caso clinico
Quando l’aiuto diventa necessario (decimo incontro)
6 ottobre 2010
Intervista su “L’eco di Bergamo”, 25 settembre 2010
10 ottobre 2010
Tutte le categorie

Ridere è una cosa seria

Tempo di lettura: 2 minuti

ridere--terapeutico

Il riso è un importante facilitatore dei rapporti sociali. E’ più facile essere accettati se si è capaci di humour; aiuta a farsi ascoltare, agisce come lubrificante dei rapporti perchè attenua fortemente le gerarchie e fa passare un messaggio di non aggressione e complicità.

In particolare quando si entra in relazione con persone che non si conoscono, aiuta a scaricare il nervosismo, a diminuire il senso di ostilità spesso presenti quando si incontrano estranei.

Le cose dette con un sorriso, inoltre, sono più accattivanti, risultano più convincenti perchè una persona capace di ironia mostra apertura mentale e intelligenza.

E’ vero anche che, generalmente,  la gente si aspetta che una persona tranquilla capace di sdrammatizzare, sia più degna di fiducia, più equilibrata.

Tutto questo è ancora più evidente nei contesti di lavoro di gruppo, dove il sorriso agisce da facilitatore della comunicazione, perchè aiuta a creare un clima disteso, di collaborazione e senso di unione. Si riesce più facilmente a “fare da traino”, ad acquisire un ruolo di leader, focalizzando su di se’ l’attenzione.

Anche l’autoironia è fondamentale perchè mostra capacità di sdrammatizzare gli eventi negativi.

Nella nostra società è molo apprezzata tale capacità di cogliere uno spunto divertente da una situazione, a differenza di altre epoche storiche, in cui questo comportamento veniva condannato e svilito. Da piccoli impariamo tutti a ridere e a sorridere, è un comportamento innato. Perchè alcuni hanno smesso di ridere?

Ci si può chiedere perchè sia considerato frivolo o schiocco sdrammatizzare su cose serie, solenni, come la religione, la filisofia. L’humor va contestualizzato e in particolare la sua componente negativa di derisione e scherno, cariche di aggressività e di sprezzante disappunto.

Lettura di approfondimento:  Il mio percorso...

Con l’ironia passa pure la cultura, lo spessore di una persona, è lo specchio della sua personalità. C’è differenza tra ridere di qualuno e ridere con qualcuno. Ciò che conta è  il fine e il modo in cui viene utilizzato. Se vediamo qualcuno sorridere di solito pensiamo che sia contento, ma non sempre è così. E’ un indicatore di amichevolezza e desiderio di connessione positiva con qualcuno. Non è necessariamente un indicatore attendibile dello stato emotivo. Tuttavia ridere fa bene alla salute poichè il rilascio di endorfine carica di benessere e positività e questi comunque filtrano e sono percepiti dagli altri.

Ridere è una cosa seria
Valuta questo articolo

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

50% 0% 0% 0% 50%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Lettura di approfondimento:  E’ proibito non sorridere ai problemi. I benefici della risata

Commenta