CTP e Terapeuta: due ruoli sovrapponibili?
5 agosto 2016
bambino-mangia-poco
“Mio figlio mangia poco”. Come gestire l’inappetenza nei bambini
13 agosto 2016
Tutte le ctegorie

Oltre il semplice videogioco: Pokémon Go e l’intelligenza emotiva

Tempo di lettura: 4 minuti

intelligenza-emotiva-pokemon-goGotta catch em all a tutti!

Chi di voi non lo ha mai sentito?

Io personalmente un sacco di volte, ma perché fin da bambino ho toccato con mano questo fenomeno (2Game boy, Game boy Color, Game boy Advanced, Nintendo DS lite, ecc…) grazie anche al “bombardamento persuasivo” di massa di media, tv e chi più ne ha più ne metta. Ok, ma tutto questo però riguardo a cosa vi starete chiedendo? Ebbene ai Pokémon.

Ma cosa sono i Pokémon?

Sono creature immaginarie che gli umani possono catturare, allenare e far combattere per divertimento. Se vi dico Pikachu, vi viene in mente a cosa mi riferisco?

Quel simpatico topino giallo con le guanciotte rosse, che è l’idolo della maggior parte dei bambini e dei vostri nipotini. Pikachu e i Pokémon, Pokémon e i Pikachu…e ora, nel 2016, Pokémon Go.

Un ulteriore passo avanti nella loro cattura, che coinvolge gli smartphones (android e apple) e la realtàaumentata. Avete presente tutte quelle persone, che mentre passeggiate per la città, stanno con lo sguardo attaccato al proprio cellulare? Giocano tutti a questo videogioco.

Obiettivo del gioco

Acchiapparli tutti! Va bene, ma come? Per farlo bisogna avere una connessione dati attiva e il gps attivo. Poi tanta voglia di camminare e parecchia pazienza, soprattutto se il proprio cellulare (come successo a me) fa I capricci. Eh già!

Il potere persuasivo di Pokémon GO

Questo nuovo fenomeno mondiale sta dilagando come una macchia d’olio, coinvolgendo adulti e bambini.

Già anche adulti, sembra strano, ma è così. Vuoi per nostalgia o altri fattori, ma molto dipende dal suo enorme potere persuasivo.

A tal proposito, esiste una materia di studio chiamata captologia che ci viene incontro aiutandoci a capire come mai questo videogioco a realtà aumentata sta spopolando.

Questa nuova disciplina, ci spiega attraverso 4 fattori (Kairos, comodità, semplicitàmobile, confrontosociale e competizione) come mai Pokemon Go riscuote così tanti consensi.

Per i non addetti ai lavori possiamo riassumere il tutto così: più un prodotto tecnologico è semplice, comodo, facile da usare, competitivo ed interviene nel momento migliore con le sue notifiche e/o input e più sarà facile persuasivo. E questo, soprattutto se lo si può “paragonare” con altre persone.

Lettura di approfondimento:  Sexting: cosa è e come intervenire

In Pokemon Go troviamo tutto questo: la facilitàduso nell’accedervi e giocarvi (soprattutto per i native digitali di oggi), la competizione con gli altri membri nell’acchiapparli tutti, il confronto con gli altri per vedere chi ne ha di più e la comparsa dei Pokémon (nonché delle notifiche relative al Gps, qualora non funzioni) quali forme di “promemoria” per persuaderci a continuare a giocare.

Gli effetti del virtuale sul reale

A conti fatti cosa ne pensate? Quanto vi sto dicendo è anche confermato da esperienze reali e non solo dalle mie parole.

È il caso di Tom Currie, un 24enne neozelandese che ha deciso che le ore libere non gli bastavano più. E così ha abbandonato il proprio lavoro.

Alla luce del suo potenziale persuasivo, Pokemon Go ha anche un’effettiva utilità positiva, che va oltre il semplice giocarci. C’è da non crederci, ma è così. Ad esempio, al Mott Children’s Hospital, ospedale pediatrico negli Stati Uniti, Pokémon GO viene utilizzato come terapia in un ospedale pediatrico! I piccoli pazienti hanno l’opportunità di usufruire di Pokémon GO, scorrazzando nella struttura alla ricerca dei loro mostriciattoli preferiti.

Grazie a Pokémon GO possono muoversi dal proprio letto e socializzare più facilmente! Il movimento, aiuta i bambini dal punto di vista fisico, non lasciando atrofizzare gli arti, mentre il socializzare con gli altri li fa sentire meno soli. Non male vero?

Tuttavia le sorprese non sono finite qui. Pokemon Go può anche venire in soccorso e dare uno slancio a persone che soffrono di ansia e depressione, aiutandole ad uscire da uno stato di scoraggiamento e apatia. Come? Semplicemente incoraggiando la persona ad uscire verso il mondo esterno e socializzare con gli altri.

Chiariamo però subito una cosa, e cioè che quanto vi sto dicendo non equivale a considerare questo videogioco come “la cura” definitiva per chi soffre di ansia e depressione. È comunque di valido aiuto.

L’intelligenza emotive insita in Pokémon GO

Possiamo a conti fatti considerare Pokemon Go una “tecnologia positiva”? Io sostengo di si.

Azzardo però un’ulteriore ipotesi che potrebbe contribuire a questa mia riflessione.

Informandomi anche su quelli che saranno i futuri aggiornamenti del gioco, io sono convinto che Pokemon Go contribuirà anche a potenziare l’intelligenza emotiva, ovvero un uso corretto delle emozioni proprie e altrui, dei giocatori coinvolti. Con le modifiche future dell’app si potrà difatto duellare tra allenatori (e con allenatori intendo le persone fisiche che si incontrano durante la ricerca dei Pokemon nelle varie città) e quindi durante la lotta, il giocatore nel momento in cui vedrà il pokemon avversario cercherà di mettersi nei panni dellaltro (vuoi in misura maggiore o minore) per cercare di capire il motivo e del perché la scelta é caduta su quel Pokemon.

Lettura di approfondimento:  6 nuovi disagi causati dalla tecnologia

Il giocatore inoltre cercherá anche di mettersi nei panni dell’avversario per capire quali mosse userà e come il suo avversario si comporterà. E questo anche sul piano delle emozioni.

Riassumendo, il successo di Pokemon Go è dato da diversi fattori, sia negativi che positivi. Se vi informerete ne verrete di sicuro a conoscenza. Tale successo, sia nel bene che nel male, porterà senza ombra di dubbio a un notevole diffusione, ancora più sensazionale, del gioco a realtà aumentata.

Qualche consiglio se per caso vorrete in future giocarvi, o se vi state già giocando? E questo, a detta di uno psicologo come me? Ebbene, procedete con cautela e non esagerate. Cercate di apprezzare il gioco per quello che è, con la consapevolezza del suo potenziale positivo o negativo che sia.

Non dimenticatevi però che esiste anche una realtà la fuori, in cui i Pokemon non ci sono, ok?

A cura del Dott. Lazzeri Marco, Psicologo dell’Ordine della Valle d’Aosta

Immagine per gentile concessione di PixaBay

Approfondimenti

  • A.A, “Kairos” in https://it.wikipedia.org/wiki/Kairos, 2016.
  • A. Caffo, “Pokèmon Go oltre il gioco: è anche la cura per ansia e depressione” in http://www.panorama.it/mytech/videogiochi/pokemon-go-oltre-il-gioco-e-anche-la-cura-per-ansia-e-depressione/, 2016.
  • L. Caminiti, “L’intelligenza emotiva secondo Daniel Goleman: una chiave per il successo!” in http://www.psicologiaok.com/60/intelligenza-emotiva-la-chiave-per-il-successo/, 2011
  • V. Conti, “Pokémon GO utilizzato come terapia in un ospedale pediatrico!” in http://www.pokemonmillennium.net/notizie/videogiochi/74657-pokemon-go-utilizzato-come-terapia-in-un-ospedalepediatrico/, 2016.
  • L. Festinger, “A theory of social comparison process” in Human Relations, 7, 1954, pp 117-140.
  • B.J.Fogg, “Tecnologia della persuasione”, 2005, Apogeo, Milano, pp. 209-239.
  • V. Iori, “Pokemon Go, inghiottiti nella solitudine di una nuova dipendenza” in http://www.huffingtonpost.it/vannaiori/pokemon-go-dipendenza-solitudine-_b_11064166.html?utm_hp_ref=italy&ncid=fcbklnkithpmg00000001, 2016.
  • S. Micocci, “Pokemon GO, novità: cosa cambia con il nuovo aggiornamento” in https://www.forexinfo.it/Pokemon-GO-nuovo-aggiornamento-novita, 2016.
  • G. Riva, “Come Creare Tecnologie Positive” in http://psicomedia.blogspot.it/2012/10/come-creare-tecnologie-positiveparte-1.html, 2012
  • J.Turner, “Social Influence” Brooks/Cole, Pacific Grove, CA, 1991.
  • R. Zajonc, “Social Facilitation” in Science, 149, 1965, pp. 269-274.
Lettura di approfondimento:  Come aiutare i bambini a sviluppare l'Intelligenza Emotiva
Oltre il semplice videogioco: Pokémon Go e l’intelligenza emotiva
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach presso Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *