Cambiamento: esercizio per crearlo
4 Ago 2010
virtuale contro il bullismo
Un quartiere “virtuale” per difendersi dal bullo
4 Ago 2010
Tutte le categorie

Il faticoso, ma possibile, cammino del cambiamento

Tempo di lettura: 2 minuti

promozione-benessereIn attesa del quarto incontro con Maria è forse opportuno fare alcune considerazioni e riflessioni sul procedimento che stiamo seguendo. L’obiettivo che ci siamo posti in questa prima fase della terapia è quello stabilito dalla stessa: vorrei essere una persona normale e non stare così male.

La paziente lamenta un problema di vergogna ad oltranza che le impedisce di condurre una vita normale causandole disagi, sofferenza e soprattutto una continua autocritica negativa che si aggiunge ed aggrava il disagio di partenza definito: vergogna di se stessa.

La nostra attenzione si è concentrata sul disagio emotivo -C- di vergogna lamentato dalla giovane; è stata quindi individuata la circostanza in cui detto disagio si manifesta -A-: “quando penso a me stessa”; si sono poi estrapolati i pensieri spontanei -B- della paziente relativamente alla “sua persona”.

Forte di quanto premesso nella “teoria del funzionamento mentale”, Maria è divenuta consapevole che le emozioni che si provano sono determinate esclusivamente da ciò che si pensa circa ciò che ci accade; è divenuta consapevole anche del fatto che siccome la nostra sofferenza è determinata da ciò che pensiamo allora per smettere di soffrire bisogna intervenire sui nostri stessi pensieri che evidentemente sono falsi e disfunzionali in quanto servono un nucleo doveristico (dovere) implicito.

La P. è ora consapevole del fatto che non tutto quello che pensiamo, solo perché lo pensiamo, è  anche vero e che è opportuno indagare su questo aspetto usando semplicemente il tridente: E’ VERO?; E’ FALSO?; PERCHE’?

Maria ha metabolizzato che tutto ciò che è falso in ambito mentale non può essere ne positivo, ne funzionale ai principi universali di benessere e sopravvivenza della persona stessa. Ciò nonostante ella non è ancora in grado di autoprodursi il cambiamento ambito in quanto il “sapere” non significa “saper fare” e per di più gli automatismi mentali tendono a prevalere occorre pertanto realizzare un apprendimento della “messa in pratica” che, come tutti i processi di apprendimento, richiede piccole dosi di nuovo ripetute in maniera coerente fino alla realizzazione del nuovo nucleo cognitivo che sarà di tipo sano e funzionale e quindi promotore il benessere interiore.

Lettura di approfondimento:  Fototerapia in terapia: 5 tecniche utili per il terapeuta

Per ciò che riguarda la disputa del pensiero spontaneo irrazionale e disfunzionale Maria è stata aiutata in seduta e successivamente le è stato chiesto di iniziare a farlo da sola, come compito a casa, durante l’intervallo delle sedute settimanali. Come si nota dalle trascrizioni delle sedute l’atteggiamento del terapeuta è costantemente posato sulle verbalizzazioni della P. allo scopo di intervenire ed evidenziare qualunque pensiero o convinzione o nucleo irrazionale che dovesse evidenziarsi. La P., anche se non le è stato chiesto nulla di specifico, al terzo incontro appariva meno rassegnata e adeguatamente collaborativa.

Commenta su Facebook
Il faticoso, ma possibile, cammino del cambiamento
Valuta questo articolo

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 100% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Lettura di approfondimento:  Concentrarsi sul futuro o vivere per il presente?