Il coach: chi è, quali sono le caratteristiche e come sceglierlo
31 marzo 2015
Adozione Mite
10 aprile 2015
Tutte le ctegorie

Bullismo e cyberbullismo a scuola: intervenire in modo efficace

cyberbullismo e scuola
Tempo di lettura: 3 minuti

cyberbullismo nella scuolaIn questo articolo parleremo di cyberbullismo nella scuola provando a descrivere le fasi di un intervento che possa risultare efficace.

Caratteristiche del cyberbullismo

Sempre più frequentemente le notizie di cronaca ci mettono di fronte alle tragiche conseguenze che il bullismo e cyberbullismo perpetrati comportano in molti bambini e ragazzi.

Mentre il fenomeno del bullismo è studiato e affrontato da diversi anni, quello del cyberbullismo sembra essere avanzato senza la necessaria informazione e prevenzione da parte degli adulti: molti educatori sembrano infatti non avere gli strumenti per comprendere i fattori di rischio legati alle dinamiche del bullismo online, le quali agiscono come un sistema parallelo ma costantemente attivo al di sotto delle socializzazioni offline.

In cosa si differenzia il cyberbullismo rispetto al bullismo offline?

  • la diffusione è maggiore perché può raggiungere un numero maggiore di persone;
  • la vittima non può evitare il danno allontanandosi, in quanto la comunicazione può raggiungerlo in qualsiasi luogo;
  • la possibilità di effettuare atti di prevaricazione in forma anonima favorisce la frequenza e le perpetuazione;
  • i contenuti, per la loro natura, hanno una maggiore permanenza e possono essere salvati e utilizzati anche dopo diverso tempo

Cyberbullismo: ruoli e conseguenze

Gli studi proposti dalla letteratura evidenziano come ogni attore presente negli eventi di bullismo e di cyberbullismo manifesta nel breve, medio e lungo periodo conseguenze estremamente negative:

  • il bullo: l’agire prepotenza rappresenta spesso un fattore associato, scatenante e in generale di rischio, rispetto al consumo di sostanze psicotrope, alla comparsa di difficoltà sociali fino allo sviluppo di condizioni più gravi quali disturbo antisociale di personalità;
  • la vittima: oltre a subire il danno oggettivo, presenta spesso stati depressivi, può agire idee suicidiarie o veri e propri tentativi di suicidio, stati ansiosi e fobici, sensi di colpa, ma anche difficoltà cognitive soprattutto a livello attentivo;
  • gli spettatori: spesso sottovalutati nell’opinione comune, coloro che assistono o vivono indirettamente atti di cyber/bullismo vedono compromesso il loro benessere emotivo, in quanto vivono all’interno di un contesto percepito come minaccioso e violento
Lettura di approfondimento:  I livelli di conflitto nella scuola

Cyberbullismo nella scuola

Una prevenzione realmente efficace contro il cyberbullismo nella scuola

Un buon programma di intervento per la prevenzione del cyberbullismo non può che prevedere:

  • centralità degli aspetti sociali ed emotivi: questo perché la socialità e l’emotività sono alla base degli episodi di cyberbullismo
  • partecipazione attiva dei ragazzi: un buon progetto di prevenzione necessita che i ragazzi siano parte attiva e non meri ascoltatori di un intervento informativo unidirezionale; in questo senso la peer education sembra essere la modalità maggiormente efficace
  • partecipazione degli adulti: genitori, insegnanti e qualsiasi altro educatore dovrebbe inserire nel proprio bagaglio di esperienza e conoscenza alcuni elementi di base per conoscere i social media, così da comprendere le dinamiche

Se vuoi approfondire ulteriormente il tema leggi l’articolo “Raccomandazioni per la prevenzione e la gestione del bullismo nelle scuole”

Le fasi di un intervento efficace

I migliori esempi di intervento efficace contro il cyberbullismo nella scuola prevedono diverse fasi:

  • intervento sulla politica scolastica: è opportuno elaborare con genitori, Dirigente, Coordinatori e Consigli di Classe o Team Docenti un approccio a “tolleranza zero” rispetto ad eventuali forme di prepotenza, sia online che offline
  • formazione degli adulti: attraverso corsi che prevedano la formazione di genitori, insegnanti e ogni altro educatore attivo a scuola rispetto alle caratteristiche, alla frequenza e agli indicatori di rischio di cyber/bullismo
  • formazione degli studenti: a sua volta suddiviso in 2 fasi, ovvero formazione dei peer educator e creazione di attività ad hoc con lo scopo di potenziare sia le competenze empatiche che quelle sociali
  • servizi di ascolto: proposti parallelamente alla durata di tutto l’intervento, sia in maniera più informale, ad esempio attraverso programmi di auto-aiuto tra pari, sia attraverso la disponibilità di professionisti che possano fornire un supporto specialistico
  • verifica: alla fine di ogni intervento è opportuno raccogliere dati oggettivi rispetto all’efficacia della proposta, attraverso questionari anonimi da fornire a tutti i partecipanti del progetto.
Lettura di approfondimento:  Come realizzare in modo efficace i propri obiettivi

Approfondimenti

Bullismo e cyberbullismo a scuola: intervenire in modo efficace
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Sara Ruggeri

Dr.ssa Sara Ruggeri

Psicologa
Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento
Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.
Dr.ssa Sara Ruggeri

Articoli recenti di Dr.ssa Sara Ruggeri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *