gruppi-auto-aiuto
Gruppi di auto aiuto
1 marzo 2011
Watzlawick, il padre della comunicazione
4 marzo 2011
Tutte le categorie

Il concetto di incompetenza emotiva

Tempo di lettura: 2 minuti

incomprensione-emotiva

L’intelligenza emotiva, è stata definita da Goleman, come un “aspetto dell’intelligenza”, legato alla capacità di provare emozioni, riconoscerle e viverle in modo consapevole. L’intelligenza emotiva permette inoltre comprendere il motivo per cui alcune persone che non hanno spiccate capacità logico-matematiche, riescono ad avere successo, mostrando forti potenzialità emotive e di trascinamento delle masse.

Sempre secondo Goleman, esistono 5 caratteristiche fondamentali dell’intelligenza emotiva:

  1. Consapevolezza di sé, la capacità di produrre risultati conoscendo le proprie emozioni;
  2. Dominio di sé, capacità di utilizzare i propri sentimenti per un fine;
  3. Motivazione, ciò che muove all’azione;
  4. Empatia, capacità di “sentire” gli altri entrando in contatto;
  5. Abilità sociale, capacità di stare con gli altri e comprendere le dinamiche che si instaurano;

Wikipedia

Oltre a queste un’altra abilità può essere aggiunta, ovvero quella che si riferisce alla capacità di valutare le conseguenze (reazioni) a livello emotivo delle proprie  azioni sugli altri.

Anticipare infatti la reazione che potrebbe generarsi nell’altro permette infatti di orientare le proprie azioni in maniera più efficace, tenendo conto della globalità delle situazioni.

Questa è una qualità che risulta essere necessaria per i professionisti che operano nell’ambito delle relazioni d’aiuto (psicologi, medici, infermieri), ma anche per il resto dei professionisti che offrono servizi di consulenza alla gente.

L’incompetenza emotiva

Non tenere conto di questa capacità, genera infatti ciò che si potrebbe definire come incompetenza emotiva (D. Algeri 2011), ovvero l’incapacità di valutare le conseguenze a livello emotivo delle proprie azioni.

Ci si sorprende tanto, se la gente rimane insoddisfatta dei servizi che vengono offerti. Questo avviene anche perché le persone spesso di fronte alla diagnosi, a un referto o a una restituzione del professionista, sperimentano un vissuto di incomprensione, “come se” si sentissero private o deprivate delle proprie caratteristiche soggettive connesse a quella situazione che è stata oggetto di valutazione. Seppure infatti tali diagnosi possano apparire “perfette”, rispettando i manuali diagnostici di riferimento, è come se non tenessero conto delle conseguenze emotive che andranno a creare nella persona e degli effetti che genereranno nell’ambiente sociale nel quale al persona è inserita, vive e con il quale interagisce.

La conseguenza di questo stato di incomprensione potrebbe inoltre condurre la persona, nella maggior parte dei casi, a sperimentare sentimenti di rabbia e astio nei confronti dei professionisti.

Un intervento di questo tipo, finirà quindi per dimostrarsi riduttivo, mancante di un aspetto professionale importante per possedere il “quadro completo” e per risultare efficace in termini benessere emotivo.

Un buon professionista, quindi, dovrà essere in grado anche di tener conto della reazione emotiva e delle dinamiche che susciterà nell’altro con il proprio “responso”, pena: la scarsa valutazione dello stesso.

Bibliografia

  • D. Goleman, Intelligenza emotiva, Milano, Rizzoli, 1997
Il concetto di incompetenza emotiva
Valuta questo articolo

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach at Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

Latest posts by Dott. Davide Algeri (see all)


_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dott. Davide Algeri
Dott. Davide Algeri
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.