La valutazione del danno psichico
19 dicembre 2014
Effetti benefici della mindfulness sul dolore cronico
5 gennaio 2015
Tutte le categorie

Studente in difficoltà: cosa è meglio dire

Tempo di lettura: 2 minuti

studente in difficoltàNel precedente articolo abbiamo introdotto la questione della comunicazione efficace nel rapporto insegnante-studente affrontando innanzitutto quelli che Thomas Gordon ha definito i 12 “ostacoli” alla comunicazione che trasmettono infatti allo studente la non accettazione, il rifiuto o l’assenza di empatia.

Dopo aver riflettuto su cosa non dire, cerchiamo ora di comprendere cosa è opportuno fare nel caso uno studente manifesti un disagio o una difficoltà.

Cosa dire dunque ad uno studente in difficoltà? Nulla!

La cosa più efficace da fare in presenza di uno studente in difficoltà infatti non è parlare, ma ascoltare. Il tipo di ascolto opportuno in questi casi è quello che lo piscologo statunitense ha definito “ascolto attivo“. L’ascolto attivo rappresenta una forma di silenzio empatico, non giudicante, disponibile e comprensivo che, a differenza degli ostacoli alla comunicazione già visti, favorisce l’apertura dell’interlocutore.

L’ascolto attivo si compone di quattro momenti fondamentali:

  1. ascolto passivo: l’ascolto passivo rappresenta una fase di silenzio iniziale; questo silenzio permette di evitare di incorrere nei 12 errori di comunicazione e trasmette all’interlocutore la percezione di avere spazio, tempo e attenzione per poter esprimere la propria difficoltà;
  2. messaggi di accoglimento: dopo la prima fase di ascolto silenzioso, è opportuno rendere in modo più esplicito il sentimento di apertura e disponibilità attraverso due possibili forme: non verbale, dunque attraverso movimenti del corpo, o espressioni del viso, o verbale, ovvero attraverso singole parole o frasi che trasmettano l’accoglienza;
  3. inviti calorosi: dopo che lo studente ha espresso la sua difficoltà, grazie allo spazio e all’ascolto che gli abbiamo dedicato, può essere opportuno approfondire attraverso domande, tenendo a mente l’importanza di mantenere un atteggiamento non giudicante ed empatico;
  4. ascolto attivo: l’ultima fase di questo scambio comunicativo prevede che l’adulto rifletta il messaggio portato dallo studente, avendo l’accortezza di ripeterlo senza introdurre proprie interpretazioni. Questo ultimo passaggio servirà a creare un legame ancora maggiore fra adulto e studente, in quanto trasmetterà a quest’ultimo il messaggio implicito di essere stato oggetto di un ascolto attento e di attenzione, invece che di giudizio frettoloso e disinteressato.
Lettura di approfondimento:  5 falsi miti sul disturbo oppositivo provocatorio

I vantaggi dell’ascolto attivo con uno studente in difficoltà

Ma perché è utile usare l’ascolto attivo in contesti educativi? Per almeno 3 ordini di motivi:

  • migliora il benessere dello studente: un educatore infatti ha fra i suoi scopi principali quello di creare occasioni affinché il ragazzo o il bambino si esprima e comunichi anche il proprio malessere o disagio nei modi opportuni, allo scopo di individuare precocemente soluzioni funzionali
  • migliora la relazione insegnante-studente: i principi di rispetto, ascolto, disponibilità, rappresentano importanti basi per un rapporto sereno fra insegnante e studente; questo rapporto di fiducia rappresenta uno dei maggiori fattori di protezione dallo stress anche per l’insegnante
  • migliora il clima del gruppo classe: estendere i principi appena visti all’intero gruppo classe crea le condizioni migliori non solo in termini didattici ma anche educativi, sociali, relazionali, per tutti i componenti di quel micro-sistema che ogni gruppo classe rappresenta

Approfondimenti

Studente in difficoltà: cosa è meglio dire
Valuta questo articolo
Dr.ssa Sara Ruggeri

Dr.ssa Sara Ruggeri

Psicologa
Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento
Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.
Dr.ssa Sara Ruggeri

Latest posts by Dr.ssa Sara Ruggeri (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.

Lettura di approfondimento:  Bilinguismo a scuola: vantaggio o svantaggio?

Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Sara Ruggeri
Dr.ssa Sara Ruggeri
Psicologa Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.