5 consigli per affrontare il bruxismo e il digrignamento dei denti
8 settembre 2015
Inchiesta su Repubblica.it: quando il social ti rende schiavo
16 settembre 2015
Tutte le categorie

Inserimento al nido: 6 consigli pratici per i genitori

Tempo di lettura: 3 minuti

Inserimento al nidoIl primo giorno di scuola, si sa, è un momento cruciale per il bambino, ma anche per i genitori. Sempre più spesso, al mondo della scuola ci si avvicina molto presto, fin dalla più tenera età. Sono sempre di più i bimbi che, soprattutto per motivi pratici, frequentano già l’asilo nido.

Questo momento può definirsi il primo ingresso nel mondo sociale del bambino e comporta la prima vera separazione dalla mamma; proprio per questo è un momento complesso per entrambi e, dunque, deve essere gestito al meglio per trasformarsi in un momento sereno di crescita.

Le diverse teorie

Ci sono posizioni discordanti su quale periodo sia migliore per l’inserimento: alcune ricerche illustrano che sarebbe meglio non inserire i piccoli in contesti come l’asilo prima dei 3 anni d’età perché è intorno a questo periodo che si stabilizza la permanenza dell’oggetto; inoltre, prima di questo momento, il piccolo necessita di un rapporto privilegiato con una figura di riferimento, per cui dovrebbe essere favorito il rapporto uno a uno.

Per altri studiosi, invece, già a partire dall’anno di età, i bambini sono pronti a separarsi dalla mamma: iniziando a muoversi autonomamente e a pronunciare le prime parole, i bambini sono pronti a esplorare il mondo. Come sempre, comunque, dipende dal bambino stesso: sia il suo livello di sviluppo, che le esperienze pregresse, influenzeranno questo momento così importante della sua vita.

Alcune regole per un buon inserimento

Come fare per rendere l’ingresso alla scuola materna un momento positivo, sia per il bambino che per la mamma?

  1. Per prima cosa, occorre preparare il piccolo all’evento: non si può, da un giorno con l’altro, portarlo in un posto nuovo e pretendere che vi rimanga senza problemi. È importante iniziare molto tempo prima, magari andando a visitare insieme la struttura, spiegando al piccolo che sarà il luogo in cui andrà a giocare e a fare tante attività una volta rientrati dalle ferie. Questo processo è molto importante per il bambino, ma anche per l’adulto: anche per la mamma il momento dell’inserimento al nido è molto complesso ed è importante che anch’essa gestisca al meglio questo periodo, senza stress. I bambini, inoltre, assorbono come spugne le reazioni della mamma; è importante, quindi, che questo momento venga vissuto il più serenamente possibile.
  2. I primi momenti dell’inserimento la mamma dovrà essere presente: esplorare l’ambiente, conoscere le insegnanti e i nuovi compagni è un lavoro che può essere svolto insieme.
  3. Preferire la separazione graduale e adattarsi, per quanto è possibile , ai tempi del bambino. Spesso si possono presentare espressioni di disagio in questo periodo, ma sono del tutto fisiologiche all’adattamento a situazioni nuove. Svegliarsi di notte o faticare a prendere sonno, irrequietezza o, al contrario, tendenza a abbattersi possono essere comportamenti diffusi in questo periodo.
  4. E’ opportuno permettere al piccolo di portare con sé un oggetto a lui familiare, a cui è molto legato: si tratta del cosiddetto Oggetto Transazionale. Anche piccoli oggetti che pota con sè per fare la nanna è importante che vengano mantenuti, informando le insegnanti di questa necessità del bambino.
  5. E’ importante rassicurare sempre che la mamma tornerà presto a prenderlo: anche se, più avanti, il bambino sembra essersi ben inserito nel contesto, è importante dimostrare sempre l’affetto, attraverso le parole e i gesti.
  6. L’equipe educativa dell’asilo nido dovrebbe essere formata da personale esperto, possibilmente supervisionato da uno psicologo, che possa supportare il piccolo e la famiglia in questo momento così delicato.
Lettura di approfondimento:  Come comunicare e cosa non dire ad un figlio adolescente

Con piccole accortezze e molta pazienza, l’inserimento al nido può essere vissuto in maniera serena e positiva da entrambe le parti, trasformandosi in un momento molto importante per il percorso di autonomia del piccolo e della sua mamma.

Inserimento al nido: 6 consigli pratici per i genitori
Valuta questo articolo
Dr.ssa Annabell Sarpato

Dr.ssa Annabell Sarpato

Psicologa e conduttrice di gruppi
Esperta in Processi di Apprendimento
Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.
Dr.ssa Annabell Sarpato

Latest posts by Dr.ssa Annabell Sarpato (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Lettura di approfondimento:  Come limitare l'insorgere del sonnambulismo nei bambini

Commenta

Dr.ssa Annabell Sarpato
Dr.ssa Annabell Sarpato
Psicologa e conduttrice di gruppi Esperta in Processi di Apprendimento Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.