Siamo malati di lavoro?
9 maggio 2012
Come l’autoefficacia influenza le nostre scelte
18 maggio 2012
Tutte le ctegorie

Il gioco e l’importante ruolo che ricopre per lo sviluppo

Tempo di lettura: 3 minuti

giocoL’importanza del gioco per un bambino

È solo un gioco. Quante volte abbiamo pronunciato questa frase per indicare che, in fondo, non è niente di serio. In realtà, a ben pensare, non è possibile associare al termine giocare un aggettivo riduttivo, perché ciò che il gioco è in grado di fare nella vita di un bambino (e non solo) è qualcosa di straordinario.

Il ruolo del gioco per lo sviluppo cognitivo

Uno dei maggiori contributi in tale ambito è sicuramente quello di Jean Piaget (1945), il quale considera il gioco un elemento centrale dello sviluppo cognitivo.

In particolare, egli attribuisce al gioco un valore fondamentale nel processo di formazione del simbolo: giocando, il bambino si confronta con una realtà immaginaria che conserva una relazione con la realtà effettiva, ma, nello stesso tempo, se ne distacca. In questo modo, il bambino si esercita in un’attività mentale che consiste nel creare simboli per evocare eventi o situazioni non presenti nella realtà. Attraverso il gioco, inoltre, il bambino consolida capacità già acquisite attraverso l’esercizio e la ripetizione, e, nel frattempo, rafforza il sentimento di poter agire efficacemente nella realtà (2007).

Riprendendo la posizione di Piaget, Vygotskij (1966) ampia la visione del gioco considerandone anche le dimensioni affettive e motivazionali. In particolare, il gioco permette di affrontare la tensione tra i suoi desideri e l’impossibilità di soddisfarli. Giocando, il bambino si separa dal significato dell’oggetto reale e apre le porte al possibile, dando vita a un dei temi centrali della teoria dell’autore: la zona di sviluppo prossimale.

Il gioco per sviluppare l’autonomia

Un altro importante contributo è quello offerto da Donald Winnicott (1971), che colloca l’attività ludica in un’area intermedia di esperienza del bambino, al fine di conciliare il suo mondo interno con i vincoli della realtà esterna. Assume, quindi, un ruolo simile all’oggetto transizionale (la rassicurante “coperta di Linus”), che permette di affrontare i sentimenti di ansia connessi alla separazione dalle figure di riferimento. Giocare aiuta, dunque, ad emanciparsi in modo non traumatico dalla dipendenza materna, sviluppando l’autonomia e mantenendo una certa fiducia in una realtà positiva in grado di proteggerlo.

Lettura di approfondimento:  Come funziona la nostra mente?

Giocare aiuta nella strutturazione del Sé

A sottolineare la fondamentale importanza che il gioco riveste per ognuno di noi, contribuisce anche la posizione di George Mead (1934), il quale considera l’atto del giocare l’elemento strutturante il Sé. Egli distingue due fasi: il gioco, inizialmente, si configura come “play” (gioco spontaneo), in cui il bambino assume i ruoli delle persone significative; in questa fase, il bambino non ha un sé unitario, ma vive in modo scisso i diversi ruoli che assume. A partire dai sette anni, il gioco si trasforma in “game” (gioco organizzato), in cui, giocando in gruppo secondo regole convenzionali, il bambino impara ad assumere ruoli diversi all’interno di un unico insieme organizzato di azioni e reazioni.

Alla luce di questi contributi, è meraviglioso pensare a come un’attività così semplice e naturale come il giocare di un bimbo possa racchiudere in sé una funzione così importante e decisiva per tutta la sua vita. Ovviamente, le attività ludiche cambiano e si modificano nel corso dello sviluppo, ma l’importanza che rivestono rimane fondamentale. Sulla base di questi contributi, dunque, è evidente come, al fine di favorire il benessere del bambino e, di conseguenza, del futuro adulto, è necessario sviluppare un adeguato e pratico impegno sociale in termini di creazione di spazi e infrastrutture, in grado di rispondere in maniera adeguata alle richieste ludiche dei bambini.

Approfondimenti

  1. Baumgartner E. (2007), Il gioco dei bambino (acquista il libro), Carocci Editore
  2. Mead G. (1934), Mind, self and society, Univesity of Chicago Press, Chicago
  3. Piaget J. (1945), La formation du symbol chez l’enfant, Delachaux et Niestlè, Neuchâtel (trad. It. La formazione del simbolo, La Nuova Italia, Firenze, 2972)
  4. Vygotskij L. (1966), Play and its role in the mental development of the child, in “Vosproy Psikhologii”, 12, pp. 62-76
  5. Winnicott D. (1971) , Playing and reality, Tavistock, London
Lettura di approfondimento:  Disturbi mentali: come si strutturano?
Il gioco e l’importante ruolo che ricopre per lo sviluppo
Dai un voto a questo articolo

Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network!

Dr.ssa Annabell Sarpato

Dr.ssa Annabell Sarpato

Psicologa e conduttrice di gruppi
Esperta in Processi di Apprendimento
Svolge la libera professione privatamente presso il Centro di Psicoterapia Psicodinamica Eric Berne, lavorando con i bambini e le loro famiglie, attraverso interventi individuali e di gruppo.
Dr.ssa Annabell Sarpato

Articoli recenti di Dr.ssa Annabell Sarpato (guarda tutto)


_____________________________________________________

© Copyright, www.davidealgeri.com – Tutti i diritti riservati. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Iscriviti per ricevere future notifiche di nuovi corsi o contenuti da leggere. 🙂
Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, secondo la normativa vigente sulla Privacy D.Lgs. 196/2003.
Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *