Strategie per sopravvivere con un partner narciso
29 gennaio 2016
5 strategie per aiutare le persone in ansia
5 febbraio 2016
Tutte le categorie

Quando il mandala diventa terapia

Tempo di lettura: 3 minuti

mandala-e-terapiaIl gruppo del Mandala-Lab ormai sa che le parole, per quell’ora a settimana, non sono necessarie. Le lasciano fuori dalla porta, nelle tasche dei cappotti o nelle pieghe degli ombrelli. Una volta entrati, si lasciano scegliere da qualche colore e dal giusto intarsio di linee o dal foglio bianco su cui prenderà forma qualche parte del Sé…Nel silenzio, ogni volta, colori e linee bastano a portare sollievo, a rallentare i pensieri, a ricominciare ad ascoltarsi…

Le origini del mandala

Il mandala è uno strumento antico che proviene dalla cultura buddhista, ma si ritrova nella maggior parte delle religioni, ed ha trovato forte diffusione nel mondo occidentale anche grazie a C. G. Jung, che ne ha studiato per oltre vent’anni la valenza archetipica. Secondo Jung, infatti, il mandala rappresenta la personalità nella sua interezza, è uno specchio dell’ordine interiore che si sviluppa a partire da un nucleo di base e da una cornice che tenta di abbracciare e contenere il tutto. Nei momenti di maggiore inquietudine o disorientamento emotivo, è frequente che il mandala appaia spontaneamente come immagine in un sogno o nei disegni liberi (soprattutto negli ‘scarabocchi’ fatti senza troppa attenzione per ingannare il tempo): il mandala è, infatti, un archetipo compensatorio capace di portare «ordine nel disordine» o, almeno, di mostrare che l’ordine è possibile.

La valenza terapeutica

La valenza terapeutica del mandala consiste nella possibilità di utilizzare l’intrico di linee come schermo su cui proiettare le proprie paure e preoccupazioni o come contenitore di emozioni e pensieri. In questo modo la mente può liberarsi o, almeno, alleggerirsi dalle sue catene abituali, può ritrovare la capacità di concentrazione per applicarla al meglio alla propria vita, riscoprendo una nuova e più profonda motivazione con cui orientare le proprie scelte.

Disegnando un mandala, si compie un rito simbolico: si traccia un cerchio sacro che rappresenta la parte più intima della personalità e lo si protegge con linee e spazi per evitarne l’invasione o la dispersione all’esterno. Dato che nel mandala tutte le parti sono connesse le une con le altre, in una successione armonica di pieni e di vuoti, esso aiuta la capacità di integrazione psichica, facilitando la comprensione delle proprie emozioni o tratti caratteriali come pura conseguenza di esperienze di vita, non da giudicare, ma da capire e contenere in un metaforico abbraccio rappresentato dalle linee circolari.

La modalità di sviluppo grafico porta a «fare il punto» più e più volte, fino a raggiungere il ‘centro della psiche profonda’. È la centratura resa possibile dal mandala, infatti, che apre la strada alla guarigione delle piccole e grandi ferite che risalgono alla primissima infanzia, nel momento in cui i bisogni fisiologici/affettivi non sono stati compresi o soddisfatti nel modo ideale. Guarendo queste ferite si cresce e ci si scopre più forti e sicuri nelle relazioni interpersonali, più consapevoli di quello che si prova e del perché lo si prova: non è mai «colpa» degli altri, ma mera conseguenza di esperienze pregresse.

Pillole di mandala-terapia

  1. Colora il tuo mandala: ritagliati almeno un’ora tutta per te, spegni il telefono e rendi l’ambiente rilassante. Scegli se partire con uno schema già tracciato (se ne trovano moltissimi sul web, disponibili per il download gratuito) o se cominciare dal foglio bianco, poi procurati pastelli e pennarelli e colora senza stare troppo a pensare a quello che fai. Lascia che sia l’istinto a guidarti: non importa che il risultato sia «bello», ma che sia autentico.
  2. «Leggi» il mandala: quando senti di aver terminato, guarda il disegno nel complesso e dagli un titolo. Immagina che si trasformi in una struttura tridimensionale e di potervi entrare dentro: il pensiero ti piace o ti inquieta? Perché? Poi prendi nota delle forme e dei colori prevalenti e gioca a trovare delle correlazioni (es.: rosso come il sangue, la sacca della palestra, le fragole su una torta, ecc.. quadrato come un ragionamento, un tavolo, la casa, la sicurezza, ecc..): che cosa dicono di te?
  3. Il mandala per capire: utilizza i due step precedenti pensando ad una situazione precisa, positiva o negativa, che stai vivendo o che hai vissuto. Il mandala potrà darti preziose indicazioni a riguardo che ancora non erano giunte al livello di coscienza!

Approfondimenti

Quando il mandala diventa terapia
Valuta questo articolo
Dr.ssa Sabrina Cassottana

Dr.ssa Sabrina Cassottana

Psicologa
Collabora con diversi enti di formazione e comunità terapeutiche in qualità di docente e conduttrice di laboratori esperenziali.
Dr.ssa Sabrina Cassottana

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Sabrina Cassottana
Dr.ssa Sabrina Cassottana
Psicologa Collabora con diversi enti di formazione e comunità terapeutiche in qualità di docente e conduttrice di laboratori esperenziali.