5 Strategie per diventare più forti!
26 maggio 2015
A scuola dalle Oche: dal team working alla leadership
5 giugno 2015
Tutte le categorie

Il ruolo dei software nell’apprendimento

Tempo di lettura: 2 minuti

software-e-apprendimentoUna nuova era dell’apprendimento

Negli ultimi anni l’accesso sempre maggiore alla tecnologia ha permesso di sperimentare il ruolo dei software applicati alla didattica e al potenziamento cognitivo e metacognitivo.

Alcuni autori fanno riferimento all’utilizzo di questo tipo di software come a delle forme di brain training, ovvero di vere e proprie forme di palestra per le funzioni cognitive al fine di migliorare specifiche performance.

Quali sono i punti di forza dei software didattici?

I software didattici e di potenziamento si caratterizzano per una serie di punti forza specifici quali:

  • Partecipazione attiva dell’utente: affinché il software funzioni e prosegua è infatti indispensabile che l’utente agisca e fornisca una risposta; dunque il gioco, la sua velocità, è funzione dell’attività diretta dell’utente;
  • Frequente e contingente rinforzo: ad ogni azione dell’utente corrisponde una risposta del software; questo principio è alla base dell’apprendimento di tipo stimolo-risposta-rinforzo;
  • Caratteristiche percettive accattivanti: grafica, suoni, colori, movimenti, rendono l’apprendimento estremamente stimolante e motivante, e fanno leva su alcuni degli interessi più frequenti dei bambini, ovvero quello per i colori, per le immagini in movimento, favorendo una forma di apprendimento maggiormente ecologica e quasi incidentale;
  • Alta possibilità di personalizzazione: molti dei software progettati per la didattica non solo possono essere impostati a seconda del livello di competenza dell’utente, ma sono in grado di calibrare la velocità con la quale procedono nel potenziamento rispettando al velocità dell’utente

A proposito di velocità e di livelli, è fondamentale comprendere che il software didattico non è esente dal principio base dell’apprendimento efficace, ovvero essere in grado di attestarsi in quella che Vygotskij definì “zona di sviluppo prossimale”. Con questo termine ci si riferisce al livello ottimale che un esercizio dovrebbe assumere: quello fra il livello di sviluppo raggiunto dal bambino e il livello di sviluppo che può raggiungere attraverso l’aiuto di un Altro competente (sia esso un insegnante/eudcatore, un coetaneo più capace, o un gruppo).

Altro aspetto favorevole sembra essere presente per tutta quella popolazione di bambini e ragazzi con difficoltà attentive più o meno intense, soprattutto legate all’attenzione uditiva sostenuta, spesso canale molto sfruttato nella didattica tradizionale. L’esercizio pratico, la possibilità di sperimentare direttamente e comprendere in modo autonomo il funzionamento di uno specifico procedimento, appare essere per bambini e ragazzi con difficoltà nell’attenzione uditiva sostenuta, un vantaggio rispetto alla classica spiegazione orale che anticipa l’esercitazione.

Possono i software sostituire del tutto la didattica tradizionale?

E’ importante tuttavia comprendere che l’utilizzo di questo tipo di media non rappresenta di per sé la chiave per una didattica efficace, ma costituisce semplicemente un ulteriore strumento nel kit degli attrezzi dell’educatore. L’elemento informatico infatti non può prescindere da quello pedagogico: è utile capire quale tipo di software utilizzare a seconda della funzione cognitiva da potenziare, così come identificare e tararlo in base alle caratteristiche dell’utente, programmare infine fasi e sessioni di lavoro che alternino didattica classica, e forme alternative (software, apprendimento cooperativo, ecc) per diversificare la proposta formativa ed educativa e raggiungere il più ampio livello di efficacia didattica.

Approfondimenti

  • Mascia, M.L., Fastame, M.C., & Penna, M.P (Febbraio 2015). Quando i software didattici aiutano il potenziamento delle funzioni cognitive. Difficoltà di Apprendimento e Didattica Inclusiva.
Il ruolo dei software nell’apprendimento
Valuta questo articolo
Dr.ssa Sara Ruggeri

Dr.ssa Sara Ruggeri

Psicologa
Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento
Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.
Dr.ssa Sara Ruggeri

Latest posts by Dr.ssa Sara Ruggeri (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Sara Ruggeri
Dr.ssa Sara Ruggeri
Psicologa Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.