valore e bisogni
Test: valori e bisogni
4 agosto 2010
Il faticoso, ma possibile, cammino del cambiamento
4 agosto 2010
Tutte le categorie

Cambiamento: esercizio per crearlo

Tempo di lettura: 3 minuti

promozione-benessereAbbiamo ragione di credere che questo pensiero pregno di impotenza e rassegnazione, prima o poi, transiti nella mente di chiunque, ma è noto che in molti individui può essere costantemente presente.

In molte circostanze quando soffriamo, quando “disfunzioniamo”, quando il nostro modo di essere e di fare risulta sconveniente e negativo per noi stessi e per gli altri, si accende il desiderio/esigenza di cambiare.

Cos’è il cambiamento e come si fa ad ottenerlo?

Sembrerà semplicistico, ma per cambiare è necessario operare la stessa manovra eseguita per crearci il problema/disagio che lamentiamo avvalendoci però di obiettività onesta e scrupolosa oltre ad una certa conoscenza che stiamo cercando di promuovere in questa sede. A questo punto delle premesse è giunto il momento di dire: armiamoci e partiamo.

Cosa è opportuno portare con noi? Un atteggiamento mentale umile, onesto e propositivo; una buona dose di critica ed autocritica; il criterio di logica e di consequenzialità; il prezioso tridente (vedi gli articoli precedenti sul funzionamento mentale).

Porteremo in memoria i nuclei di presunzioni nevrotiche da confutare: concetto di dovere, generalizzazioni, drammatizzazioni, assolutizzazioni, estremizzazioni; porteremo anche i valori universalmente riconosciuti ai quali riferirsi: sopravvivenza e benessere interiore; porteremo l’ABC, carta e penna. Per quanto riguarda l’ABC si tratta di uno strumento estremamente semplice che ci consente di rappresentare graficamente il problema che intendiamo affrontare ed i passaggi opportuni per procedere.

In dettaglio:

  • A sta per acthiving event, ovvero evento attivante;
  • B sta per belife sistem, ovvero sistema di convinzioni;
  • C sta per consequensis, ovvero conseguenze emotive e comportamentali.

Semplificando:

A B C
(evento) (pensieri) (emozione)
——————–
——————–
——————–
——————–
——————–
——————–
——————–
——————–
——————–
  • Nella prima colonna descriveremo l’evento che scatena o ha scatenato il nostro disagio;
  • Nella seconda, i pensieri che facciamo circa l’evento A;
  • Nella terza descriveremo le o la emozione negativa che proviamo ovvero ciò che chiamiamo il problema: di ansia, di colpa, di depressione o di rabbia.

Generalmente gli esseri umani elaborano nel seguente modo: sto male (C) perché mi è accaduto A – es: sono  inc….furibonda/o (C), perché mi hanno distrutto l’automobile (A) appena ritirata dall’autosalone;

Detta attribuzione automatizzata di responsabilità a qualcosa, o a qualcuno del disagio che proviamo, avviene senza che ce ne rendiamo conto e per di più rafforzato dai commenti (credenza comune) degli altri che confermano la consequenzialità dell’accaduto e che riconoscono e condividono l’inevitabilità del disagio, ma ciò è un falso perché le cose non stanno così.

Se ciò fosse vero, se fosse vero che la nostra sofferenza è dovuta agli eventi spiacevoli che ci capitano allora significherebbe che gli eventi hanno il potere di farci stare male o farci stare bene e questo è perlomeno assurdo! Prendiamo l’evento “macchina incidentata” al quale il soggetto dell’esempio attribuisce la colpa del suo star male, immaginiamo di trainarla dal carrozziere per fare la riparazione ed immaginiamo che questi proprio in quel momento non aveva lavoro da svolgere e che alla vista del lavoro in arrivo intimamente gioisca e ringrazi la Divina provvidenza allora, l’evento “macchina incidentata” è un evento buono o un evento cattivo? È la manna dal cielo del carrozziere o la disgrazia dell’automobilista? Ovviamente ne l’uno ne l’altro, ma semplicemente un’auto non in grado di circolare a causa di una serie di danni riportati. Ma allora se le nostre emozioni negative (ansia, colpa, depressione, rabbia) non sono dovute a ciò che accade, a cosa sono dovute?

Osservando l’ABC si nota che nel pensiero spontaneo viene trascurata la zona B, ovvero la zona dei nostri pensieri sull’evento. E’ proprio il nostro modo di pensare circa l’evento che determina i nostri (C) emotivi e comportamentali; Siamo noi e solo noi  che con il nostro modo di pensare determineremo il nostro star bene ed il nostro star male. Scopriamo il nostro personale potere di cambiare!

Elisabetta Vellone

Cambiamento: esercizio per crearlo
Valuta questo articolo

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta