Diventare mamma a quarant’anni
23 luglio 2013
famiglia ricostituita
Vivere in una famiglia ricostituita: come fare e quali difficoltà affrontare
13 agosto 2013
Tutte le ctegorie

Balbuzie: 4 consigli per i genitori

Tempo di lettura: 2 minuti

balbuzieDa sempre le balbuzie hanno attirato la curiosità e le fantasie degli studiosi. Aneddoti e false credenze hanno caratterizzato per secoli le persone colpite da fenomeni disfluenti, creando un alone di mistero intorno a questo disturbo.

Cosa sono le balbuzie?

La balbuzie è un disturbo del linguaggio, un fenomeno complesso caratterizzato da diversi livelli a seconda dei fattori fisiologici e psicologici, oltre che dalle variabili genetiche e ambientali che lo denotano.

Contrariamente a ciò che si pensa, la comparsa delle balbuzie nella prima infanzia è molto frequente: per l’85% dei soggetti balbuzienti, infatti, l’insorgenza è avvenuta tra i 18 e i 42 mesi. Spesso la situazione si risolve spontaneamente, ma a volte le difficoltà si protraggono fino all’età adulta. Come spesso accade, la prognosi tempestiva è l’arma migliore per contrastare il fenomeno: di fronte a segnali di fenomeni disfluenti, dunque, è bene che i genitori prestino maggiore attenzione al comportamento del bambino.

Quali sono le cause della balbuzie?

Gli studiosi sostengono prevalentemente due posizioni: la teoria della predisposizione genetica e quella del contesto ambientale. Proprio per questo motivo negli ultimi anni si sta lavorando molto sulla prevenzione, al fine di sensibilizzare i genitori al fenomeno, formando e informando circa lo sviluppo della parola parlata, in modo tale da aiutarli a promuovere e monitorare gli sviluppi del piccolo. Nonostante i genitori siano in grado spontaneamente di favorire l’emergere della parola, è importante, infatti, che essi seguano i progressi del bambino, supportandolo e aiutandolo nell’educazione linguistica.

Cosa possono fare, dunque, i genitori?

  1. Accompagnare, seguire proprio figlio, stimolandolo nello sviluppo linguistico, ma senza forzarlo ed evitando di mettergli pressione.
  2. Rallentare e ascoltare. Sentiamo sempre, ma ascoltiamo poco: è una delle conseguenze della frenesia quotidiana in cui siamo immersi. Di fronte a una sovrastimolazione, tendiamo a non soffermarci sulle cose importanti. Per questo è bene ricordare che è fondamentale prestare maggiore attenzione a ciò che racconta nostro figlio: è importante mostrare un interesse autentico, genuino, circa ciò che ci sta raccontando. Guardarlo negli occhi, commentare le sue parole, lasciarlo comunicare liberamente senza, ad esempio, concludere le parole su cui mostra particolari difficoltà, possono essere degli strumenti utili per dimostrare l’interesse per ciò che nostro figlio ci sta dicendo.
  3. No panic! È importante non preoccuparsi eccessivamente e non mostrare angoscia alle prime difficoltà del linguaggio. Il rischio, infatti, è quello di creare un sentimento di ansia e angoscia che facilmente si trasmette ai bambini, che inizieranno a vivere il momento comunicativo come uno stress, dando vita a un circolo vizioso difficile da interrompere. Come detto anche in precedenza, i bimbi sono in continuo sviluppo e, nonostante ai primi campanelli di allarme è consigliabile presentare un’attenzione particolare, è controproducente allarmarsi eccessivamente. Parlarne con il pediatra può essere una buona soluzione, che consiglierà come muoversi nel modo ottimale.
  4. Può sembrare un consiglio banale, ma non lo è: non prendete in giro, nemmeno per scherzo, il bambino per le sue difficoltà nel parlare. E’ opportuno anche sollecitare eventuali fratelli o amici a non ripetere il modo di parlare del bambino, evitando prese in giro e derisioni. Spiegate al bambino che anche a voi capita di bloccarvi, che è assolutamente normale avere questi momenti di difficoltà. Evitate di sottolineare il disturbo, commentando il suo modo di comunicare.

E’ importante trasmettere al bambino il messaggio che noi lo accettiamo così com’è, sia esplicitandolo verbalmente, che attraverso i gesti quotidiani. Far sentire nostro figlio compreso e accolto è sicuramente uno degli strumenti più potenti per promuovere il suo sviluppo e garantirgli una crescita serena.

Lettura di approfondimento:  Paura del buio nei bambini? Ecco come affrontarla
Balbuzie: 4 consigli per i genitori
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Annabell Sarpato

Dr.ssa Annabell Sarpato

Psicologa e conduttrice di gruppi
Esperta in Processi di Apprendimento
Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.
Dr.ssa Annabell Sarpato

Articoli recenti di Dr.ssa Annabell Sarpato (guarda tutto)


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *