superare mal di scuola
“Mal di scuola”? Ecco 7 anticorpi per affrontarla e come promuoverli
28 febbraio 2014
ebook-sito-wordpress
Ebook – 5 Passi per costruire un sito professionale in WordPress
3 marzo 2014
Tutte le ctegorie

Psicodramma con i bambini

Tempo di lettura: 3 minuti

psicodramma con i bambiniL’approccio psicodrammatico è sicuramente meno conosciuto rispetto ad altri approcci, ma in altri paesi europei e non solo, ha riscosso e sta riscuotendo un enorme successo. Mi riferisco in particolare allo Psicodramma di Moreno da distinguere dallo Psicodramma analitico.

Nello psicodramma il conduttore esorta i partecipanti a esprimere, esteriorizzare i loro vissuti, traumi, sogni etc. attraverso la RAPPRESENTAZIONE IMPROVVISATA DEI RUOLI. Per il raggiungimento di questo obiettivo, il conduttore, che interviene attivamente e entra in contatto con i pazienti aiutandoli a sviluppare un alto grado di autenticità e spontaneità, utilizza diverse tecniche come: presentazione dei ruoli, soliloquio, inversione di ruolo, lo specchio, il doppiaggio e molte altre ancora.

Tre forme di psicodramma con i bambini

Nei bambini lo psicodramma appare come una sorta di gioco, di spazio dove poter esprimere le proprie fantasie, desideri nascosti, il proprio sé.

Lo psicodramma, nei caso dei bambini, può assumere tre forme a seconda degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Innanzitutto, possiamo parlare di:

  • psicodramma diagnostico, una modalità di investigazione della situazione dello spirito in cui la scelta dei ruoli, dei temi e dei racconti, rappresentano linee guida della vita psichica del bambino. 
  • psicodramma pedagogico, in  cui si osserva la natura delle scelte del bambino e il modo in cui interpreta i suoi ruoli e inventa il proprio linguaggio; dunque si andrà a ricercare l’insorgere della spontaneità attraverso l’improvvisazione teatrale, l’apprendimento di nuovi ruoli e la soluzione dei problemi di adattamento agli altri e alla scuola.
  • psicodramma terapeutico (individuale o collettivo) che ha come obiettivo, citando Winnicott, il being first ossia l’essere in primo luogo sé stessi con di più la scomparsa dei sintomi: si tratta di far cadere i falsi sé, le falsificazioni e permettere al bambino di scoprire i propri desideri, le proprie vere emozioni. 

Utilizzare lo psicodramma con i bambini non è semplice così come non è semplice spiegare in poche righe come deve avvenire l’organizzazione generale. Infatti, il trattamento psicodrammatico di un bambino richiede la precisa conoscenza di tecniche e regole, organizzazione dei giochi di ruolo nonché la necessaria preparazione e presenza di operatori, ognuno dei quali deve avere un ruolo preciso e prestabilito.

Lettura di approfondimento:  Sviluppare il talento nei bambini

Ma tutto ciò cosa significa nella pratica?

Per dare al lettore un’idea di come si opera nella pratica dello psicodramma, farò alcuni esempi facendo riferimento ad alcune tecniche psicodrammatiche che vengono utilizzate maggiormente.

INVERSIONE DI RUOLO: si consideri una situazione in cui un adolescente è in conflitto con il padre. Nella rappresentazione psicodrammatica, una volta che il protagonista (in questo caso il bambino) ha messo in scena il proprio ruolo, gli si chiede di abbandonarlo e di assumere quello del padre o, per meglio dire, il ragazzo diventa il padre. In questo modo lo si costringe ad assumere il punto di vista dell’altro.

LO SPECCHIO: si fa scegliere al bambino un ruolo che vuole assumere e, dopo averlo interpretato, gli si permette di “specchiarsi” ossia di valutarsi all’interno di questo ruolo; una volta chiesto di reagire dopo essersi specchiato , il bambino sarà in grado di modificare e ritoccare alcuni dettagli. Si tratta di una sorta di sdoppiamento.

IL SOLILOQUIO: si tratta di invitare il protagonista a parlare ad alta voce dandogli così la possibilità di esprimere le proprie fantasie più intime.  A volte di può chiedere al soggetto di fare il soliloquio di qualcos altro, come ad esempio di un oggetto che nella rappresentazione ha risultato avere un valore particolare per il protagonista.

IL DOPPIO: può essere definito anche come alter ego, il quale non deve anticipare il pensiero del bambino ma deve rimanere fedele ed esprimere ciò che il protagonista ha provato. Nella pratica, l alter ego si pone dietro il soggetto (generalmente posando una mano sulla spalla) ed esprime quei sentimenti difficlmente esprimibili dallo stesso protagonista.

Lettura di approfondimento:  Mindfulness: cosa è in pratica

LA BOTTEGA MAGICA: si tratta di una bottega immaginaria dove i bambini possono comprare e vendere qualsiasi cosa. I bambini  esprimono con cosa vogliono barattare la “cosa” di cui si vogliano disfare  (esempio difficoltà personali). Si crea così una situazione in cui i bambini, insieme agli operatori, si trovano impegnati in una fantasia immaginativa che permette al bambino si superare le proprie resistenze.

Queste sono solo alcune delle tecniche che vengono utilizzate nello psicodramma e non solo con i bambini.

Per un approfondimento rispetto al lavoro psicodrammatico con i bambini, consiglio ai lettori di consultare il libro di Lorin “Trattato di psicodramma infantile” in cui l’autore descrive e analizza in modo particolareggiato il percorso terapeutico di una bambina attraverso l’uso della pratica psicodrammatica.

BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA

Psicodramma con i bambini
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Alice Carella

Dr.ssa Alice Carella

Laureata in "Psicologia del Benessere nel corso di vita", iscritta all'Albo degli Psicologi del Lazio e specializzata in Psicodramma a orientamento dinamico presso l'IPOD di Roma.
Dr.ssa Alice Carella

_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *