Famiglie ricostituite: vademecum per creare una buona fiducia
16 ottobre 2015
6 nuovi disagi causati dalla tecnologia
23 ottobre 2015
Tutte le ctegorie

Arto fantasma, terapia psicologica e neurologica

Tempo di lettura: 2 minuti

arto-fantasmaCon il termine “arto fantasma” si fa riferimento alla sensazione anomala di presenza di un arto seguito della sua amputazione.

La sindrome dell’arto fantasma è un fenomeno comune e può manifestarsi in svariati modi diversi:le sensazioni possono essere di natura tattile, motoria e dolorifica; in quest’ultimo caso, il dolore dolore all’arto fantasma è difficile da combattere e può risultare invalidante  dal punto di vista psicologico.

Negli anni ’90 Il neurologo indiano Ramachandran mise a punto un metodo sperimentale per curare i paziente con sindrome dell’arto fantasma: costruì una scatola semplice dotata di uno specchio che separa in due metà la scatola stessa e due fori su un lato che permettono di inserire all’interno l’arto. Costruita in questo modo, la scatola da al soggetto l’impressione di vedere l’arto fantasma nell’immagine riflessa dell’arto sano.

Secondo il neurologo i pazienti avevano la sensazione di stare compiendo movimenti con l’arto amputato: in altre parole avevano la sensazione cosciente che il braccio perduto obbedisse ai propri comandi volontari. Dagli esperimenti compiuti emerse che tre settimane di esercizio quotidiano con lo specchio portarono alla completa scomparsa del braccio fantasma, che si è accompagnata all’estinzione del dolore al all’arto mancante. In conclusione, l’illusione visiva sembra aver corretto quella tattile ed essere riuscita ad abolire la percezione del dolore.

In questo video (in inglese) un esempio di come funziona il mirar box (Ramachandran)

Come può essere utile il mirar box in psicoterapia?

La sindrome dell’arto fantasma non ha una valenza solo in neurologia per lo studio dei centri corticali dedicati al dolore, ma anche in psicologia in quanto sono presenti alcuni elementi che vanno ad inficiare sulla vita quotidiana della persona e sul suo benessere psicologico.

  1. Dolore: esso può essere talmente intenso da essere debilitante e portare a una diminiuzione della disposizione della persona verso la vita sociale, le attività lavorative e i momenti di svago;
  2. Ansia: il livello di ansia varia a seconda del grado di compromissione dello stato psichico generale per effetto della patologia, dell’intervento di amputazione e dell’esperienza della perdita di una parte di sé e della sua funzione. Studi psicologici hanno cercato di capire le ragioni della presenza di stati ansiosi acuti in chiave psicodinamica secondo cui l’elaborazione del lutto per l’oggetto perduto sarebbe ostacolata dal suo ritorno in forma di “fantasma” e resa conflittuale dal dolore;
  3. Correlazione con altri disturbi: presenza di altri sintomi fisici e psichici.
Lettura di approfondimento:  Genogramma: come interpretarlo e possibili utilizzi in psicoterapia

L’utilizzo del Mirror box all’interno di un setting psicoterapeutico non necessariamente interessa ogni approccio e ad oggi, risulta essere comunque poco sperimentato. Considerando il metodo Psicodrammatico, il mirror box può rappresentare un oggetto di aiuto a favorire una ristrutturazione, ossia una nuova visione della situazione. Conseguentemente a ciò l’individuo sarebbe stimolato a provare nuove emozioni e sensazioni derivanti dall’illusione di tornare ad avere l’arto mancante. Inoltre, potrebbe essere funzionale invitare il paziente a verbalizzare parlando con il “nuovo arto”.

Sitografia:

http://www.brainmindlife.org/lartofantasmaincorso.pdf

Arto fantasma, terapia psicologica e neurologica
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Alice Carella

Dr.ssa Alice Carella

Laureata in "Psicologia del Benessere nel corso di vita", iscritta all'Albo degli Psicologi del Lazio e specializzata in Psicodramma a orientamento dinamico presso l'IPOD di Roma.
Dr.ssa Alice Carella

_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *