Come sviluppare la fiducia nel mondo nei bambini?
6 febbraio 2014
Quando la separazione è conflittuale
11 febbraio 2014
Tutte le categorie

8 modi e mezzo di essere intelligenti in classe!

Tempo di lettura: 3 minuti

intelligenti-in-classe
Da diversi anni la psicologia non si interessa più di “quanto” una persona possa essere intelligente, ma di “come” possa esserlo.

I classici sistemi di valutazione dell’intelligenza, basati ad esempio sulla misurazione del Quoziente Intellettivo (QI), sono stati infatti oggetto di critiche a causa di alcuni grandi limiti (sopravvalutazione del risultato più che del processo, tendenza all’etichettamento statico dell’individuo valutato, scarsa utilità del risultato ai fini pratici).

Queste critiche hanno portato negli anni a proposte alternative per la valutazione dell’intelligenza, intesa non tanto come un fattore unico, stabile e presente sin dalla nascita, quanto come modalità di adattamento al contesto e dunque modificabile, potenziabile e molto legata alle caratteristiche dell’ambiente di vita.

Fra queste vi è la “teoria delle intelligenze multiple” di Howard Gardner, psicologo che individuò e definì diverse forme di intelligenza:

  1. linguistica: capacità e spiccata sensibilità nell’usare il linguaggio per esprimere efficacemente il proprio pensiero e comprendere quello degli altri
  2. musicale: sensiblità rispetto agli elementi costitutivi della musica: tono, melodia, ritmo, etc.
  3. logico-matematica: associata al pensiero scientifico e ricondotta al confronto diretto con il mondo reale
  4. spaziale: capacità di percepire il mondo visivo con precisione e di processare con facilità contenuti visivi
  5. corporeo-cinestetica: capacità di usare il corpo ed il movimento e di comprendere quello degli altri rispetto a funzioni espressive oltre che concrete
  6. intrapersonale: spiccata capacità di accesso alla propria sfera affettiva, riconoscimento, individuazione, rappresentazione ed espressione delle proprie emozioni e dei propri sentimenti
  7. interpersonale: capacità di comprendere facilmente gli altri, i loro desideri, valori, sentimenti, inenzioni attraverso un rapporto empatico
  8. naturalistica: capacità di osservare, discriminare e classificare in modo scientifico il mondo naturale, nella sua più ampia accezione
  9. spirituale: definita in realtà l’intelligenza numero “8 e mezzo” in quanto ancora oggetto di studi; tendenza a porsi domande e creare conclusioni rispetto a grandi temi esistenziali
Lettura di approfondimento:  "Mal di scuola"? Ecco 7 anticorpi per affrontarla e come promuoverli

Ipotizzare l’esistenza di diverse intelligenze significa ammettere la possibilità che ognuno possa apprendere più facilmente ed efficacemente attraverso un canale (ad esempio spaziale) piuttosto che un altro (ad esempio linguistico).

Nella pratica di classe dobbiamo quindi aspettarci che ogni insegnante prepari 9 lezioni differenziate?

Esiste un metodo molto più semplice per raggiungere efficacemte lo stesso scopo, ovvero fornire lo stesso contenuto attraverso più canali contemporaneamente così da:

  • favorire l’accesso alla conoscenza attraverso il proprio canale preferenziale
  • promuovere la consapevolezza che uno stesso contenuto può essere veicolato in modo diverso

Un esempio pratico di come includere molte intelligenze in un’unica lezione?

Durante la spiegazione orale (intelligenza linguistica), preparata seguendo uno schema logico che sarà già esplicitato all’inizio della lezione (intelligenza logico-matematica), e proposta con un tono di voce che enfatizzi gli aspetti più importanti (intelligenza musicale), creare schemi alla lavagna o utilizzare supporti visivi (intelligenza spaziale), chiedendo poi agli alunni di produrre alla fine della lezione riflessioni personali su quanto detto (intelligenza intrapersonale) nella forma che preferiscono (scelta libera in base al proprio canale preferenziale) e di condividerle poi in coppia o piccolo gruppo (intelligenza interpersonale).

Questo breve esempio rappresenta solo una delle possibilità, e ha lo scopo di mostrare come con piccoli accorgimenti da inserire all’interno della routine didattica, sia possibile creare condizioni di apprendimento e formazione migliori per un più ampio numero di menti.

Avete già in mente come adattare la prossima lezione per le intelligenze della vostra classe? 

Bibliografia

8 modi e mezzo di essere intelligenti in classe!
2.9 (57.5%) 8 votes
Lettura di approfondimento:  Quando risulta difficile la comprensione di un testo scritto
Dr.ssa Sara Ruggeri

Dr.ssa Sara Ruggeri

Psicologa
Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento
Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.
Dr.ssa Sara Ruggeri

Latest posts by Dr.ssa Sara Ruggeri (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

100% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Sara Ruggeri
Dr.ssa Sara Ruggeri
Psicologa Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.