Uno strumento per educare i bambini alle emozioni
23 luglio 2012
Emetofobia: quando la paura di vomitare diventa un problema?
31 luglio 2012
Tutte le categorie

Siete curiosi in terapia?

Tempo di lettura: 3 minuti

lente

Inno alla curiosità: la curiosità come risorsa clinica

La nostra cultura è pervasa da spiegazioni causali degli avvenimenti che ci circondano, la maggior parte delle persone utilizza una curiosità di tipo lineare che, attraverso un reticolo di connessioni causali, ci conduce alla descrizione di come si è originato un determinato evento. Secondo l’ottica lineare la spiegazione può essere solo una, giusta e dimostrabile.

Il pensiero sistemico invece, e in particolare Cecchin, uno dei principali esponenti, invita a continue interrogazioni alla ricerca di spiegazioni polifoniche, ipotetiche e intuitive.

Perchè è utile essere curiosi?

La curiosità allontana dall’etichettamento e dal pregiudizio, esalta la complessità e la molteplicità di prospettive, restituendo valore alla relazione e introducendo un pensiero olistico. Credo quindi che la curiosità sia un elemento essenziale che guida le terapia e ne diventa catalizzatore.

Senza curiosità una terapia non avrebbe slancio  e un terapeuta non sarebbe motivato ad approfondire la comprensione dell’altro.

La terapia è un teatro di possibilità simultanee, la curiosità permette di illuminare alcune tematiche relegandone altre in secondo piano, ci consente di avere un’attenzione selettiva rispetto al materiale portato in seduta e di modificare le ipotesi.

La curiosità consente di creare un contesto di produzione di nuove rappresentazioni e di alimentare scambi di contenuti importanti. Mentre il cliente esplora la sua storia, il terapeuta grazie alla curiosità può descrivere il sistema attraverso infinite storie, formulare verificare e scartare ipotesi. Può individuare quali stili relazionali vengono attuati e gli schemi disfunzionali reiterati.

La curiosità permette di “rendere familiare l’estraneo ed estraneo il familiare” (Buecheler S. 2012)

La curiosità aiuta a condurre indagini alla ricerca dei tasselli mancanti nelle storie raccontate, notare quanto non è stato registrato in precedenza ed espandere il conoscibile.

Attraverso il suo modo di fare terapia è il terapeuta stesso che può innescare nel cliente un nuovo approccio attraverso cui leggere gli eventi della vita.

Per poter suscitare la curiosità nella persona che sta seguendo è fondamentale che sia il terapeuta ad essere il primo ad avere una forma mentis che simpatizza le ipotizzazioni e che ama le domande. Questa credo che sia l’essenza per poter creare e conservare un’apertura genuina verso l’inedito e l’ignoto.

Il terapeuta non è un educatore, è piuttosto un perturbatore di sistema, che ne cambia la configurazione, e propone nuove lenti con cui guardare quanto già scritto e aiuta ad individuare nuovi alfabeti con cui scrivere il futuro.

Fare terapia è empatia, relazione, sostegno, ma è anche amare ciò che è incerto, complesso, non spiegabile, ma solo ipotizzabile più di quanto amiamo ciò che è certo, semplice, spiegabile attraverso un manuale di psicologia, già deciso e non più immaginabile.

Quando il terapeuta inizia a sperimentare la noia e diventa incapace di generare nuove ipotesi, allora è opportuno che si interroghi sul suo senso di curiosità. Senza curiosità  non c’è esplorazione, investigazione e apprendimento e un terapeuta potrebbe diventare inutile.

Che ruolo gioca la curiosità all’interno del tuo approccio?

Bibliografia

  1. Bateson G., Verso un’ecologia della mente, Adelphi, Milano, 1976 (ediz. orig. 1972).
  2. Bertrando P., Toffanetti D., Storia della Terapia Familiare, Raffaello Cortina, Milano,2000
  3. Selvini Palazzoli M., Boscolo L., Cecchin G., Prata G., Paradosso e controparadosso, Cortina, Milano, 2003 (ediz. orig. 1975).
  4. Selvini Palazzoli M., Boscolo L., Cecchin G. e Prata G., “Ipotizzazione – Circolarità – Neutralità: Tre Direttive per la Conduzione della Seduta”, Terapia Familiare, vol. 7, 1980, pp. 7-19.
  5. Buecheler S., Valori Clinici. Le emozioni nel trattamento psicoterapeutico, Raffaello Cortina, Milano, 2012
  6. Cecchin G., Lane G., Wendel A. Ray (1997), Verità e pregiudizi. Un approccio sistemico alla psicoterapia, Raffaello Cortina Editore, Milano.
Siete curiosi in terapia?
Valuta questo articolo
Dr.ssa Monica Salvadore

Dr.ssa Monica Salvadore

Psicologa del lavoro e Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale
Specialista in Risorse umane
Collabora con enti di formazione e società di consulenza aziendale, occupandosi di formazione, orientamento professionale e outplacement.
Dr.ssa Monica Salvadore

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Monica Salvadore
Dr.ssa Monica Salvadore
Psicologa del lavoro e Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale Specialista in Risorse umane Collabora con enti di formazione e società di consulenza aziendale, occupandosi di formazione, orientamento professionale e outplacement.