La tecnica della sedia vuota nello psicodramma: come funziona
28 novembre 2014
6 strategie intelligenti per insegnare la disciplina al bambino
5 dicembre 2014
Tutte le categorie

Dipendenza dalla tecnologia: come si manifesta e rimedi per uscirne

Tempo di lettura: 3 minuti

dipendenza dalla tecnologiaL’aumento della dipendenza dalla tecnologia

Le ricerche cliniche rilevano che oltre alle vecchie dipendenze patologiche, oggi ne esistono delle nuove come lo shopping compulsivo, la dipendenza tecnologica, il gioco d’azzardo.

Queste nuove dipendenze non sono facilmente riconoscibili perché sono associate ad attività che solitamente a livello sociale sono considerate accettabili come navigare in internet.

La dipendenza dalle tecnologie è caratterizzata dall’utilizzo assiduo del cellulare, di Facebook, di internet, del computer e dal  guardare la televisione. Attualmente ancora pochi genitori chiedono aiuto se il proprio figlio passa giornate intere su internet, a scuola fatica a concentrarsi, a stare attento, diminuendo la qualità della prestazione scolastica, andando poi a letto molto tardi la sera.

La dipendenza patologica passa attraverso due fasi, in una prima fase c’è un aumento dell’attività con i prodotti tecnologici e una seconda fase in cui c’è una compromissione della vita sociale (Couyoumdjan, Baiocco, Del Miglio, 2006).

Questo significa che c’è una fase iniziale in cui l’aiuto psicologico potrebbe essere più efficace.

Le persone con dipendenza tecnologica spesso tendono a costruire relazioni amicali o amorose con persone incontrate on-line e si rivolgono ad uno specialista perché hanno instaurato delle relazioni di dipendenza affettiva sulla rete. Questi rapporti vanno a minare e a compromettere la vita lavorativa, sociale, famigliare della persona.

In generale può essere utile svolgere nelle scuole interventi informativi ed educativi sulla Media Education, svolti da professionisti psicologi e informatici, sui punti di forza e di debolezza dell’utilizzo della tecnologia e sulle misure preventive adottare per diminuire i rischi della dipendenza.

Come intervenire sulla dipendenza dalla tecnologia

Nel caso dei genitori con un figlio alle prese con la tecnologia, sarebbe indicato:

  1. mettere il computer in una sala centrale, in modo da poterne controllare l’utilizzo, o chiedere al ragazzo di utilizzarlo in presenza dei genitori;
  2. dare dei limiti d’orari in cui poter dedicarsi al computer, in genere un tempo di 30/40 minuti al giorno può essere accettabile, proprio per evitare che si arrivi ad un graduale aumento che finisca per compromettere la vita sociale;
  3. se il bambino si mostra triste o vulnerabile emotivamente è bene dargli attenzione, dedicargli degli spazi di ascolto in modo accogliente così che possa sentirsi libero di comunicare il proprio disagio;
  4. chiedere aiuto ad uno psicologo/psicoterapeuta, quando la dipendenza tecnologica porta ad una compromissione a livello sociale, scolastico o lavorativo.

Sdoppiamento di personalità e l’EMDR

In particolare, tra i giovani si evidenzia una dipendenza dal computer, una tendenza al coinvolgimento in giochi virtuali interattivi in cui il soggetto si costruisce una identità fittizia partecipandovi. In alcuni casi si può verificare uno sdoppiamento di personalità, con gravi conseguenze a livello psicopatologico, come nel caso degli Hikikomori. La persona può fare fatica a separare la personalità reale da quella virtuale. In particolare queste persone hanno alle spalle relazioni affettive traumatiche, soprattutto nei primi anni di vita. Dal lavoro clinico è emerso che spesso la dipendenza dalle tecnologie si sviluppa in seguito ad un evento critico come la perdita del lavoro o problematiche familiari. In tutti questi casi può essere utile un approccio con EMDR, attraverso questa tecnica si possono andare ad elaborare i traumi del passato che si sono riattivati con eventi scatenanti nella realtà quotidiana.

Approfondimenti

Dipendenza dalla tecnologia: come si manifesta e rimedi per uscirne
Valuta questo articolo
Dr.ssa Laura Tavani

Dr.ssa Laura Tavani

Psicologa, Psicoterapeuta
Esperta in EMDR e Mindfulness
Svolge la libera professione occupandosi di terapia individuale, di coppia e famigliare, consulenza genitoriale e terapia breve per traumi.
Dr.ssa Laura Tavani

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Laura Tavani
Dr.ssa Laura Tavani
Psicologa, Psicoterapeuta Esperta in EMDR e Mindfulness Svolge la libera professione occupandosi di terapia individuale, di coppia e famigliare, consulenza genitoriale e terapia breve per traumi.