Gestire la rabbia: 6 utili strategie
11 gennaio 2014
Binge Eating: disturbo da alimentazione incontrollata
13 gennaio 2014
Tutte le ctegorie

Mindfulness per monitorare i sentimenti

mindfulness
Tempo di lettura: 3 minuti

mindfulnessLa Mindfulness per monitorare i sentimenti

La Mindfulness può aiutarci a non evitare i sentimenti o le sensazioni fisiche negative, ma ad entrare in contatto con loro permettendoci di vivere con consapevolezza ogni momento della nostra vita.

Come reagisce la nostra mente quando è minacciata

La nostra mente funziona in modo tale che quando emerge qualcosa di sgradevole, i sistemi del cervello si attivano e ci allertano delle potenziali minacce. Di fronte alle minacce, o alla nostra infelicità la reazione più frequente é quella dell’evitamento.

Non solo soffochiamo i comportamenti legati all’avvicinamento, come la curiosità, l’impegno e la benevolenza, ma la mente è indotta anche a evitare i propri stessi prodotti, isolandoli, sopprimendoli, fingendo che non ci siano anche quando sono presenti.

Le conseguenze dell’evitamento

Come conseguenza dell’evitamento dei sentimenti negativi non solo ci separiamo da essi e anche dalle sensazioni fisiche sgradevoli, ma sospendiamo la nostra capacità di sentire qualsiasi cosa. Andiamo a rafforzare noi stessi nell’essere distaccati dalla piena esperienza della vita.

L’evitamento dei nostri pensieri, delle nostre emozioni e dei nostri sentimenti viene definito evitamento esperienziale. Per capire meglio possiamo pensare a quando siamo sulla nostra auto e sentiamo un rumore proveniente dalla vettura, ma per non sentirlo alziamo il volume della radio. Questa modalità non ci fa più sentire il rumore, ma non impedisce che il motore grippi dieci miglia più in là.

Da diverse ricerche emerge come molte forme di disturbi delle emozioni sono le conseguenze di tentativi di evitare le proprie emozioni. Sappiamo che l’evitamento dei pensieri, emozioni, sentimenti negativi non permette di affrontarli, anzi rimangono con noi andando a trasformare le sensazioni sgradevoli passeggere in una sofferenza duratura.

Se non ne diventiamo consapevoli i sentimenti sgradevoli influenzeranno i nostri atteggiamenti, in modo tale da perpetuare la nostra infelicità.

Come possiamo imparare a risintonizzarci senza essere sopraffatti?

Abbiamo un’unica scala nella mente che registra le esperienze come positive, neutre o negative, questa capacità funge da “barometro interiore”. La sfida è imparare a leggere il nostro barometro interiore. Se ci esercitiamo a diventare consapevoli della catena di reazioni innescata da circostanze particolari, ogni volta avremo l’opportunità di spezzare il legame tra le sensazioni di “pancia” e le reazioni automatiche che le seguono.

Di fronte alle emozioni negative come rabbiadisgustoansia abbiamo l’opportunità di sviluppare un sistema di allarme. Se ci sintonizziamo sui messaggi del barometro interiore, possiamo riconoscerle nel momento in cui sorgono. Nel momento in cui ne prendiamo consapevolezza la loro influenza sulla nostra mente si indebolisce.

Quando constatiamo che c’è un avversione in seguito ad un evento sgradevole è importante prenderne consapevolezza per aprire nuove possibilità.

Portando una consapevolezza gentile e non giudicante alle sensazioni fisiche che accompagnano tale infelicità, possiamo usare nel modo più adattivo le informazioni implicite nelle sensazioni e nei sentimenti stessi.

Praticando la Mindfulness ed in particolare la scansione corporea e altre pratiche può diventare più facile individuare la qualità sgradevole di un sentimento prima che esso inneschi l’avversione e attraverso un atteggiamento non giudicante ci metteremo in contatto profondo con la piena esperienza di ogni momento della nostra vita.

Approfondimenti

  • Kabat-Zinn J., Mindfulness per principianti (compra il libro su Amazon)
  • J.Kabat Zinn, Ovunque tu vada ci sei già, Garzanti, 1994.
  • Hayes, S.C., Wilson, K.G., Gifford, E.V., Follette, V.M., Strosahl, K., “Experiential avoidance and behavioural disorders: A functional dimensional approach to diagnosis and tratment”, in Journal of Consulting and Clinical Psychology, 64, 1996,pp. 1152-1168.
  • M. Williams, J. Teasdale, Z. Segal, J. Kabat-Zinn Ritrovare la serenità (2010). Ed. Raffaello Cortina.
Mindfulness per monitorare i sentimenti
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Laura Tavani

Dr.ssa Laura Tavani

Psicologa, Psicoterapeuta
Esperta in EMDR e Mindfulness
Svolge la libera professione occupandosi di terapia individuale, di coppia e famigliare, consulenza genitoriale e terapia breve per traumi.
Dr.ssa Laura Tavani

_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *