Inside Out: emozioni nella mente
30 ottobre 2015
La comunicazione non violenta nel dialogo interno
6 novembre 2015
Tutte le categorie

Come si impara a leggere e scrivere?

Tempo di lettura: 3 minuti

imparare-a-leggere-e-scrivereSpesso le difficoltà di apprendimento o i Disturbi Specifici di Apprendimento si caratterizzano come ritardi nello sviluppo di alcune funzioni specifiche.

Conoscere lo sviluppo tipico delle funzioni è quindi indispensabile per aiutare i bambini in difficoltà: la chiave per un intervento efficace sarà capire in quale stadio si trova il bambino in difficoltà e potenziare le funzioni deficitarie con interventi specifici per raggiungere il livello evolutivo successivo.

Esistono ovviamente altri fattori che intervengono nell’evoluzione delle funzioni di letto scrittura (aspeti emotivi, motivazionali, variabili di personalità, fattori contestuali), ma conoscerne le tappe evolutive rappresenta un passo imprescindibile per quegli educatori che accompagnano bambini e ragazzi nel percorso di apprendimento.

I modelli teorici

La letteratura non ha trovato ancora pieno accordo nella definizione di un modello univoco che spieghi l’evoluzione delle capacità di leggere e scrivere, tuttavia alcuni ricercatori hanno ipotizzato percorsi evolutivi che, seppur ancora studiati e suscettibili di modifiche, vengono considerati a livello internazionale validi punti di riferimento.

Gli stadi di lettura: il modello di Uta Frith

Fra questi modelli quello maggiormente condiviso a livello internazionale è il modello stadiale di Uta Frith. Questo modello ipotizza che le abilità di letto-scittura di sviluppino seguendo quattro fasi:

  1. Fase logografica: in questa fase non è possibile parlare ancora di lettura e scrittura vera e propria; i bambini riconoscono la forma di certe parole viste con frequenza e sono in grado di associare a quell’immagine vista molte volte una certa parola; allo stesso modo sono in grado di riprodurre la scritta, che viene in realtà creata come un disegno. Un esempio di questo può essere la capacità di bambini della scuola dell’infanzia di “scrivere” o “leggere” il proprio nome, o quello di persone significative, o ad esempio di saper riconoscere alcune scritte famose e facilmente riconoscibili (ad esempio “Disney”, “Coca Cola”, ecc);
  2. Fase alfabetica: questa fase rappresenta un momento cruciale, forse il più importante nell’evoluzione delle capacità di leggere e scrivere. In questo momento infatti emerge nel bambino la consapevolezza che c’è un legame fisso, una corrispondenza, fra un certo suono e una certa immagine. Questo vuol dire che il bambino comprende che un certo segno è una convenzione per rappresentare un certo suono. Questa consapevolezza (consapevolezza fonologica), inizialmente presente a livello sillabico (consapevolezza fonologica globale), diventa in pochi mesi più sottile e automatizzata, e permette di comprendere la corrispondenza fra un suono e una lettera (consapevolezza fonologica analitica);
  3. Fase ortografica: in questo momento evolutivo il bambino apprende che esistono delle eccezioni rispetto alla corrispondenza suono-lettera (ad esempio digrammi come /ch/, /gl/, /sc/); questo è possibile perché il bambino non tenderà più a leggere lettera per lettera, ma inizierà a considerare gruppi più ampi;
  4. Fase lessicale: in questa fase l’automatizzazione della corrispondenza è tale che il bambino saprà riconoscere con estrema velocità e quasi automaticamente una parola che ha letto diverse volte (via visiva, diretta o lessicale), mentre la modalità di lettura lettera per lettera verrà mantenuta solo per le parole poco frequenti o mai incontrate nella propria esperienza di lettura (come ad esempio per le parole straniere). In questa fase comprende inoltre che il significato della parola può influenzare il modo in cui scriverla (“lago”, ad esempio, si scrive diversamenta da”l’ago”).
Lettura di approfondimento:  Come educare i propri figli alla lettura?

Un’attenta analisi degli errori di lettura e scrittura dei bambini ci permetterà di comprendere a quale stadio sono e come aiutarli a raggiungere quello successivo.

Come si impara a leggere e scrivere?
Valuta questo articolo
Dr.ssa Sara Ruggeri

Dr.ssa Sara Ruggeri

Psicologa
Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento
Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.
Dr.ssa Sara Ruggeri

Latest posts by Dr.ssa Sara Ruggeri (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Sara Ruggeri
Dr.ssa Sara Ruggeri
Psicologa Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.