Come aiutare un amico o famigliare che soffre di un disturbo alimentare
6 ottobre 2015
Famiglie ricostituite: vademecum per creare una buona fiducia
16 ottobre 2015
Tutte le categorie

Disgrafia: prevenzione e potenziamento nella scuola dell’infanzia

Tempo di lettura: 3 minuti

disgrafia-a-scuolaLe difficoltà grafo-motorie e visuo-spaziali hanno ricevuto negli ultimi anni un aumento d’interesse; da sempre relegato ad un ruolo secondario, questo tipo di funzione rappresenta un mediatore fondamentale durante il percorso formativo di bambini e ragazzi.

Purtroppo l’Italia soffre di un’impostazione didattica che privilegia la cognizione e il pensiero, penalizzando l’azione, e dunque anche la scrittura.

In realtà il cambiamento degli ultimi anni, grazie al quale sono aumentati studi e ricerche nell’ambito delle funzioni visuo-spaziale e grafo-motorie, ha permesso di dimostrare che la scrittura non è un’abilità statica e che esaurisce la sua evoluzione entro i primi due anni della scuola primaria, ma è bensì un’abilità che continua ad evolversi nel tempo e che risente di fattori individuali e contestuali.

Il ruolo della scuola nell’infanzia

La scuola dell’infanzia rappresenta un contesto fondamentale per sviluppare le potenzialità visuo-spaziali e grafomotorie, così come per prevenire eventuali difficoltà in queste aree così importanti.

Dai 3 ai 6 anni la produzione grafica dei bambini può essere divisa in due grandi categorie:

  • Scarabocchi: segni universali, tracce base, che evolvono insieme alle funzioni motorie e visive del bambino; essenzialmente rientrano in questa categoria punti, linee diritte e curve; questo tipo di produzione permette ai bambini di sperimentare inizio e inibizione dei movimenti, forza, direzione, pianificazione, sovrapposizione, velocità e forme dei tratti;
  • Segni controllati: a differenza degli scarabocchi rappresentano segni più intenzionali e che tengono conto dello spazio; questi, con il tempo, vengono uniti in diagrammi, combinazioni e aggregati fino ad arrivare alle prime immagini

In considerazione di queste produzioni la scuola dell’infanzia rappresenta il contesto ideale, con progetti di potenziamento che possono ad esempio declinarsi in queste fasi:

Lettura di approfondimento:  Gestire la classe in modo efficace con la testa e con il corpo

Rilevazione delle competenze in ingresso

Durante le prime settimane è opportuno sospendere la necessità di programmare interventi per definire con chiarezza eventuali dislivelli e poter programmare percorsi ad hoc;

Osservazione e documentazione delle prensioni

Prima ancora dell’intervento rispetto al segno, è opportuno quello sulla prensione degli strumenti di scrittura; è consigliabile in questo senso non tanto fornire consigli verbali rispetto alla corretta prensione, ma guidare attraverso esempi pratici imitabili e correggere direttamente; in questo senso è molto utile condividere con le famiglie le modalità più opportune di prensione così da avere una continuità anche in ambiente domestico: una forma di prensione corretta è la conditio sine qua non per una più corretta e funzionale produzione grafica

Sviluppo dei segni base (punto, linea dritta, linea curva)

Dai 3 ai 4 anni

In questa fase è utile promuovere il più possibile la produzione spontanea, anche con l’ausilio di materiali, colori e mezzi differenti; altro elemento importante da potenziare è la consapevolezza del movimento attraverso, ad esempio, l’imitazione dei segni scritti attraverso il corpo;

Dai 4 ai 5 anni

In questo periodo l’aspetto estetico si aggiunge a quello puramente esperenziale e percettivo; è possibile iniziare ad introdurre i concetti di continuità e/o ritmicità del segno anche attraverso l’uso di rumori, suoni, giochi imitativi;

Dai 5 ai 6 anni

La produzione grafica realizzata in gruppo, la riflessione metacognitiva rispetto ai segni prodotti, rappresentano in questa fase risorse importanti con le quali è possibile introdurre percorsi paralleli, come ad esempio quello legato alle figure geometriche piane.

Appare evidente come le classiche attività di pregrafismo proposte in modo predefinito non possono rappresentare l’alternativa ad un percorso di tipo bottom-up, che nasce e si sviluppa in funzione delle caratteristiche dei bambini e non viceversa.

Lettura di approfondimento:  Disgrafia: facciamo chiarezza sui Disturbi dell'apprendimento

BIBLIOGRAFIA

Bravar, L., Gortana, M., Dengo, M., Borean, M., Biancotto, M., & Zoia, S.. La scrittura: prevenzione e intervento sulle difficoltà grafomotorie. Difficoltà di Apprendimento e Didattica Inclusiva. (Febbraio 2015).

Disgrafia: prevenzione e potenziamento nella scuola dell’infanzia
1 (20%) 1 vote
Dr.ssa Sara Ruggeri

Dr.ssa Sara Ruggeri

Psicologa
Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento
Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.
Dr.ssa Sara Ruggeri

Latest posts by Dr.ssa Sara Ruggeri (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Sara Ruggeri
Dr.ssa Sara Ruggeri
Psicologa Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.