Solitudine
Solitudine o isolamento? Siamo soli o isolati?
25 ottobre 2013
Svezzamento del bambino: il ruolo del cibo nella relazione madre-bambino
5 novembre 2013
Tutte le ctegorie

Gestire la classe in modo efficace con la testa e con il corpo

Tempo di lettura: 2 minuti

gestire la classeGestire la classe: un problema di molti insegnanti

Durante un colloquio tenutosi nello sportello di ascolto in una scuola primaria, un’insegnante di terza mi ha reso partecipe delle grandi difficoltà incontrate nel lavoro quotidiano: “Trovo difficile gestirli, solo per farli stare calmi e in silenzio ci vuole un’ora e alla fine sono così stanca che mi passa la voglia di mettermi a spiegare per tutta un’ora. Io non lo faccio mai vedere e ai bambini non dico mai che sono troppo stanca, ma sento che non riesco a tenerli tutti sotto controllo.”

Cosa significa “gestire la classe”?

Molto spesso si tende a fraintendere il concetto di “gestione” con quello di “disciplina“. Gestire la classe significa “creare, mantenere e ripristinare le condizioni che favoriscono l’apprendimento“; dunque qualcosa di più complesso del semplice mantenere il silenzio, l’ordine e la compostezza, i quali non sono necessariamente indice di una classe partecipe.

La gestione della classe è un concetto legato a delle forme di insegnamento e apprendimento più attive, partecipate e meno direttive: l’obiettivo è predisporre all’apprendimento e lavorare con il gruppo classe sfruttandone il potenziale.

Quali sono le condizioni che favoriscono l’apprendimento?

Alcuni degli elementi che gli studi ci forniscono fanno riferimento ad aspetti relazionali, motivazionali ed organizzativi:

  1. riconoscimento, rispetto e accettazione incondizionata di ogni singolo componente del gruppo classe: creare spazi per il colloquio e il confronto individuale (magari durante i momenti meno strutturati della giornata) così da coltivare il rapporto con ognuno di loro, soprattutto con chi fa più fatica ad emergere nel gruppo
  2. motivazione: creare aspettativa, proporre un contenuto in forma accattivante (utilizzando diversi canali comunicativi, materiali o strumenti), evidenziare il diretto legame fra teoria e pratica, definire con chiarezza per ogni attività proposta sia obiettivi che ricompense
  3. padronanza della comunicazione non verbale:
    • il sorriso e il contatto oculare sono fra i più forti indici di interesse che possiamo utilizzare verso gli altri e questo vale anche in classe; il messaggio che si comunica attraverso questi segnali così semplici è proprio “Sono interessato a te, sei importante per me, sei degno della mia considerazione e attenzione”
    • l’uso di un tono di voce non troppo alto, che obbligherà il gruppo classe ad abbassare di conseguenza il proprio per poter seguire quanto viene detto dall’insegnante; per attirare l’attenzione è preferibile utilizzare segnali acustici concordati (campanello, fischietto)
    • il camminare fra i banchi utilizzando la prossimità fisica con gli alunni in difficoltà, come segno di supporto, o con quelli che mostrano primi segnali di disinteresse o comportamenti disturbanti, come segnale di contenimento
  4. suddivisione chiara e strutturata della giornata in fasi di lavoro distinte per contenuto (quindi per materia), ma anche per natura (lavoro di gruppo, individuale, tempo della spiegazione, ecc)
  5. posizionamento dei banchi flessibile: è auspicabile riuscire ad organizzare la posizione degli alunni in base all’attività e alla natura del lavoro che si propone:
    • a ferro di cavallo per le lezioni frontali
    • a gruppi o in coppie per il lavoro cooperativo
    • individuale per la fase di riflessione e rielaborazione
Lettura di approfondimento:  Gestire il dolore passandoci in mezzo

Quelli elencati sono fra gli accorgimenti ritenuti più utili per una gestione realmente efficace del gruppo classe, ovvero per la creazione di un ambiente formativo stimolante, fatto di studenti attivi e partecipi e di un insegnante meno demotivato e più soddisfatto.

Approfondimenti

Gestire la classe in modo efficace con la testa e con il corpo
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Sara Ruggeri

Dr.ssa Sara Ruggeri

Psicologa
Specialista in Disturbi Specifici di Apprendimento
Si occupa di bambini e ragazzi con DSA, difficoltà scolastiche, Disturbi dello Spettro Autistico, Disturbo da deficit di Attenzione e Iperattività e difficoltà emotive e relazionali.
Dr.ssa Sara Ruggeri

Articoli recenti di Dr.ssa Sara Ruggeri (guarda tutto)


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *