comunicare-in-modo-efficace
Come comunicare in modo efficace
28 ottobre 2014
Come ridurre l’autostima (Psicologia Paradossale)
3 novembre 2014
Tutte le categorie

Sai ascoltare in modo attivo?

ascolto-attivo
Tempo di lettura: 2 minuti
Chi sa ascoltare la verità
non è da meno di colui che la sa esprimere.

Kahlil Gibran, Sabbia e spuma, 1926

ascoltare-in-modo-attivoSenti che le parole, sono sempre troppe, sparate a raffica, spesso vuote ed ingombranti, diventano veloci, incalzanti e ti sovrastano?

Le parole degli altri ti stanno soffocando il pensiero e l’ascolto? Senti tante, troppe parole in ufficio, al telefono, sul bus dal tuo/a compagno/a di vita?

E tu quanto parli? Con tuo figlio come te la cavi? Ora che ci rifletti su ti rendi conto che troppo spesso nella tua vita non c’è spazio per il silenzio, per l’ascolto?

Beh, se rispondi affermativamente, almeno in parte alle domande poste, non preoccuparti, queste poche righe vogliono essere un inizio di uno spazio e un tempo di riflessione per guidarti ad ascoltare in modo attivo.

Tipologie di ascolto attivo

E’ proprio la dimensione dell’ascolto, amica sconosciuta, la responsabile di tanta solitudine emotiva, di tanti deserti psichici, di tanta sofferenza. Quando abbiamo un dubbio, un problema o un disagio, non desideriamo che il nostro interlocutore ci sommerga con proposte, suggerimenti o soluzioni: vogliamo semplicemente che ci ascolti, magari con pazienza, attenzione e accettazione.

Ben sappiamo che l’ascolto è spesso superficiale, annoiato, stanco oppure affannato e sbrigativo. Quante volte abbiamo fatto finta di essere attenti, disperdendo in tal modo energie inutilmente? Quante volte ci siamo fissati su alcune parti del discorso, perdendone altre, distorcendole o ampliandole a dismisura? Quante volte abbiamo deciso che un certo discorso non ci interessa, magari  perché è una tal persona a portarlo avanti?

Ogni tipo di ascolto genera nell’altro un’emozione diversa e le emozioni generano comportamenti, creando escalation deleterie, difficili da interrompere.

E’ impossibile avviare una comunicazione efficace senza prima imparare ad ascoltare in modo attivo.

Come ascoltare in modo attivo?

Il primo passo è tacere. E’ anche definito ascolto passivo e consiste nel controllare il proprio impulso ad intervenire, rinunciando a dire la parola che l’altro sta faticosamente rincorrendo, rispettando i suoi tempi, riconoscendogli tutto lo spazio di cui ha bisogno in quel momento. Spesso non ci sappiamo frenare e finiamo con il provocare spesso ansia e frustrazione e voglia di battibeccare.

Consapevoli degli effetti del nostro modo di ascoltare, possiamo accompagnare il nostro interlocutore con messaggi di accoglimento, verbali e non. Ad esempio, posso fare un sorriso, uno sguardo intenso, un’apertura delle mie mani o delle mie braccia. Se l’altro è ancora esitante, allora posso invitarlo in maniera calorosa a condividere, ma senza invadenza, prevaricazione. E’ importante che io stesso sia attento alla sua comunicazione non verbale e sappia leggere i segnali che mi manda. Se l’altro accetta il mio invito, allora si può giungere all’ascolto attivo vero e proprio.

Una comunicazione efficace è sempre a due vie, e si realizza grazie ad un ascolto di tipo attivo, caldo ed empatico, che riesce a mobilitare le risorse di entrambe le parti, realizzando un’interazione costruttiva e significativa.

Approfondimenti

Sai ascoltare in modo attivo?
Valuta questo articolo
Dr.ssa Monica Salvadore

Dr.ssa Monica Salvadore

Psicologa del lavoro e Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale
Specialista in Risorse umane
Collabora con enti di formazione e società di consulenza aziendale, occupandosi di formazione, orientamento professionale e outplacement.
Dr.ssa Monica Salvadore

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta

Dr.ssa Monica Salvadore
Dr.ssa Monica Salvadore
Psicologa del lavoro e Psicoterapeuta Sistemico-Relazionale Specialista in Risorse umane Collabora con enti di formazione e società di consulenza aziendale, occupandosi di formazione, orientamento professionale e outplacement.