Il peso delle braccia vuote: elaborare il lutto perinatale
29 marzo 2016
Raccontami tutta la verità, ma non ti credo! Quando il partner ci tradisce…che fare?
7 aprile 2016
Tutte le ctegorie

I siblings: vivere la disabilità da fratelli

Tempo di lettura: 2 minuti

siblingsLa disabilità è un concetto molto discusso, non universale e viene spesso confuso con i concetti di “handicap”, “invalidità” e “disabilità”.

Ad oggi viene considerata come buona la definizione di disabilità proposta dall’OMS nella “Classificazione delle menomazioni, disabilità ed handicap”: la disabilità è definita come l’incapacità di svolgere le normali attività di vita quotidiana a seguito della menomazione”.

Nell’analisi delle disabilità vengono considerati principalmente due categorie di fattori:

  1. organici (strutture corporee e funzioni corporee);
  2. contestuali (fattori ambientali e fattori personali).

Ogni fattore interagisce con gli altri e tutti hanno lo stesso grado di importanza.

Al di là della problematica terminologica, in un passato recente ogni volta che si parlava di disabilità si tende a poneva attenzione al soggetto disabile e spesso la terapia coinvolgeva solo l’individuo interessato. Tuttavia oggi è sempre più chiaro che la buona riuscita del trattamento del paziente disabile deve prevedere la presa in carico dell’intero sistema familiare; per questo molto spesso sono previsti colloqui di sostegno psicologico e informativo per i genitori. Vi possono però essere altri attori coinvolti nella disabilità che spesso rimangono inosservati, poco considerati: i fratelli e/o le sorelle.

“Avrei tanto voluto che quel giorno in ospedale qualcuno avesse spiegato anche a me qualcosa di mia sorella (…)”

I vissuti dei fratelli e delle sorelle dei disabili

Qualche giorno fa ho partecipato ad un webinar che aveva come argomento principale l’analisi delle emozioni dei fratelli/sorelle delle persone con disabilità: il termine SIBLINGS viene usato per definire proprio queste persone. Oltre alle sfide che il legame tra fratelli comporta, nel caso dei siblings questo legame presenta maggiori sfide che possono comportare opportunità così come anche dei rischi: il sibling costruisce la propria identità confrontandosi quotidianamente con la disabilità del fratello/sorella con conseguenze a livello personale, familiare e sociale. In questa prospettiva risulta chiaro il motivo per cui è importante sostenere i siblings così come succede con i genitori; infatti se ci sono siblings che riescono con le proprie risorse ad attuare strategie di resilienza, ve ne sono alcuni che per cui il percorso è più difficile: si tratta quasi sempre di un percorso preventivo il cui obiettivo è il supporto negli snodi della vita in cui la disabilità dela fratello/sorella riveste un ruolo significativo.

Lettura di approfondimento:  Metodo Tomatis: l'orecchio alla base del mio benessere

Intervenire a favore dei siblings

Per attuare questo sostegno molte organizzazioni (associazioni, cooperative, fondazioni etc.) organizzano dei gruppi di auto mutuo aiuto rivolti a fratelli e sorelle di persone con disabilità; obiettivo generale è quello di favorire il confronto e la condivisione delle proprie emozioni (rabbia, paura, vergogna, senso di colpa etc.) con persone che stanno affrontando la loro stessa situazione. Attraverso tale confronto ci si scambiano idee e informazioni rafforzando le proprie competenze a livello familiare, si facilita il dialogo con il personale medico in merito all’approccio terapeutico nonché si sviluppa un maggior riconoscimento del ruolo dei siblings nella vita delle persone con disabilità.

Sitografia

I siblings: vivere la disabilità da fratelli
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Alice Carella

Dr.ssa Alice Carella

Laureata in "Psicologia del Benessere nel corso di vita", iscritta all'Albo degli Psicologi del Lazio e specializzata in Psicodramma a orientamento dinamico presso l'IPOD di Roma.
Dr.ssa Alice Carella

_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *