Coaching strategico
24 novembre 2011
Il setting della terapia conversazionale
29 novembre 2011
Tutte le categorie

Caratteristiche del legame di attaccamento

legame di attaccamento
Tempo di lettura: 3 minuti

legame di attaccamentoIl legame di attaccamento madre-bambino

Bolby e la teoria del legame di attaccamento

La teoria dell’attaccamento di Bowlby (1969-82, 1973, 1979, 1980, 1988) ha preso avvio dall’osservazione delle reazioni di bambini che provavano angoscia a causa della separazione dalla madre anche in presenza di altre persone che si prendevano cura di loro.

Tipologie di legame di attaccamento nell’infanzia

Secondo Bowlby queste reazioni alla separazione seguono tre fasi universali e costanti: protesta, disperazione e distacco fino a quando avviene il ricongiungimento.

Le tre caratteristiche del legame di attaccamento sono: ricerca e mantenimento della vicinanza e la figura di attaccamento come base sicura per consentire al bambino l’esplorazione dell’ambiente e ha individuato tre pattern di attaccamento, uno sicuro e due insicuri (ansioso/ambivalente ed evitante).

  1. Il legame di attaccamento sicuro si caratterizza per un equilibrio tra sistema di attaccamento e sistema esplorativo. I bambini sicuri mostrano angoscia al momento della separazione, ma al momento della riunione si lasciano consolare e riprendono l’esplorazione dell’ambiente. I bambini insicuri possono essere classificati come ansiosi/ambivalenti o evitanti.
  2. Il legame di attaccamento ansioso/ambivalente è tipico di un bambino che è totalmente dipendente dalla figura di attaccamento da ridurre l’esplorazione.
  3. Il legame di attaccamento evitante si caratterizza per il rifiuto della madre al contatto fisico, la tendenza al distacco e a respingere la ricerca di vicinanza del bambino.

Il legame di attaccamento nell’adulto

Il presupposto di base della teoria dell’attaccamento è un’ottica life span, ossia l’individuo nel corso della vita può instaurare più legami di attaccamento con partner diversi. La formazione e lo sviluppo di legami affettivi sono influenzati dalle prime esperienze di attaccamento dell’infanzia. Lo stile di attaccamento si rinforza nel corso del tempo attraverso la formazione dei modelli operativi interni, ossia una rappresentazione mentale di sé e degli altri che si formano dalle interazioni con le figure di attaccamento dell’infanzia.

Questi modelli si basano su sistemi organizzati di credenze e aspettative che consentono al bambino di regolare il comportamento, di prevedere i comportamenti della figura di attaccamento e pianificare le proprie risposte. Diventano delle mappe cognitive che guidano il bambino a prevedere la reazione della figura di attaccamento e definire le proprie reazioni. Queste previsioni vengono generalizzate ed estese alle altre relazioni affettive, influenzando le modalità in cui il bambino strutturerà le relazioni sociali. Di conseguenza, lo stile di attaccamento potrebbe cambiare nel tempo, ma solitamente i modelli operativi interni tendono ad autoperpetuarsi e ad essere confermati come delle profezie che si autoavverano.

Le esperienze di attaccamento infantile giocano un ruolo fondamentale nel costruire la sicurezza nelle relazioni di coppia e le prime esperienze influenzano le relazioni affettive nella misura in cui costruiscono aspettative e credenze circa l’attaccamento adulto in modo da dare senso alle dinamiche delle relazioni adulte prima che vengano stabilite.

Bibliografia

  • Bowlby, J. (1969). Attachment and Loss. Vol. 1: Attachment. Basic Books, New York. Tr. it. Attaccamento e perdita. Vol. 1: L’attaccamento alla madre, Boringhieri, Torino, 1972.
  • Bowlby, J. (1973). Attachment and Loss. Vol. 2: Separation. Basic Books, New York. Tr. it. Attaccamento e perdita. Vol. 2: La separazione alla madre, Boringhieri, Torino, 1975.
  • Bowlby, J. (1979). The Making and Breaking of Affectional Bonds. Tavistock Publications, London. Tr. it. Costruzione e rottura dei legami affettivi, Raffaello Cortina Editore, Milano, 1982.
  • Bowlby, J. (1980a). Attachment and Loss. Vol.3: Loss, Sadness and Depression. Basic Books, New York. Tr. it. Attaccamento e perdita. Vol. 3: La perdita della madre, Boringhieri, Torino, 1983.
  • Collins, N. L., & Read, S. J. (1990). Adult attachment, working models, and relationship quality in dating couples. Journal of Personality and Social Psychology58, 644-663.
  • Feeney, J. A., Noller, P., & Callan, V. J. (1994). Attachment style, communication and satisfaction in the early years of marriage. Advances in Personal Relationships5, 269-308.
  • Hazan, C., & Shaver, P. (1987). Romantic love conceptualized as an attachment process. Journal of Personality and Social Psychology, 52, 511–524.
  • Shi, Lin (2003). The Association between adult attachment styles and conflict resolution in romantic relationships. The American Journal of Family Therapy, 31, 3, 143-157.
  • Simpson, J., Rholes, W. S., & Phillips, D. (1996). Conflict in close relationships: An attachment perspective. Journal of Personality and Social Psychology, 71, 899–914.
Caratteristiche del legame di attaccamento
Valuta questo articolo

_____________________________________________________

© RIPRODUZIONE RISERVATA, COPYRIGHT www.davidealgeri.com. Legge 633 del 22 Aprile 1941 e successive modifiche.

E’ vietata la copia e la pubblicazione, anche parziale, del materiale su altri siti internet e / o su qualunque altro mezzo se non a fronte di esplicita autorizzazione concessa da davidealgeri.com e con citazione esplicita della fonte. E’ consentita la riproduzione solo parziale su forum, pagine o blog solo se accompagnata da link all’originale della fonte. E’ altresì vietato utilizzare i materiali presenti nel sito per scopi commerciali di qualunque tipo.


Che emozione hai provato dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%

Contatta lo psicologo

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.


HAI BISOGNO DI UNO PSICOLOGO NELLA TUA ZONA? CERCALO NELLA RETE DI PSICOLOGI

Commenta