Madri sotto stress!
12 Apr 2013
Musicoterapia (parte I)
23 Apr 2013
Tutte le categorie

Gruppi di Parola per aiutare i bambini ad affrontare la separazione

Tempo di lettura: 2 minuti

gruppi di parolaI gruppi di parola

In Italia, il numero di separazioni e divorzi sta aumentando considerevolmente. I dati ISTAT riferiti all’anno 2010 rilevano che il numero di separazioni risulta essere pari a 88.191, mentre quello dei divorzi sale a 54.160. Una tendenza che coinvolge tutta la penisola italiana, con una tendenza alle separazioni sempre più frequenti nel nord del Paese e un aumento del numero di casi nei Paesi del sud Italia. I dati confermano che le separazioni e divorzi stanno aumentando rispetto gli anni precedenti: confrontando i dati statistici rilevati nel 1995, si riscontrano 158 separazioni e 80 divorzi, contro i rispettivi 307 e 182 del 2010 su 1000 matrimoni.

Attualmente la durata media dei matrimoni è di circa 15 anni, con un’età media della separazione di 45 anni per i mariti e di 42 anni per le mogli, che sale rispettivamente a 47 e 44 per il divorzio. Il dato più interessante è che nel 68.7% delle separazioni e nel 58.5% dei divorzi è presente almeno un figlio: ciò indica che in almeno metà delle separazioni coniugali e in un terzo dei divorzi è coinvolta la prole. Questo dato è molto importante, perché se la separazione riguarda principalmente marito e moglie, essa ha inevitabili ricadute su tutti i membri familiari, in particolar modo i figli.

Chi ne paga le conseguenze?

I figli, infatti, possono rappresentare i soggetti più colpiti quando la separazione viene mal gestita: numerose ricerche, infatti, mostrano come questa complessa transizione familiare può raddoppiare il rischio di problemi di adattamento nei minori a diversi livelli. In particolare, dalla letteratura risulta che bambini figli di separati possono avere ripercussioni a livello comportamentale (Doherty, Needle, 1991), psicologico (Forehand, Neighbors, Devine, Armistead, 1994), scolastico (Astone, McLanahan, 1991), sociale (Beaty, 1995), ma anche in termini di considerazione di sé (Wenk, Hardesty, Morgan e Blair, 1994) e nelle condizioni di salute, anche a lungo termine (Tucker, Friedman, Schwarts, Critiqui, Tomlinson-Keasey, Wingard, Martin, 1997). Le ricerche più recenti, invece, dimostrano che non è la separazione in sé ad aumentare la possibilità di sviluppare difficoltà a breve e lungo termine, bensì è il livello di conflitto esperito dal bambino tra mamma e papà a fare la differenza. E’ sbagliato, nonché molto pericoloso, sostenere che la separazione coniugale sia la condizione sufficiente per creare problemi di adattamento: oltre ai livelli di conflittualità, è molto importante considerare diversi fattori intervenienti, come la qualità della relazione con entrambi i genitori, le competenze genitoriali, gli eventi stressanti legati alla separazione e la resilienza dei figli. Quest’ultimo elemento è sicuramente molto importante da tenere presente: infatti, i figli sono dei protagonisti attivi coinvolti nel momento critico della separazione. Per questo può essere utile proporre una forma di intervento rivolto proprio ai bambini, atta a sviluppare delle risorse adeguate per affrontare al meglio la separazione di mamma e papà.

Lettura di approfondimento:  Stalking e molestie: linee guida per riconoscerli e difendersi

Gruppi di parola: un possibile intervento

Uno dei più recenti strumenti in Italia, diverso da un percorso di consulenza individuale rivolto al minore, possono essere i Gruppi di Parola per figli di genitori separati, che trova le sue radici in Canada e Francia e che si colloca in un’ottica preventiva e di promozione del benessere.

Informazione e consapevolezza sono i due assi portanti del Gruppo di Parola dove, in un contesto protetto, viene dato spazio all’importanza di dare ascolto, aiutare a capire e uscire dall’isolamento. Accanto alla parola vengono svolte attività di tipo espressivo: disegno, collage, cartelloni, racconti e giochi di ruolo, confrontandosi tra pari. Il Gruppo di Parola si svolge secondo un percorso strutturato, permettendo di alleggerire gli interrogativi dei bambini e aiutarli a esprimere come stanno vivendo la separazione.

Commenta su Facebook
Gruppi di Parola per aiutare i bambini ad affrontare la separazione
Valuta questo articolo
Dr.ssa Annabell Sarpato

Dr.ssa Annabell Sarpato

Psicologa e conduttrice di gruppi
Esperta in Processi di Apprendimento
Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.
Dr.ssa Annabell Sarpato

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.

Lettura di approfondimento:  Come superare il trauma

Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Dr.ssa Annabell Sarpato
Dr.ssa Annabell Sarpato
Psicologa e conduttrice di gruppi Esperta in Processi di Apprendimento Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.