Depressione e minfulness
26 agosto 2014
Noia rimedi
Spazza via la noia: 4 esercizi per superare il senso di routine
5 settembre 2014
Tutte le categorie

Bisogni Educativi Speciali (BES): chi sono, chi li riconosce e quali vantaggi

bisogni educativi speciali
Tempo di lettura: 3 minuti

bisogni educativi specialiBES (Bisogni Educativi Speciali)

Il concetto di equità

Nel II secolo il giurista Ulpiano, definendo la giustizia come la costante e perpetua volontà di riconoscere a ciascuno il proprio diritto, individua uno degli aspetti cardine del vivere comune: l’equità, intesa come il diritto di ciascuno di vedere riconosciute e considerate le proprie specifiche peculiarità.

La normativa

La normativa in tema di scuola recentemente promulgata, si muove proprio sul cardine dell’equità, riconoscendo agli studenti il diritto di venire riconosciuti come portatori di bisogni educativi speciali, anche in assenza delle rigide formalità burocratiche finora richieste.

La Direttiva Ministeriale 27/12/12 e le Note 06/03/13, 27/06/13 e 22/11/13, hanno inteso ribadire la necessità di una particolare attenzione per tutti quei frequenti casi di fragilità attualmente presenti nel nostro sistema scolastico.

BES, chi sono?

BES (Bisogni Educativi Speciali) è l’acronimo utilizzato per definire una macrocategoria che comprende al suo interno:

  • disabilità (già coperta dalla L104/92 e successive integrazioni)
  • disturbi evolutivi specifici (ovvero sia i Disturbi Specifici di Apprendimento, già coperti dalla L170/10 e relative integrazioni, sia tutte quelle situazione certificate come l’ADHD o non certificate come difficoltà di comprensione del testo, Funzionamento Intellettivo Limite e non coperte da specifica legislazione)
  • svantaggio socio-economico, linguistico, culturale

Dunque i BES (Bisogni Educativi Speciali) sono tutti quegli alunni e studenti che vivono una situazione di fragilità e che necessitano di particolari attenzioni didattiche, formative ed educative, per un periodo che può essere breve (ad esempio per lo svantaggio linguistico di un bambino da poco trasferitosi in Italia), oppure lungo (ad esempio per difficoltà attentive particolarmente marcate).

La DM 27/12/12 pone particolare attenzione soprattutto alla descrizione delle categorie fino a questo momento più trascurate dal punto di vista normativo, ovvero:

  • i disturbi specifici, che sono ampiamente descritti e corredati da esempi
  • i disturbi dell’attenzione e iperattività: soprattutto per i casi nei quali non è prevista la presenza di un insegnante di sostegno
  • il funzionamento intellettivo limite
Lettura di approfondimento:  Cosa è l'educazione?

Chi riconosce un BES?

La seconda importante novità della legislazione sui BES (Bisogni Educativi Speciali), oltre al riconoscimento della condizione di fragilità per alcune categorie, è proprio nel ruolo finalmente riconosciuto alla scuola ed in particolare ai Consigli di Classe o team docenti.

La CM 8 del 6/03/13 infatti ribadisce che è compito del Consiglio o team indicare in quali casi è opportuna e necessaria la personalizzazione della didattica o l’utilizzo di misure compensative e dispensative.

Questo aspetto, che da alcuni è stato fortemente criticato perché visto come un eccesso di responsabilizzazione degli insegnanti, rappresenta invece un’importante garanzia contro il rischio di medicalizzazione delle difficoltà scolastiche: l’insegnante infatti, a stretto e quotidiano contatto con il bambino, ha la possibilità di decidere come favorire la formazione senza dover necessariamente attendere una certificazione medica.

Conseguenza di questo riconoscimento è che non esiste una diagnosi di BES, e dunque alcuna certificazione che può essere redatta da medici o psicologi riportante la dicitura BES.

Quali vantaggi ha un BES?

E’ opportuno ribadire che la normativa non ha lo scopo di avvantaggiare i ragazzi con difficoltà nell’apprendimento, ma semplicemente di metterli nelle stesse condizioni di apprendere dei coetanei che non presentano difficoltà.

Sulla base di questo principio di equità, il Consiglio di classe o il team docenti decideranno le modalità più opportune per favorire il potenziale del bambino o ragazzo con Bisogno Educativo Speciale, ad esempio attraverso:

  • didattica inclusiva
  • personalizzazione della didattica
  • assunzione di misure compensative o dispensative idonee
  • redazione di un Piano Didattico Personalizzato per formalizzare tali accorgimenti
Bisogni Educativi Speciali (BES): chi sono, chi li riconosce e quali vantaggi
2 (40%) 1 vote
Lettura di approfondimento:  La Comunicazione non violenta non è (solo) affare per i capi di stato

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach at Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.