Instaurare buone relazioni con l’Intelligenza Interpersonale
27 gennaio 2014
disegno del bambino
Disegno del bambino: cosa valutare e come interpretarlo
31 gennaio 2014
Tutte le ctegorie

Cosa vuol dire essere alessitimici?

Tempo di lettura: 2 minuti

esprimere-emozioniL’alessitimia è l’incapacità di mentalizzare, percepire, riconoscere e descrivere verbalmente gli stati emotivi (propri o degli altri).

E’ come una sorta di analfabetismo emozionale, cioè lincapacità di tradurre le proprie emozioni in parole.

L’incapacità di descrivere i propri sentimenti e di interpretare quelli degli altri è legata a tutta una serie di caratteristiche che si potrebbero ricondurre a una incapacità generale di introspezione.

Nello specifico chi è alessitimico presenta:

  • Incapacità di discriminare un’emozione dall’altra
  • Incapacità di usare il linguaggio metaforico, con tendenza a sostituire il parlare con l’azione fisica diretta
  • Scarsa capacità a provare emozioni positive (gioia, felicità, amore…)
  • Ridotta espressività facciale
  • Ridotta o inesistente capacità onirica e immaginativa
  • Pensiero egoistico e infantile
  • Pensiero orientato quasi solo all’esterno, e raramente verso i propri processi endopsichici
  • Tendenza ad attribuire gli eventi della sua vita a cause esterne
  • In amore tendenza a stabilire relazioni di forte dipendenza o, in mancanza di queste, scelta ostinata della solitudine
  • Incapace di capire, l’alessitimico vive l’emozione solo per via somatica: percepisce solo gli effetti fisici (batticuore, nodo alla gola, mal di pancia) senza saperne interpretare il significato (amore, ansia, paura…)
  • Molti disturbi collegati all’alessitimia, come l’impotenza (o l’eiaculazione precoce), la tendenza all’abuso di sostanze, l’ansia, l’ipertensione e la dispepsia (difficoltà di digestione)

Quali possono essere la cause?

Cuore spezzatoSu quali possano essere le cause non esiste ancora una teoria concorde e univoca, e sembrerebbe che di notevole importanza sia il tipo di accudimento materno nei confronti del bambino nel far acquisire a quest’ultimo la capacità di riconoscere ed esprimere le emozioni e di modularsi con quelle materne.

Nelle famiglie dei soggetti alessitimici si riscontra un forte coinvolgimento emotivo unito ad una mancanza di regole di controllo del comportamento con una scarsa capacità di risoluzione dei problemi.

L’alessitimia inoltre, può insorgere anche in un periodo della vita successivo all’infanzia, spesso in conseguenza di un trauma subito, anche in età adulta. Qui l’emozione viene solitamente vissuta come una potente minaccia di un ritorno dell’episodio traumatico stesso. In questi soggetti si nota spesso una incapacità di autoaccudirsi, di parlare con sé stessi al fine di consolarsi e di comprendere realmente cosa “accada dentro sé”.

Rieducare con la psicoterapia

Le persone alessitimiche hanno difficoltà a comunicare verbalmente agli altri il proprio disagio emotivo e non riescono ad usare le altre persone come fonti di conforto, di tranquillità, di feedback, di aiuto nella regolazione dello stress. La scarsità della vita immaginativa, inoltre, limita la loro possibilità di modulare l’ansia e le altre emozioni negative, attraverso i ricordi, le fantasie, i sogni ad occhi aperti, il gioco, ecc.

A questo scopo si potrebbero combinare alcuni interventi psicoterapeutici per una rieducazione emotiva con tecniche comportamentali, quali il training di rilassamento, il training autogeno e il biofeedback, tecniche che si concentrano direttamente sulle sensazioni corporee e aumentano allo stesso tempo la consapevolezza da parte del paziente della relazione di queste sensazioni con gli eventi ambientali.

Lettura di approfondimento:  Genogramma: come interpretarlo e possibili utilizzi in psicoterapia

L’approccio terapeutico che va utilizzato per i pazienti alessitimici si propone di elevare le emozioni da un livello di esperienza strettamente legata alla percezione corporea a un livello di rappresentazione concettuale in cui le emozioni possono essere oggetto di riflessione.

Approfondimenti

  • Caretti V., La Barbera D. (2005). Alessitimia, valutazione e trattamento, Astrolabio Ubaldini.
Cosa vuol dire essere alessitimici?
1 (20%) 1 vote

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 100% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *