sonnambulismo
Come limitare l’insorgere del sonnambulismo nei bambini
24 maggio 2013
Arteterapia: sai disegnare un punto e una linea?
30 maggio 2013
Tutte le ctegorie

Quanta preoccupazione! Consigli in pillole per rilassarsi

Tempo di lettura: 2 minuti

Non mi preoccupo di niente

perché preoccuparsi è una perdita di tempo. 
(Guns N’ Roses)

 

preoccupazioneLa preoccupazione altro non è che la previsione di un possibile rischio. Sembra essere anche funzionale, perché ci consente di  produrre scenari possibili. C’è poi anche chi dice che fa bene, come lo psicologo Graham Davey, dell’Università del Sussex, in quanto chi è preoccupato può trovare  un modo costruttivo di reagire a situazione problematiche poiché le prestazioni migliorano e ridurre così l’ansia.

Preoccuparci può essere utile anche a spingerci verso l’azione, ad esempio i fumatori possono convincersi ad abbandonare la sigaretta in misura maggiore se si preoccupano dei relativi rischi.

Ma è anche vero che la preoccupazione cronica causa un’eccessiva stimolazione delle arre cerebrali che elaborano emozioni e paura e questo eccesso di vigilanza può condurre a problemi cardiovascolari.

Anche se è difficile  tracciare con precisione un confine tra sana preoccupazione e apprensione malsana, lo psicologo Michel Dugas ama rappresentare la preoccupazione come una curva a campana, nella quale i livelli moderati sono associati a un migliore funzionamento, mentre quelli eccessivi sono legati ad un peggioramento delle prestazioni.

Capire i modi in cui l’eccesso di preoccupazione (aspetto legato all’elaborazione cognitiva) si collega all’ansia (elemento emotivo) e come influenza le nostre funzioni mentali e fisiche può aiutarci ad affrontare meglio le difficoltà.

Cinque consigli per rilassarsi

1 Riconsiderate le vostre preoccupazioni

Che cosa succederebbe se quel che vi preoccupa dovesse avverarsi? Che cosa era successo quando le vostre preoccupazioni sono accadute? Chiedetevi che cosa avete imparato dai fallimenti e dagli incidenti della vita. Scrivete quali sono le situazione inizialmente fallimentari per cui ora provate gratitudine.

2 Le preoccupazioni del passato

Provate ad elencare su un foglio le preoccupazione del passato. Difficili da ricordare? E’ possibile che non si sono mai avverate o che siete riusciti a trovare efficaci strategie per fronteggiarle.

3 Distinguere le preoccupazione produttive da quelle improduttive

Chiedetevi se da quando vi siete preoccupati avete trovato soluzioni pratiche ai vostri dilemmi. Se non le avete trovate, usate una delle tecniche successive.

4 Fissate un appuntamento con le vostra ansie

Prendete nota durante la settimana di quali sono le preoccupazione che vi assillano. A fine settimana, dedicate parte del vostro tempo a riflettere su di esse. Per esempio il venerdì alle 17,00 alle 18,00. Quando arriveranno le 18,00 magari scoprirete che queste preoccupazioni non vi soffocano più.

5 Imparate ad accettare l’incertezza

I preoccupati cronici non riescono ad accettare di non poter avere la vita sotto controllo e quindi sono continuamente in apprensione, camminando continuamente sulle uova. Fino a quando, non impareremo a stare nell’imprevedibilità della vita e nella condizione di accettazione degli eventi, saremo preoccupati e spaventati dal futuro.

Inevitabile ricordare che finché la preoccupazione è gestibile, siamo in una situazione in cui è possibile trarne un vantaggio, perché magari siamo più attenti ai dettagli  o facciamo di più e meglio. Se invece, continueremo ad affacciarci su scenari apocalittici, ostacoleremo la nostra capacità di leggere la realtà e pensare al futuro, e continueremo così a vivere esperienze stressanti.

Approfondimenti

  1. Introduction to applied psychology, Graham Davey
  2. Anxiety Free: Unravel Your Fears Before They Unravel You, Robert Leahy

Quanta preoccupazione! Consigli in pillole per rilassarsi
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Monica Salvadore

Dr.ssa Monica Salvadore

Psicologa del lavoro e Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale
Specialista in Risorse umane
Collabora con enti di formazione e società di consulenza aziendale, occupandosi di formazione, orientamento professionale e outplacement.
Dr.ssa Monica Salvadore

_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Lettura di approfondimento:  Shopping compulsivo: strategie per affrontarlo
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *