Cambiamento: esercizio per crearlo
4 Agosto 2010
virtuale contro il bullismo
Un quartiere “virtuale” per difendersi dal bullo
4 Agosto 2010
Tutte le categorie

Il faticoso, ma possibile, cammino del cambiamento

promozione-benessereIn attesa del quarto incontro con Maria è forse opportuno fare alcune considerazioni e riflessioni sul procedimento che stiamo seguendo. L’obiettivo che ci siamo posti in questa prima fase della terapia è quello stabilito dalla stessa: vorrei essere una persona normale e non stare così male.

La paziente lamenta un problema di vergogna ad oltranza che le impedisce di condurre una vita normale causandole disagi, sofferenza e soprattutto una continua autocritica negativa che si aggiunge ed aggrava il disagio di partenza definito: vergogna di se stessa.

La nostra attenzione si è concentrata sul disagio emotivo -C- di vergogna lamentato dalla giovane; è stata quindi individuata la circostanza in cui detto disagio si manifesta -A-: “quando penso a me stessa”; si sono poi estrapolati i pensieri spontanei -B- della paziente relativamente alla “sua persona”.

Forte di quanto premesso nella “teoria del funzionamento mentale”, Maria è divenuta consapevole che le emozioni che si provano sono determinate esclusivamente da ciò che si pensa circa ciò che ci accade; è divenuta consapevole anche del fatto che siccome la nostra sofferenza è determinata da ciò che pensiamo allora per smettere di soffrire bisogna intervenire sui nostri stessi pensieri che evidentemente sono falsi e disfunzionali in quanto servono un nucleo doveristico (dovere) implicito.

La P. è ora consapevole del fatto che non tutto quello che pensiamo, solo perché lo pensiamo, è  anche vero e che è opportuno indagare su questo aspetto usando semplicemente il tridente: E’ VERO?; E’ FALSO?; PERCHE’?

Maria ha metabolizzato che tutto ciò che è falso in ambito mentale non può essere ne positivo, ne funzionale ai principi universali di benessere e sopravvivenza della persona stessa. Ciò nonostante ella non è ancora in grado di autoprodursi il cambiamento ambito in quanto il “sapere” non significa “saper fare” e per di più gli automatismi mentali tendono a prevalere occorre pertanto realizzare un apprendimento della “messa in pratica” che, come tutti i processi di apprendimento, richiede piccole dosi di nuovo ripetute in maniera coerente fino alla realizzazione del nuovo nucleo cognitivo che sarà di tipo sano e funzionale e quindi promotore il benessere interiore.

Per ciò che riguarda la disputa del pensiero spontaneo irrazionale e disfunzionale Maria è stata aiutata in seduta e successivamente le è stato chiesto di iniziare a farlo da sola, come compito a casa, durante l’intervallo delle sedute settimanali. Come si nota dalle trascrizioni delle sedute l’atteggiamento del terapeuta è costantemente posato sulle verbalizzazioni della P. allo scopo di intervenire ed evidenziare qualunque pensiero o convinzione o nucleo irrazionale che dovesse evidenziarsi. La P., anche se non le è stato chiesto nulla di specifico, al terzo incontro appariva meno rassegnata e adeguatamente collaborativa.


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi sul mio account personale di Instagram, sulla Pagina Ufficiale Facebook di Psicologia Pratica o nel Gruppo di Psicologia Pratica. © Copyright www.davidealgeri.com. Tutti i diritti riservati. E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e/o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da Davide Algeri e con citazione esplicita della fonte (www.davidealgeri.com). E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.


Contatta lo psicologo a Milano

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.


VIDEOCORSO

COME SUPERARE UN TRADIMENTO

I miei strumenti e le strategie efficaci per affrontare l'infedeltà. Tutto in un video corso.

superare un tradimento

Hai scoperto da poco di essere stato tradito/a dal tuo partner? Ti è caduto il mondo addosso e tutti i progetti che avevate costruito insieme si sono frantumati? Senti che non potrai più recuperare la fiducia che avevi riposto in lui/lei e non sai se vorrai continuare la relazione? Avverti emozioni contrastanti che ti spingono ad avvicinarti e ad allontanarti? Oppure stai pensando di uscire dalla relazione, ma hai troppa paura di cosa accadrà dopo?

Scopri in che modo questo video corso può esserti di aiuto a superare questo momento difficile.

SCOPRI DI PIU'