Studiare in modo efficace: come organizzare spazio, tempo e informazioni
10 marzo 2015
Coaching: origini e tipologie
18 marzo 2015
Tutte le categorie

Bullismo e Cyberbullismo: differenze e consigli

Bullismo e Cyberbullismo

Bullismo e CyberbullismoQuali differenze tra bullismo e cyberbullismo?

Bullismo e cyberbullismo tre differenze principali

Secondo Olweus “uno studente è oggetto di bullismo, ovvero è prevaricato e vittimizzato, quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto da parte di uno o più compagni”.

Il bullismo si manifesta in tre forme principali:

  • Diretto: con attacchi sia fisici sia verbali nei confronti della vittima;
  • Indiretto: avviene sul piano psicologico, ad esempio, con l’isolamento sociale;
  • Elettronico: si sposta sul piano digitale, con la diffusione di sms, e-mail, messaggi in chat, immagini, mms, video offensivi.

Il comportamento deve essere volontario, non accidentale, ripetuto e la vittima deve percepire che il danno è stato inflitto.

Il bullo e la vittima nel bullismo e cyberbullismo

Protagonisti del fenomeno sono: da un lato il bullo che, ripetutamente nel tempo, sfrutta una posizione di superiorità per aggredire, isolare, insultare o deridere un compagno. Dall’altro la vittima sperimenta vissuti emotivi legati all’offesa, grave svalutazione delle propria identità e isolamento. Un ruolo fondamentale è giocato dagli “esterni”, cioè i compagni che quotidianamente assistono a tali situazioni o sono a conoscenza del loro verificarsi, senza intervenire attivamente per fermare i comportamenti adottati dal bullo.

Tipologie di bullismo e cyberbullismo

Nelle prime due forme di bullismo esso viene agito nei contesti noti e familiari, infatti, i bulli sono studenti, compagni di classe o di Istituto, conosciuti dalla vittima. Le azioni dei bulli vengono raccontate ad altri studenti della scuola o ad amici e solitamente avvengono durante l’orario scolastico o nel tragitto tra casa e scuola e viceversa.

La terza forma di bullismo, invece, ha delle caratteristiche peculiari differenti. Per denominare le azioni aggressive e intenzionali, eseguite persistentemente attraverso strumenti elettronici (sms, mms, foto, video clip, e-mail, chat, chiamate telefoniche), da una persona singola o da un gruppo, con il deliberato obiettivo di far male o danneggiare un coetaneo che non può facilmente difendersi, è stato, recentemente, proposto il termine “cyberbullismo” (Patchin, Hinduja, 2006, Smith, 2007, Willard, 2007).

I cyberbulli, sfruttando la tecnologia, superando limiti temporali e geografici, possono quindi “infiltrarsi” con immagini e video offensivi 24 ore su 24. I cyberbulli possono essere degli sconosciuti oppure persone note che on line si fingono anonime o usano un nickname e che rendono impossibile per la vittima risalire all’identità di chi sta interagendo. Inoltre, chiunque, anche chi è vittima nella vita reale può fingere della caratteristiche diverse per ostentare superiorità e diventare un cyberbullo.

La percezione di essere invisibile ed anonimo attiva nei cyberbulli un’alta disinibizione al punto da farli credere di potere compiere on line tutto ciò che desiderano. L’assenza di feedback tangibili da parte della vittima – “Io non posso vedere te!” (Willard, 2007) – ostacola la comprensione empatica delle emozioni (scopri come prevenire il bullismo e cyberbullismo in questo articolo che spiega come aiutare i bambini a sviluppare l’intelligenza emotiva).

Nonostante la percezione di presunta invisibilità dei bulli, il materiale può essere diffuso in tutto il mondo e soprattutto è indelebile: ciò che viene pubblicato su internet non è infatti facilmente cancellabile.

Consigli e strategie utili per bullismo e cyberbullismo

Consigli per contrastare il cyberbullismo

  1. Stabilire un dialogo con i propri figli per condividere cosa fa e la qualità del siti
  2. Insegnare a usare Internet in modo responsabile, in particolare a non inviare informazioni sensibili
  3. Spiegare quali rischi corre online, come quelli legati all’invio di foto/video di se stesso che possono finire nelle mani sbagliate e diffondersi in rete
  4. Invitalo a informarti subito se qualcuno lo importuna online e prendere tempo
  5. Presta attenzione anche ai piccoli cambiamenti che avvengono nel suo  comportamento e nei suoi atteggiamenti, ancor più se improvvisi
  6. Mantieni un dialogo sempre aperto con la scuola  e le altre figure educative

Consigli per contrastare il bullismo

  1. Educa a comportamenti relazionali positivi e fornisci un modello educativo valido in famiglia
  2. Educa all’accettazione, all’ascolto e al rispetto per l’altro
  3. Invita a non rimanere indifferente davanti alle ingiustizie proprie e altrui
  4. Presta attenzione ai segnali di malessere di tuo figlio e ai suoi vissuti emotivi
  5. Se tuo figlio ti racconta una situazione di bullismo, ascolta senza minimizzare quanto accaduto
  6. Far intraprendere attività nuove e gratificanti, anche al di fuori della scuola, che possano aumentare la sua autostima
  7. Valorizzare il dialogo scuola e famiglia
  8. Rivolgersi ad esperti

Approfondimenti

  • Patchin, J.W., Hinduja, S. (2006). Bullies move beyond the schoolyard: a preliminary look at cyberbullying. Yhout Violence and Juvenile Justice, 4(2), 148-169.
  • Smith, P.K. (2006). An investigation into cyberbullying, its forms, awareness and impact, and the relationship between age and gender in cyberbullying
  • Willard, N.E. (2007a). Cyber-safe kids, Cyber-savvy teens. Jossey-Bass
Bullismo e Cyberbullismo: differenze e consigli
2.5 (50%) 2 votes

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 100% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta