigarette, i genitori tendono a preoccuparsi molto e a capire come impedire ai propri figli di continuare con questa abitudine.

Ecco qualche consiglio pratico:

  • DIALOGO. Per quanto possa essere difficile, è importante parlare del fumo con i propri figli, cercando di capire le motivazioni che lo hanno portato a fare questa scelta. Ci sono diverse cause, dunque, che possono portare i ragazzi ad avvinarsi alle sigarette: l’accettazione da parte del gruppo dei pari, l’imitazione del comportamento del proprio ambiente o dei propri idoli, oppure essere espressione di un disagio personale.
  • INFORMARE. È dovere di ogni genitore informare i ragazzi sugli effetti del fumo, sulle conseguenze nocive che produce sulla salute e sul rischio di dipendenza che ne consegue. I ragazzi, a quest’età, si sentono invincibili e parlare con loro di malattie e morte non sembra spaventarli, ma è importante comunque mettere al corrente dei rischi che si corrono.
  • SPORT. Le ricerche dimostrano che i ragazzi che fanno attività fisica tendono a non fumare. I ragazzi impegnati in attività ricreative sembrano fumare meno ed essere meno interessati alla scoperta delle sigarette rispetto ai loro coetanei.
  • BUON ESEMPIO. Sembra scontato, ma gli adulti dovrebbero offrire il buon esempio se vogliono che i loro discorsi siano credibili.

Se ci si accorge che il proprio figlio ha iniziato a fumare, dunque, è importante cercare di capire la motivazione che l’ha portato ad adottare questo comportamento. E’ bene indagare, inoltre, se si tratta di un episodio isolato o se è un’esperienza che si sta andando a consolidare. È importante ascoltare in modo attento e privo di pregiudizi, anche se si è molto arrabbiati: sgridare e punire, infatti, spesso rischia di ottenere l’effetto opposto.

Fumo in adolescenza
3.5 (70%) 4 votes
Dr.ssa Annabell Sarpato

Dr.ssa Annabell Sarpato

Psicologa e conduttrice di gruppi
Esperta in Processi di Apprendimento
Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.
Dr.ssa Annabell Sarpato

Latest posts by Dr.ssa Annabell Sarpato (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 25% 0% 25% 50%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Annabell Sarpato
Dr.ssa Annabell Sarpato
Psicologa e conduttrice di gruppi Esperta in Processi di Apprendimento Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.