caso clinico
Quando l’aiuto diventa necessario (settimo incontro)
30 agosto 2010
Alzheimer: vissuti psicologici e aspetti psicodinamici (II PARTE)
3 settembre 2010
Tutte le ctegorie

Come funziona la nostra mente?

Tempo di lettura: 2 minuti

sviluppo-mente-parte-ii

Sulla scia di una traccia di senso determinata dal clima affettivo delle figure genitoriali il piccolo dell’uomo arriva al mondo dotato degli istinti e della sua intelligenza emotiva. Nei primissimi mesi di vita è l’intelligenza emotiva che provvede a guidare gli istinti in direzione del suo sano benessere e la sua sopravvivenza. Intanto contemporaneamente, in maniera costante e progressiva, inizia l’apprendimento che si concretizza nella promozione di bozze di nuclei cognitivi affettivamente significativi. Per esigenza di circostanza bypassiamo tutta la fase di apprendimento precedente all’acquisizione del linguaggio parlato comunque egregiamente spiegata dalla teoria dell’attaccamento di Bowlby.

Posiamo quindi l’attenzione sul come procede l’adulto nella sua opera educativa. L’adulto -generalmente il genitore- procede passando al bambino, in piccolissime dosi quotidiane, il suo arsenale personale costituito dal suo bagaglio cognitivo, emotivo e comportamentale ovvero: le sue convinzioni, credenze, idee, i suoi valori anche i disvalori ovviamente in maniera spontanea e spesso senza rendersene conto. In pratica l’educatore impartisce ininterrottamente mini-lezioni al piccolo su ciò che deve fare oppure non deve fare affiancando al messaggio verbale l’atteggiamento emotivo che ha la funzione di incoraggiare/scoraggiare le risposte del bambino; quindi l’indottrinamento educativo è coadiuvato dall’atteggiamento emotivo dell’adulto che funge da rinforzo positivo o negativo a seconda degli intenti dell’educatore. Un no accompagnato da un sorriso è diverso da un no proferito con tono autorevole e fronte crucciata.

Sintetizzando, possiamo assimilare il processo di educazione e formazione della psiche dell’individuo a quello della stesura di un codice, es. il codice penale; come  in questi infatti c’è una filosofia ispiratrice, ci sono le leggi Devi/non Devi, ci sono le regole e le penalità  Chiameremo pertanto il formando sistema mentale: codice personale. L’uomo viene scolpito, psicologicamente parlando, nel suo codice personale, a suon di: Devo/non Devo che all’occorrenza si traduce in tu devi/non devi; gli altri devono/non devono. L’educazione della persona che affonda le sue radici su principi doveristici è destinata a produrre disagi , nuclei nevrotici e nevrosi. Facciamo qualche esempio di nuclei doveristici: “ti ho detto che DEVI salutare i nonni quando vengono!”, DEVI andare a scuola!”, “non DEVI dire bugie!”, non mi DEVI tradire!”, “non DOVEVI fare ciò che hai fatto!” ecc. ecc. Nel prossimo articolo vedremo come e perché i principi doveristici sono alla base dei comportamenti nevrotici ovvero problemi di ansia, problemi di colpa, problemi di depressione e problemi di rabbia.

Scritto da Elisabetta Vellone

Come funziona la nostra mente?
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dott. Davide Algeri

Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach presso Psicologia Pratica: La psicologia del cambiamento concreto
Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente sessuale e Coach
Aiuto le persone a trovare semplici soluzioni pratiche a problemi complessi.

_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 100% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *