Fobia scolare o capricci? Come capirlo e come intervenire
17 ottobre 2014
ascolto-attivo
Sai ascoltare in modo attivo?
31 ottobre 2014
Tutte le categorie

Come comunicare in modo efficace

comunicare-in-modo-efficace
“Comunicare l’un l’altro, scambiarsi informazioni è natura; 
tenere conto delle informazioni che ci vengono date è cultura”

Johann Wolfgang Goethe

comunicare-in-modo-efficaceCome comunicare in modo efficace?

Lo scopo di questo articolo è quello di fornire strategie su come comunicare in modo efficace senza giudicare l’altro. A tal proposito un pioniere è stato lo psicologo Rogers secondo cui la comunicazione efficace è caratterizzata da alcuni elementi tra cui fiducia, accettazione dell’altro ed empatia.

Tenendo presente che la comunicazione non è solo il semplice passaggio di informazioni da una persona all’altra, l’empatia riveste un ruolo fondamentale. In questo senso la comunicazione efficace può essere definita come lo scambio di idee cha avviene in un clima di reciprocità: affinché questo sia possibile è necessario tenere presenti i fattori che rendono una comunicazione efficace:

  • Consapevolezza della propria identità in relazione all’interlocutore
  • Correttezza e completezza del contenuto
  • Congruenza tra gli aspetti verbali e quelli analogici
  • Corretto uso del canale utilizzato
  • Uso appropriato del contesto
  • Pertinenza dell’obiettivo
  • Efficacia dello stile adottato

Partendo dai fattori che influenzano la comunicazione, è possibile individuare alcune strategie per una comunicazione efficace che possono essere distinte in “regole di cooperazione” e “regole di cortesia”.

Regole di cooperazione

  1. quantità – sii esauriente, dando informazioni sufficienti affinché i partecipanti capiscano;
  2. qualità – sii veritiero e rendi credibile quanto affermi;
  3. relazione – sii pertinente e rimani nel tema che si sta trattando;
  4. modo – sii perspicuo e usa un linguaggio semplice, conciso e chiaro.

Regole di cortesia

  • non ti imporre – Non porti in una posizione di superiorità, di onnipotenza, di portatore di verità e certezze;
  • offri alternative – Lascia la possibilità di scegliere;
  • metti a suo agio l’interlocutore – Non creare disagio, tensione, imbarazzo
  • rispetta le differenze di genere, di età, di ceto, di estrazione, di razza – Usa un linguaggio appropriato alle persone
  • Evita le squalifiche

Imparare ad ascoltare per comunicare in modo efficace

Oltre alla comunicazione in senso espressivo, c’è un altro aspetto che concorre a definire l’efficacia di una comunicazione e che riguarda il destinatario del messaggio; tale elemento è l’ascolto che deve essere attivo. L’ascolto è dato dalla capacità di comprendere una prospettiva diversa dalla propria, di considerare le caratteristiche dell’altro e i suoi attributi di ruolo, di tenerne presente la prospettiva durante l’interazione. L’ascolto attivo ci invita a mettere da parte i bisogni personali, a governare impulsi e temperamenti. Ascoltare attivamente significa, anche evitare di fare troppe interruzioni, aggiunte, commenti, distrazioni, domande non pertinenti, giudizi o squalifiche

L’ascolto non è un qualcosa che è dovuto, ma ce lo dobbiamo un po’ “guadagnare”; per questo è importante sapersi fare ascoltare: è opportuno avere qualcosa da dire che possa interessare l’ascoltatore, governare alcuni elementi del contesto, stimolare la ricettività del destinatario del messaggio, ottenere il consenso informato ed esprimersi in modo gradevole.

Prima ancora è importante saper catturare l’attenzione dell’altro e anche saperla mantenere viva: per fare ciò chi parla può ricorrere ad alcune mosse preliminari, inviando messaggi anticipatori, come ad esempio

  1. precedere il messaggio primario, commentarlo o inquadrarlo in una cornice interpretativa: “Sto per dirti una cosa importante e vorrei essere ascoltato”;
  2. negoziare il tipo di ascolto per chiarire disponibilità, aspettative e ruoli reciproci: “Ti va di ascoltarmi senza …”.

Riassumere per verificare

Infine, è importante utilizzare delle strategie per verificare se l’altro ha compreso:

  • riformulazione: dire con parole proprie quanto ascoltato
  • ridefinizione: riformulazione che consente di attenuare la forza negativa o esagerata di un termine o di un concetto (problema/questione; meraviglioso/interessante)
  • sintesi: riformulazione che coglie l’essenziale di quanto ascoltato ed elimina ciò che è marginale (il succo della storia è…)
  • estensione: ampliare o generalizzare quanto ascoltato, riferendolo a un altro contesto (quello che tu dici vale anche… altro luogo, altro tempo, altre persone)

7 regole per un ascolto attivo

Per riassumere, vi propongo 7 regole per attuare un ascolto attivo:

  1. Non avere fretta di arrivare a conclusioni
  2. Riconoscere il proprio punto di vista
  3. Per comprendere quello che un altro sta dicendo chiedergli di aiutarti a comprendere la sua prospettiva.
  4. Utilizzare le emozioni proprie e altrui
  5. Adottare un atteggiamento esplorativo, flessibile, cogliere  segnali che  appaiono trascurabili i  e irritanti, incongruenti con le proprie certezze
  6. Accogliere i paradossi del pensiero e della comunicazione, affrontare i dissensi come occasioni per esercitarsi nella gestione creativa dei conflitti
  7. Adottare un approccio leggero e divertente

Approfondimenti

Come comunicare in modo efficace
Valuta questo articolo
Dr.ssa Alice Carella

Dr.ssa Alice Carella

Laureata in "Psicologia del Benessere nel corso di vita", iscritta all'Albo degli Psicologi del Lazio e specializzata in Psicodramma a orientamento dinamico presso l'IPOD di Roma.
Dr.ssa Alice Carella

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Alice Carella
Dr.ssa Alice Carella
Laureata in "Psicologia del Benessere nel corso di vita", iscritta all'Albo degli Psicologi del Lazio e specializzata in Psicodramma a orientamento dinamico presso l'IPOD di Roma.